mercoledì 21 febbraio 2018

Alice e le avventure al Giardino delle rose

Prendere un cagnolino che scappa, un uomo con il cappello, una valigia trasparente con dentro una barchetta magica..Che la meravigliosa fiaba di Alice abbia inizio!
Ninni Babalina
“Artù! Artù!”. Alice chiamò il suo cagnolino a gran voce, ma di lui nessuna traccia. L'aveva portato al Giardino delle rose per la passeggiata quotidiana ma quel birbone di un beagle se l'era data a gambe. Alice avrebbe voluto tornare a casa, il sole stava tramontando, ma purtroppo si era persa.
 
Così continuò a vagare nel Giardino quando a un tratto, in un punto dove i cespugli profumati si aprivano in una piazzola, scorse un uomo su una panchina. “Scusi, ha visto il mio cagnolino Artù?”, si avvicinò la bimba. L'uomo alzò lo sguardo dal libro che stava leggendo. Si aggiustò la tesa del cappello e poi: “Un cagnolino? Da qui ne passano tanti. Ma uno che si chiama Artù non mi pare”. “È tardi, la mamma sarà preoccupata”, piagnucolò Alice. L'uomo col cappello si alzò: “Vieni”, e accompagnò Alice di fronte a una valigia tutta trasparente e contenente una barchetta. “È la valigia dei desideri: ogni viaggio della barchetta conduce a un sogno. Guardaci dentro e vedrai dov'è il tuo cagnolino”. Alice non se lo fece ripetere: desiderò ritrovare Artù e in men che non si dica nella valigia si materializzò l'immagine del beagle. Era appollaiato sulla schiena di un gattone addormentato steso su un prato, affatto preoccupato di aver lasciato da sola Alice! “Raggiungilo, presto, di là!”, la incitò il signore con il cappello.
 
Alice corse tra gli alberi del Giardino fiorito. Quando arrivò dal gattone però Artù non c'era. “Cosa cerchi simpatica bambina?”, disse una voce alle sue spalle. Alice si girò: era un uomo con una bizzarra acconciatura. Al posto dei capelli aveva una chioma! “Se continui a fissare la mia capigliatura non ti parlo più”, si risentì lo strano figuro. “Mi scusi – disse Alice – stavo cercando il mio cagnolino, era qui un minuto fa”. “Sì – sbottò il tipo – e per poco non mi scambiava per un albero per i suoi bisognini!”. La bimba rise. “In ogni caso – continuò lui – è andato alla culla delle rose”. “Che cos'è?”, chiese Alice. “È un luogo incantato - rispose Testa d'Albero – dove i boccioli di rose si riposano in attesa di fiorire ai primi di maggio, tra alcune settimane. Ti ci accompagno”.
 
Pochi metri tra gli arbusti odorosi di primavera e davanti ad Alice si parò uno spettacolo: in un grande prato centinaia di bebè di rose dormivano beati, protetti da lucciole ondeggianti che ne sorvegliavano il sonno. Boccioli gialli e rosa e rossi e bianchi, che a breve avrebbero rallegrato tutto il Giardino.
 
Fu allora che qualcuno iniziò ad abbaiare: "Bauu!". Era Artù! Correva incontro ad Alice scodinzolando, rischiando di svegliare i boccioli dirosa con i suoi latrati di gioia! “Zitto dispettoso!”, disse Testa d'Albero. Cercando di fermare il cagnolino, Alice inciampò rovinando a terra. Si riprese poco dopo: le doleva forte un ginocchio, Artù era al suo fianco. Testa d'Albero però non c'era più. Il prato era vuoto. Sparite le lucciole danzanti, spariti i boccioli. “Lo sapevo – disse delusa Alice – era solo un sogno, forse ho sbattuto la testa...”. Sconsolata, prese in braccio Artù e si diresse verso l'uscita del Giardino. Prima di imboccare la via di casa si voltò a guardare il crinale fiorito. E sulla cima, tra gli arbusti profumati, intravide un signore con il cappello e un uomo con una strana capigliatura: la salutavano sorridenti con la mano.
 
7 aprile 2016
articoli correlati

A caccia dei misteri di via Palazzo dei Diavoli

Gli alunni della scuola della Montagnola mettono in pratica quanto studiato sui libri: sotto esame via Palazzo dei Diavoli, alla periferia di Firenze, con qualche sorpresa

Arcetri, visite ed eventi per Light in Astronomy

Una settimana di eventi nell’osservatorio di Arcetri, sul colle che domina Firenze: visite, conferenze e laboratori per bambini con ricercatori e astronomi

'Domeniche matematiche' nel Giardino di Archimede

Anche la scienza dei numeri può essere divertente, tra mostre, laboratori e attività pensate per i più piccoli. A Firenze esiste il Giardino di Archimede, un museo tutto dedicato alla matematica
quartieri di firenze
Primo piano

DanzainFiera 2018, Firenze balla per 4 giorni

Grandi ospiti, dalle étoile della danza ai protagonisti dei musical, esibizioni, stage e l'atteso premio DanzainFiera. Per 4 giorni la Fortezza da Basso di Firenze diventa una super pista da ballo
news
Newsletter il Reporter Firenze - iscriviti
Zoom
Agenda
Bambini
La guida
Focus

Il Toscana Pride 2018 è a Siena

Annunciata la data e la nuova ‘tappa’ del corteo lgbtqia. Dopo Firenze e Arezzo, il pride arriva nella città del palio a metà giugno

Palazzo Strozzi, le mostre del 2018

Dall’arte italiana di metà Novecento alle controverse performance di Marina Abramović, ecco gli eventi espositivi ci aspettano a Palazzo Strozzi nei prossimi mesi

Monet experience a Firenze: impressionisti a 360 gradi video

Quadri senza tele, proiettati su enormi schermi e sulle architetture di Santo Stefano al Ponte. Per la 'Monet experience' ci vuole anche naso, grazie a profumi naturali creati per l'esposizione digitale

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina