martedì 20 febbraio 2018

In Toscana 100mila orti urbani per i contadini di città

''Pronti ad assegnare i primi terreni nel 2016'', annunciano dalla Regione. Gli orti urbani saranno ''adottati'' da giovani, pensionati e associazioni di volontariato
Redazione
Orti urbani Firenze

Foto: Il Reporter - GC

Orto urbano, un fazzoletto di verde strappato al cemento: i toscani rispolverano vanga e rastrello. Sono in arrivo 100mila appezzamenti da far coltivare a chi non ha un giardino dove crescere ortaggi e frutta. Giovani, anziani, famiglie e associazioni di volontariato: saranno loro ad adottare questi pezzetti di terreno, messi a disposizione dai Comuni in modo gratuito.

Il primo passo del progetto “100mila orti in Toscana”, lanciato dalla Regione, è il protocollo siglato insieme all’Anci regionale e a 6 comuni che già hanno esperienza in fatto di agricoltura di città (Firenze, Bagno a Ripoli, Siena, Livorno, Grosseto e Lucca).

La task force per gli orti urbani della Toscana

Nasce ora un team di lavoro per spandere a macchia d’olio in tutta la Toscana gli orti urbani:  appezzamenti di terreno (ottenuti riqualificando zone pubbliche) e coltivazioni fuori terra in grossi vasi o vasche, con intorno tutta una serie di servizi (come impianti di irrigazione e bagni) per trasformare l’agricoltura urbana anche in un momento per socializzare, valorizzare le antiche varietà locali e scambiarsi informazioni sulle tecniche di coltivazione. Secondo il cronoprogramma i Comuni potranno far partire il progetto entro il 31 dicembre 2016.

Gli orti sociali a Firenze

Solo a Firenze esistono 800 orti sociali in varie zone della città: da Careggi all’Argingrosso. Il Comune affida gratuitamente queste aree, con bandi pubblicati in ogni quartiere, piccoli appezzamenti di terra, tra i 50 e i 100 metri quadrati, dotati di tutti i comfort del contadino moderno: impianti di irrigazione, mobiletto per gli attrezzi e servizi igienici. Sono ricavati dividendo terreni di proprietà pubblica in tanti mini-campi e devono essere coltivati con concimi biologici e senza pesticidi chimici.

16 ottobre 2015
articoli correlati

Car sharing: a Firenze arriva Adduma Car (con eco furgoni)

Boom delle auto condivise in città e arriva il quarto operatore: Adduma Car, società siciliana, che porta a Firenze veicoli elettrici e anche furgoni, per traslochi a prova di ztl

Auto, bici e spesa: condiviso è bello... ed economico

Car sharing, bike sharing o addirittura spesa condivisa. A Firenze esplode la moda del ''condiviso'', tra app e piattaforme web. tutto all’insegna della green economy e del risparmio

Anconella un anno dopo l’uragano. Festa per la rinascita del parco foto

A un anno dalla tempesta che ha distrutto il polmone verde di Firenze sud, musica, laboratori per bimbi, apericena e un raduno per fare il punto sulla ricostruzione del parco dell’Anconella
quartieri di firenze
Primo piano

Pari viola Bergamo

Reduce dalla sconfitta contro la Juve la Fiorentina è salita a Bergamo col chiaro intento di far punti. C’è riuscita contro un’Atalanta chiaramente distratta dall’Europa League
news
Newsletter il Reporter Firenze - iscriviti
Zoom
Agenda
Bambini
La guida
Focus

Ninjaz: l'hip hop e il rap toscano targato Numa Crew

Un po' rapper, un po' writer (è suo il super murales vicino alla Fortezza da Basso): abbiamo incontrato Ninjaz, che ha appena esordito con il suo primo lavoro da solista, 'Showgun'

Palazzo Strozzi, le mostre del 2018

Dall’arte italiana di metà Novecento alle controverse performance di Marina Abramović, ecco gli eventi espositivi ci aspettano a Palazzo Strozzi nei prossimi mesi

Monet experience a Firenze: impressionisti a 360 gradi video

Quadri senza tele, proiettati su enormi schermi e sulle architetture di Santo Stefano al Ponte. Per la 'Monet experience' ci vuole anche naso, grazie a profumi naturali creati per l'esposizione digitale

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina