sabato 29 aprile 2017

Icché ci vah ci vole: torna il festival ''open source''

Concerti, laboratori, arte, performance e installazioni. Per tre giorni il parco di Villa Favard ospita il festival che vuole riappropriarsi degli spazi della città
Icché ci vah ci vole 2016 Villa Favard

Un festival autocostruito e autoprodotto, a ingresso libero. Tre giorni di musica, arte, laboratori, performance, concerti per (ri)costruire e animare uno spazio verde di Firenze. Da venerdì 16 a domenica 18 settembre, torna “Icché ci vah ci vole”, che per l'edizione 2016 sbarca nel parco di Villa Favard, a Rovezzano.

Nella grande area verde tra via Rocca Tedalda e via Aretina sono in corso i lavori per tirare su un grande “villaggio del riuso”: tutte le strutture sono realizzate con materiali di recupero.

I grandi bancali di legno con cui sono costruiti i palchi e l’area relax sono stati prestati da un’azienda del settore, mentre un trippaio ha donato la carta gialla delle tovaglie usa e getta per stampare i volantini. L’impianto elettrico arriva poi dal Collettivo Fabrica, che organizza a Chianciano Terme la Festa della musica.

Icché ci vah ci vole, vasto programma

Il festival mette in rete tante realtà giovanili. “Icché ci vah ci vole” fa parte dell’Estate fiorentina ed è organizzato da una miriade di associazioni : No Dump, Riot Van, Progeas Family, Fema design, Marco Castelli, Compagnia Valerio Bellini e Alma Calende con supporto di Tree Faces.

"Questa squadra di giovani sta sconvolgendo positivamente il parco di Villa Favard - commenta il presidente del Quartiere 2 Michele Pierguidi nella video-intervista de Il Reporter - è anche un modo per riappropriarsi degli spazi della nostra città e per valorizzarli".

Ogni giorno dalle nove del mattino alle due di notte si susseguiranno laboratori per grandi e piccoli, performance, concerti e tante iniziative. Un festival “aperto” alle proposte del territorio, durante il quale saranno anche costruiti alcuni arredi che resteranno al quartiere.

A dare una mano per realizzare le strutture del festival è arrivata una squadra di rifugiti assistiti dalla cooperativa Albatros, che durante la tre giorni cureranno tre cene a tema il cui ricavato andrà a finanziare corsi professionalizzanti per gli stessi migranti. Il bar "a chilometri zero" servirà invece a finanziare il festival.

Programma e informazioni sulla pagina Facebook del Festival “Icché ci vah ci vole”.

14 settembre 2016
articoli correlati

Agricoltura: in Toscana 2 bandi per finanziare gli investimenti

Uno è destinato soprattutto ai giovani agricoltori toscani, l’altro allo sviluppo di agriturismo, attività educative, sociali e a interventi per l'efficienza energetica. Pubblicati online due bandi della Regione Toscana

Ponte a Greve ''ritrova'' il suo giardino video

Via le scritte da giochi e panchine, mentre il campetto si fa in due (grazie allo stadio). Il giardino di Ponte a Greve è stato ora adottato da un gruppo di cittadini

7 adolescenti su 10 giocano d’azzardo video

Il dato arriva da una ricerca svolta nelle scuole del quartiere 5 di Firenze. Per capire come prevenire il gioco d’azzardo patologico tra i più giovani, il Q5 ha organizzato un convegno
quartieri di firenze
Primo piano

DOMENICA 30 APRILE ARRIVA LA “GUARDA FIRENZE” NUMERO 45

La corsa di 10 e 3 chilometri con partenza e arrivo in piazza Duomo
news
Il Reporter dei piccoli
La città che cambia
Strade
Arte
Focus

All’Isolotto il carnevale è ''per la pace'' video

Centinaia di persone, grandi e piccoli, hanno sfilato da piazza dell’Isolotto a Villa Vogel per il tradizionale corteo di carnevale organizzato dal Quartiere 4 

La storia di ''Don Cuba'' in 3 eventi video

Tre giorni per ricordare ‘’Don Cuba”, al secolo Don Danilo Cubattoli, il sacerdote fiorentino che aiutò gli ultimi, tra mostre fotografiche e camminate GUARDA IL VIDEO

Festa dell’albero nel Q5: coinvolti 220 bambini video

Tappa finale del progetto che ha interessato i piccoli di 4 scuole elementari con incontri, laboratori e l’arrivo di nuovi alberi nei giardini

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina