domenica 16 dicembre 2018

L'uomo della pioggia riapre il suo ombrello

La celebre statua di Folon è stata ricollocata all'ingresso sud della città dopo che nel marzo scorso una macchina era uscita di carreggiata urtandola e spezzandola in due
Andrea Tani

L'Uomo della pioggia è di nuovo al suo posto, col cappello e l'ombrello a falde d'acqua zampillante. La celebre scultura di Jean Michel Folon posta all'ingresso sud della città, danneggiata in un incidente d'auto nella notte tra il 7 e l’8 marzo scorsi, è stata restaurata e ricollocata al centro della rotatoria tra via De Nicola e Lungarno Aldo Moro, nei pressi dell'Obihall.

un restauro completo

Urtata da un'auto uscita di carreggiata, la statua fu spezzata in due, con danni anche alla parte idraulica e al basamento. Il restauro e la ricollocazione della statua sono stati affidati alla Galleria Frilli, storica galleria di Firenze fondata nel 1860 che vanta lavori di prestigio quali le repliche della porta del paradiso e della porta nord del Battistero, mediante un contratto di sponsorizzazione tecnica. La galleria si è avvalsa della collaborazione esecutiva della Fonderia artistica Ciglia e Carrai di Impruneta.

La statua è stata completamente restaurata mediante saldatura e riconsolidamento delle parti staccate, rimodellatura della parte anteriore, ripulitura dallo sporco. Infine è stata sottoposta ad un trattamento di patinatura per riportarla al colore originario e ricollocata sul basamento. Sono stati inoltre effettuati lavori di manutenzione della vasca (ri-impermeabilizzazione, riverniciatura, ripristino impianti elettrico e idrico, nuove piante) affidati all’impresa Taglietti Elio & C. di Firenze. I lavori sono costati 10 mila euro.

Alla cerimonia di ieri era presente anche il sindaco Dario Nardella. La statua era stata donata alla città da Folon nel 2002 in occasione del Social forum europeo.

15 dicembre 2015
articoli correlati

Dodici giorni davanti al pubblico: nuova "re-performance" di Marina Abramovic

Vivere in isolamento e digiuno all'interno della mostra, senza pareti e sempre visibile ai visitatori. La performer Tiina Pauliina Lehtimäki esegue dal vivo "The House with the Ocean View" di Marina Abramovic fino al 16 dicembre

Il Sessantotto fiorentino al Museo Novecento

A 50 anni di distanza una ricerca sui luoghi, le immagini, le parole dei movimenti di protesta nella città di Firenze. Ingresso gratuito

Che c’è di nuovo alla Palazzina dell’Indiano

Alla ‘fine’ delle Cascine nasce uno spazio espositivo e un luogo dedicato alle le arti performative, con una caffetteria e un angolo libri. Ci sono anche tante attività gratuite per tutta l’estate
quartieri di firenze
Primo piano

Non solo mercatini: cosa fare a Firenze nel weekend

Babbi Natale in moto, la Firenze del futuro, scuole aperte per i più giovani, mostre e spettacoli. Cosa fare a Firenze nel fine settimana del 15 e 16 dicembre
news
Focus
Agenda
Attualità
Dalla città
Focus

Natale nei musei di Firenze (con i bambini)

Le attività per le famiglie organizzate nei luoghi d'arte della città. Ecco i musei di Firenze che propongono visite speciali a misura di bambino durante le vacanze natalizie

Le scuole si presentano 2018: a Firenze ''open day'' per 38 istituti superiori

Licei, istituti tecnici e professionali. Nella palestra di viale Malta quasi 40 scuole superiori di Firenze si mettono in mostra per il salone di orientamento promosso dal Comune

Dodici giorni davanti al pubblico: nuova "re-performance" di Marina Abramovic

Vivere in isolamento e digiuno all'interno della mostra, senza pareti e sempre visibile ai visitatori. La performer Tiina Pauliina Lehtimäki esegue dal vivo "The House with the Ocean View" di Marina Abramovic fino al 16 dicembre

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina