mercoledì 16 gennaio 2019

Scimmie e pirati, via al Festival dei Popoli

Il festival internazionale del film documentario scatta venerdì 28 novembre al cinema Odeon, con le gesta dei pirati somali e la vita di tre scimmie, tra cui Cheeta, nota per i film di Tarzan
Redazione
Una scena di Last Hijack

Scatta la 55esima edizione del Festival dei Popoli, festival internazionale del film documentario: saranno i documentari in prima italiana “See No Evil” di Jos de Putter (ore 18) sulla vita di tre scimmie, tra cui Cheeta, nota per i suoi ruoli nei film di Tarzan, e “Last Hijack” (ore 21) di Tommy Pallotta e Famke Wolting, sugli arrembaggi dei pirati somali, a inaugurare il festival, venerdì 28 novembre al cinema Odeon di Firenze (ingresso 5/7 euro).

See No Evil

Alle 18 si parte con See No Evil (Paesi Bassi, 2014), l’ultima opera del regista Jos de Putter, che apre la retrospettiva dedicata dal festival all’autore olandese. La telecamera osserva la vita di tre scimmie ormai anziane: Cheeta, nota per i suoi ruoli da attrice nei film di Tarzan, Kanzi – “la scimmia più intelligente al mondo” – che dopo anni di studi riesce in parte a comunicare con gli uomini grazie a un computer, e Knuckles, utilizzata per test che hanno lasciato cicatrici profonde sul suo corpo e nella sua mente. Tre animali che hanno vissuto a stretto contatto con l’uomo. Il ricordo del loro passato e l’osservazione del loro presente diventa un viaggio nei meandri più profondi dell’essere umano. Il regista sarà presente alla proiezione.

Last Hijack

Alle 21 è poi prevista la proiezione di Last Hijack (L’ultimo arrembaggio), docufilm diretto da Tommy Pallotta e Famke Wolting, che permette, attraverso un originale incontro tra documentario e cinema d’animazione, di conoscere più da vicino le vicende dei pirati della Somalia. Il documentario guarda alla situazione della Somalia contemporanea attraverso gli occhi degli uomini che da anni assaltano le petroliere che ne solcano le acque. Un tempo rispettati e temuti, oggi stigmatizzati sia dalla cronaca internazionale che dai propri connazionali, i pirati del Corno d’Africa non sono più eroi, ma uomini che lottano per la propria sopravvivenza. Le scene degli assalti alle navi sono state ricostruite con sequenze animate. A proposito della scelta di creare un ibrido che fondesse il documentario con altri generi cinematografici, i registi spiegano: “Le forme ibride offrono moltissime possibilità in termini di narrazione. Sfidano l’idea della realtà oggettiva che il documentario dovrebbe catturare. Last Hijack incorpora scene girate dal vivo e animazione, ma anche finzione e documentario – continuano – queste nuove forme ibride sono emozionanti, danno la possibilità di sperimentare e ricercare modalità di narrazione che non debbano sottostare a nessuna regola”.

27 novembre 2014
articoli correlati

Pieraccioni, nuovo film in sala. Anche a Firenze

Il nuovo film di Leonardo Pieraccioni sarà al cinema da giovedì 29 novembre. Un messaggio dal cellulare: "Sono cambiato. Riproviamoci!". Così un uomo con una lunga serie di storie fallite alle spalle si ritrova a incontrare di nuovo tutte le sue ex. Ecco dove vederlo a Firenze

Cinema Universale, (quasi) pronti per il ciak

In arrivo il casting per le comparse che avranno l'occasione di sedere sulle seggioline di legno del vecchio cinema fiorentino (ma non in via Pisana). Autori a caccia di una cucina anni '70-'80 per girare alcune scene. Pronti ad aprire le porte di casa vostra? 

Pieraccioni, una settimana a ''Striscia''

L'attore e regista fiorentino diventa anchorman per il tg satirico più famoso della tv. Con lui il comico Maurizio Battista
quartieri di firenze
Primo piano

Ordinanza piazza vivibili, a Firenze i controlli continueranno

Il bilancio delle ordinanze per il controllo delle piazze e contro il ''panino selvaggio'' in via de’ Neri. Intanto arrivano risultati dalla squadra anti-droga della polizia municipale
news
Focus
Agenda
Arte & moda
Dalla città
Focus

Firenze dice ''No'' alle slot machine, il Tar conferma

Il Tar dà ragione al Comune di Firenze e respinge il ricorso contro l'ordinanza anti-slot. Sale chiuse alle 18 e macchinette spente nei bar e nei locali dalle 13 alle 19. Nardella: ''Siamo dalla parte della salute pubblica''

A Firenze la control room del traffico metropolitano

Fusione per le due società pubbliche Silfi e Linea Comune: nasce uno dei poli smart d’Italia per  il monitoraggio della viabilità, l'illuminazione pubblica, i servizi online e l’innovazione

Saldi invernali 2019 a Firenze: quando, dove e come

CSaldi invernali 2019 a Firenzeon i primi giorni di gennaio iniziano i saldi invernali a Firenze: i consigli per non farsi sfuggire i migliori sconti, dai negozi del centro fino agli outlet. La nostra guida ai ribassi di fine stagione

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina