lunedì 22 ottobre 2018

Torna il Festival delle generazioni

Musica, discussioni e intrattenimento in spazi cittadini come la biblioteca delle Oblate e il Teatro Verdi. Tanti gli ospiti attesi
Elisa Squarzolo

Il presente costruito attraverso il passato con lo sguardo proteso verso il futuro. Questo è il grande compito delle nuove generazioni: la costruzione del futuro. La finalità del Festival delle generazioni, che si svolgerà dal 13 al 15 ottobre a Firenze, è proprio quella di evidenziare come il canale per la costruzione del futuro sia il rapporto con le vecchie generazioni e la memoria del passato, perché “la convivenza passa attraverso la cultura”, come afferma il sindaco Dario Nardella.

nel nome della cultura

Cultura. Grande tema che animerà tutto il festival, cultura come convivenza, come tolleranza, come futuro e collante che tiene insieme tutte le generazioni. Altra grande tematica strettamente connessa alla cultura è quella dell'Europa, perché “dobbiamo scommettere nel rapporto tra cultura ed Europa per la costruzione del progetto comunitario” ha sottolineato Nardella.

terza edizione

Il festival delle generazioni giunge quest'anno alla sua terza edizione portando con sé grandi speranze come ha affermato Ermenegildo Bonfanti, segretario generale di Fnp Cisl, tra cui quella di porre all'attenzione degli enti istituzionali proposte attive nell'ambito sociale e quella di inviare a tutti i giovani un messaggio del tipo: “si può fare e si deve fare”. “I giovani sono posti oggi di fronte a due scelte opposte: posso oppure non posso e vado all'estero. Quello che vogliamo fare è dire alle nuove generazioni che si può fare. Anche in Italia”, queste le parole di Bonfanti.

come partecipare

Il festival, la cui partecipazione è gratuita con prenotazione obbligatoria sul sito www.festivaldellegenerazioni.it oppure info@festivaldellegenerazioni.it, si svolgerà nelle grandi sale della città di Firenze tra cui la sala dei Duecento, la biblioteca delle Oblate e il Teatro Verdi, con una programmazione varia che vuol conciliare musica, discussioni e intrattenimento. È un divertimento sano quello proposto dal festival delle generazioni, come affermato da Francesca Zaffino, direttrice artistica del festival, “in cui ogni evento è pensato per far nascere delle riflessioni”.

Saranno proposte ad esempio “tre tavole rotonde”: la prima affronterà il tema dell'immigrazione – non solo straniera – e vi parteciperà anche il costituzionalista Ainis. La seconda avrà come tema quella dell'alternanza scuola-lavoro e la terza focalizzerà l'attenzione sul tema dell'oltre e delle frontiere. Interverranno al festival grandi nomi del mondo della sociologia come Zygmunt Bauman, dell'astrofisica come Sandra Savaglio, del giornalismo come Sergio Rizzo e altri che accresceranno il valore dell'evento.

La serietà dei temi trattati sarà smorzata dalle battute sagaci del comico Dario Vergassola, che interverrà a dire la propria sulle varie tematiche. Un documentario proposto da Lorenzo Garzella, condotto attraverso interviste a famiglie e bambini di generazioni e culture differenti, è volto a mostrare che “la normalità non esiste” per corroborare l'idea della necessità di superare i limiti delle frontiere, non solo fisiche ma anche e soprattutto mentali. Il messaggio che si vuole mandare con il festival delle generazioni è: scacciare via il pessimismo della nazione confrontandosi con culture diverse per la costruzione di un futuro di inclusione e partecipazione.

20 settembre 2016
articoli correlati

Middle East Now: festival del Medio Oriente alla Compagnia

Dal 10 al 15 aprile la nona edizione del festival che racconta il Medio Oriente contemporaneo attraverso cinema, documentari, arte, teatro, musica, cibo, incontri ed eventi speciali

La Firenze di Marco Vichi 'non è roba per turisti'

Anche per scrivere, ci vuole tanto allenamento, come per correre i 100 metri. Parola di Marco Vichi. Il Reporter intervista il 'padre' del commissario Bordelli

La bella addormentata danza ai tempi nostri

I nuovi talenti della danza toscana mettono in scena al Teatro dell'Opera di Firenze La Bella Addormentata in una versione attualizzata dal coreografo Diego Tortelli
quartieri di firenze
Primo piano

Quali sono i tempi per il nuovo stadio della Fiorentina

Per vedere il progetto bisognerà aspettare ancora. Per il nuovo stadio della Fiorentina, 40mila posti di capienza nell'area Mercafir, i tempi si allungano rispetto a quanto previsto inzialmente
news
Focus
Agenda
Sport
Spettacoli
Focus

Pezzi unici, la serie tv di Rai 1 sull’artigianato fiorentino

La regista Cinza Th Torrini firma la nuova fiction in onda nel 2019, girata tra Firenze e Prato. Nel cast Sergio Castellitto, Lorenzo De Moor e Giorgio Panariello

Banksy a Firenze, graffiti in mostra a Palazzo Medici Riccardi

A Firenze arrivano le opere di Banksy, il padre della street art contemporanea: “Banksy. This is not a photo opportunity” è la mostra in programma a Palazzo Medici Riccardi dal 19 ottobre al 24 febbraio. 

I Medici 2: in uscita 8 episodi su Lorenzo il Magnifico

Il nuovo capitolo della serie tv dedicata i potenti signori di Firenze. Le anticipazioni e il trailer de ''I Medici 2'', in onda su Rai Uno e in streaming, per i paesi anglofoni, su Netflix

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina