martedì 20 febbraio 2018

Hand signed, il meglio della musica elettronica

Una rassegna, pensata come una sonorizzazione “in progress” per gli affascinanti spazi della Sala Vanni di Firenze
La Redazione
Masayoshi Fujita

Appuntamento il 30 gennaio con Masayoshi Fujita

La musica prende posto. E non è solo un modo di dire quando si parla di Hand Signed, progetto realizzato da OOH-sounds, NODE Festival e Musicus Concentus con la collaborazione del Museo Marino Marini.

Una rassegna pensata come una sonorizzazione “in progress” per gli affascinanti spazi della Sala Vanni di Firenze. Partendo dall'idea di un suono scultoreo dotato di una sua dimensione fisica, sono stati selezionati sette artisti internazionali fondamentali nella attuale scena elettronica sperimentale, accomunati da un approccio organico alla musica di ricerca, da un forte spirito di improvvisazione e dalla manipolazione analogica del suono.

Musica elettronica tra gli affreschi della Sala Vanni

Le performance entreranno in risonanza con gli spazi e gli affreschi della Sala Vanni, creando un gioco di forze in bilico fra linguaggio artistico e composizione musicale. L'obiettivo è quello di immergere il pubblico in una esperienza sensoriale profonda, nella quale la dimensione architettonica entra in relazione con la dimensione immateriale e acustica del suono.

Il primo appuntamento con Masayoshi Fujita

Protagonista del primo appuntamento, previsto per sabato 30 gennaio,  sarà il compositore e vibrafonista giapponese Masayoshi Fujita, da poco uscito con l’album “Apologues” per Erased Tapes Records. Con alle spalle una carriera da batterista Masayoshi Fujita si dedica al vibrafono come mezzo di narrazione, costruendo splendide storie dalle strutture ambient che convergono verso la neoclassica e trovano movimenti ritmici precisi e puntigliosi. Un suono sofisticato e sognante, intimo e minimalista, apologia della magnificenza dell’arte.

Il viaggio di Hand Signed proseguirà con le sognanti atmosfere disegnate dal violoncello di Oliver Coates (19/02),  i droni psichedelici di Bill Kougalis (18/03), le imprevedibili tessiture elettroacustiche di Nicola Ratti e Kassel Jaeger (09/04), la techno deviata e claustrofobica della inglese Beatrice Dillon (29/04) e la  visionaria manipolazione delle fonti sonore del veterano Philip Jeck (20/05).

Particolare cura sarà dedicata all’illuminazione, grazie a un progetto realizzato con il sostegno di Red Lighting. L’esclusivo progetto esalterà i volumi e gli affreschi della Sala Vanni, accompagnando il pubblico nella performance fin dal primo minuto.

La comunicazione è realizzata partendo dai disegni di Marco Mazzoni, tratti dalla serie “One Thousand Nine Hundred Sixty Five Pricks”, 2013. Coreografo, performer e artista visivo, è uno dei membri fondatori di Kinkaleri.

 

27 gennaio 2016
articoli correlati

A 10, 20 o 30 km: cosa fare d’estate nei dintorni di Firenze

Vacanze a chilometro zero (o quasi): le mete per passare la bella stagione a poca distanza dalla città, tra festival musicali e itinerari golosi nel verde

Beerrenai 2017: concerti e show nel parco di Signa

Dai Gem Boy a Sabrina Salerno e al tour del Mamamia, passando per tante cover band. Nel parco dei Renai di Signa torna il Beerrenai Summer Festival, un mese di birra (artigianale) ed eventi

Puccini, tutto il festival in un libro

Mercoledì 20 luglio alle 17 Niclo Vitelli presenta il libro "Un bel dì vedremo" nella Sala del Gonfalone del Consiglio Regionale della Toscana, a Firenze.
quartieri di firenze
Primo piano

Pari viola Bergamo

Reduce dalla sconfitta contro la Juve la Fiorentina è salita a Bergamo col chiaro intento di far punti. C’è riuscita contro un’Atalanta chiaramente distratta dall’Europa League
news
Newsletter il Reporter Firenze - iscriviti
Zoom
Agenda
Bambini
La guida
Focus

Ninjaz: l'hip hop e il rap toscano targato Numa Crew

Un po' rapper, un po' writer (è suo il super murales vicino alla Fortezza da Basso): abbiamo incontrato Ninjaz, che ha appena esordito con il suo primo lavoro da solista, 'Showgun'

Palazzo Strozzi, le mostre del 2018

Dall’arte italiana di metà Novecento alle controverse performance di Marina Abramović, ecco gli eventi espositivi ci aspettano a Palazzo Strozzi nei prossimi mesi

Monet experience a Firenze: impressionisti a 360 gradi video

Quadri senza tele, proiettati su enormi schermi e sulle architetture di Santo Stefano al Ponte. Per la 'Monet experience' ci vuole anche naso, grazie a profumi naturali creati per l'esposizione digitale

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina