giovedì 21 settembre 2017

Gli architetti: ''La Loggia Isozaki va fatta''

Il dibattito sul progetto della nuova uscita degli Uffizi. Per il direttore Schmidt ''E' tempo di decidere'', per gli architetti fiorentini ''va realizzato’’, ma bocciano il referendum sull'opera
Redazione
Loggia Isozaki architetti

Loggia Isozaki 18 anni dopo. Era il 1998 quando il progetto per la nuova uscita degli Uffizi firmato dall’archistar giapponese Arata Isozaki vinse il concorso internazionale. Oggi l’idea fa ancora discutere, proprio quando i lavori per i Nuovi Uffizi stanno per arrivare al punto (dolente) della copertura dell’uscita su piazza del Grano.

Il direttore degli Uffizi Eike Schmidt, in una recente intervista, ha detto che “se qualcuno non la vuole più dovrà metterci la faccia, ma anche i soldi”, facendo riferimento al risarcimento milionario che scatterebbe con la “caduta” del progetto Isozaki.

Gli architetti: “Realizzarla senza se e senza ma”

Anche l’Ordine degli Architetti di Firenze, con il presidente Roberto Masini, interviene nel dibattito. “Adesso, a distanza di quasi vent'anni dal concorso di progettazione internazionale vinto dalla Loggia disegnata dall'architetto giapponese, sarebbe più opportuno che qualcuno si assumesse una volta per tutte la responsabilità di realizzarla o non realizzarla, senza nascondersi dietro strategie populiste – dice Masini - se la Loggia non vedrà la luce, l'artefice di tale decisione dovrà spiegarne i motivi in maniera adeguata, pertinente e circostanziata, poiché significa contraddire la valutazione compiuta da una giuria di esperti riconosciuti in tutto il mondo”.

Gli architetti fiorentini bocciano poi la possibilità di indire un referendum tra i fiorentini, ipotizzata da Schmidt, per dire sì o no al disegno Isozaki. “Consultazioni di vario tipo sul progetto di Isozaki sono già state fatte in passato – precisa Masini - per poi essere strumentalizzate”.

E ancora: “Siamo del parere che i concorsi sugli spazi pubblici debbano contemplare una percentuale di giuria popolare, ma nel caso della Loggia non può essere fatto a posteriori. Senza contare che una giuria esclusivamente popolare, non formata da professionisti del settore, non dovrebbe essere lasciata da sola. Quando Giovanni Michelazzi realizzò il Villino Liberty in via Scipione Ammirato – continua il presidente dell’Ordine degli Architetti di Firenze - sui giornali dell'epoca, si parlò di 'architettura oscena'. Oggi quell'opera si studia sui libri di architettura. Lo stesso accadde per il complesso della Stazione del Michelucci”.

18 agosto 2016
articoli correlati

La nuova mostra di Palazzo Strozzi: ''Il Cinquecento a Firenze''

Michelangelo e Andrea Del Sarto, Pontormo e  Rosso Fiorentino. La nuova esposizione di Palazzo Strozzi dà l'opportunità di vedere riuniti capolavori provenienti da mezzo mondo

L’architettura toscana da “Oscar” foto

Alla Palazzina Reale di Firenze la mostra del Premio di Architettura della Toscana, che per la prima volta ha incoronato i progetti migliori realizzati nella regione negli ultimi 5 anni

Martedì gratis al cinema Odeon

Riparte con ''Lanterne Rosse'' di Zhang Yimou il ciclo di film ''I martedì al cinema con Palazzo Strozzi''. All'Odeon film gratis ogni settimana 
quartieri di firenze
Primo piano

La Fiorentina non tira mai, la Juve vince di misura

Un gol di Mandzukic regale tre punti alla Juventus contro una Fiorentina concentrata, a Torino, solo sulla fase difensiva. Neanche un tiro nello specchio della porta. Espulso Badelj nel secondo tempo
news
Il Reporter dei piccoli
Ultime occasioni
Eventi
In forma
Focus

Due settimane di festa per il circolo 25 aprile

Concerti, taranta, cibo e mercatini per svuotare la cantina. Fino al 30 settembre la Casa del popolo 25 aprile di via Bronzino è in festa

Da Sorrentino ai Medici: quali film saranno girati in Toscana

Dalla seguitissima serie tv sui Medici, fino alle produzioni targate Bollywood: molti film saranno ambientanti in Toscana. Via alle riprese in queste settimane di settembre

Viaggio tra i ristoranti asiatici di Firenze foto

Il giro dell'Oriente in 3 tappe gastronomiche. Assaporiamo con voi i ''piatti forti'' di alcuni tra i migliori ristoranti asiatici della città. Provare per credere

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina