giovedì 18 gennaio 2018

Vigilandia, tutti a lezione dal professor vigile

Da 35 anni la polizia municipale di Firenze ha un ''nucleo speciale'', Vigilandia, preparato per una missione: entrare nelle scuole. E l'esame finale è in sella alla bici nel campo-scuola a San Salvi
Vigilandia Firenze

Gesso e cimosa? No, fischietto e paletta. In cattedra sale il “professor vigile” per insegnare le regole della sicurezza stradale a piccoli pedoni e ciclisti in erba. Come comportarsi in bici, dove guardare prima di attraversare la strada, cosa fare per essere dei passeggeri modello: tanti gli argomenti d’esame.

Da 35 anni la polizia municipale di Firenze ha un “nucleo speciale”, Vigilandia, preparato per una missione: entrare nelle scuole. “Qua iniziamo a far crescere adulti consapevoli”, spiega Carlo Rinaldi, uno dei due “agenti scelti” della sezione Vigilandia. Alla coppia di vigili-professori si affiancano altri 55 colleghi, in servizio nei reparti convenzionali e formati per fare lezione.

Migliaia di bambini a lezione

Tra il 2015 e il 2016 sono stati coinvolti circa 5mila bambini e anche durante quest’anno scolastico il team entrerà nelle terze, quarte e quinte delle scuole primarie di Firenze. Prima la teoria, poi
la pratica: due ore in classe per capire le basi e poi una mattinata di attività nel campo-scuola allestito a San Salvi. Si tratta di una cittadella della sicurezza stradale dove i piccoli inforcano la bici e si muovono lungo un percorso protetto che riproduce una strada, con cartelli e semafori a dimensione naturale per imparare le regole grazie a un obiettivo: raccogliere le dieci lettere, presenti
sul tracciato, che compongono la parola “Vigilandia”. Ognuna vale dieci punti.

Vigilandia San Salvi Firenze

Attenzione però alle multe: ogni infrazione “costa” 15 punti. Un esempio: per i bimbi di quinta non segnalare con il braccio la svolta comporta una penalità. “Più che un gioco è una vera e propria
attività di educazione
– fa notare l’agente Rinaldi – sulla strada non si scherza”. Questo autunno i vigili entreranno anche in alcune scuole dell’infanzia fiorentine, per insegnare ai bambini di 5 anni
come essere buoni passeggeri e pedoni attenti.

Per finire, non resta che indicare la regola principe per chi cammina lungo le strade. “Quando si attraversa – precisa Carlo Rinaldi – è bene guardare prima a sinistra e poi a destra, differentemente da come spesso viene insegnato”.

23 settembre 2016
articoli correlati

A caccia della cartoleria del cuore

Tre tappe obbligate per i ''cultori del genere''. Mini-guida per chi deve rinnovare diario, quaderni e astuccio

Calendario scolastico in Toscana: vacanze e ponti

15 giorni di vacanza per Natale, 6 per Pasqua. Per l'anno scolastico 2017/2018, il calendario riserva due possibili ponti. Le date da cerchiare in rosso sull’agenda: dall’inizio alla fine della scuola

Dove trovare libri scolastici usati a Firenze

C’è chi prenota i libri di scuola usati online e chi si rivolge a negozi di libri di seconda mano o ai mercatini. Ecco la mappa per riempire lo zaino senza fare un mutuo
quartieri di firenze
Primo piano

I migliori posti dove bere un tè a Firenze

Chiamatele teerie o con il termine inglese tea house. A Firenze esistono tanti luoghi dove bere una buona tazza di tè in compagnia e anche tra i libri. La nostra 'mappa' per i cultori del genere
news
Newsletter il Reporter Firenze - iscriviti
Focus
Agenda
Bambini
Curiosità
Focus

Rivoluzione della luce a Firenze in arrivo lampioni led

Al via i lavori per installare 30mila luci a led. A Firenze i lampioni resteranno accesi per tutta la notte. Aumenta la 'luce', ma la bolletta energetica sarà più leggera per Palazzo Vecchio

Baglioni e Cassi: i buoni propositi visti dal palcoscenico

Una 'strana coppia' e una doppia intervista. Proprio quando tutti pensano ai buoni propositi per l'anno nuovo abbiamo chiesto a due volti noti di dirci i loro (e di fare glia auguri ai fiorentini)

Caveman al Puccini di Firenze (con lo sconto) video

Torna per l'undicesima replica lo spettacolo-cult 'Caveman - L'uomo delle caverne', che ha fatto ridere mezzo mondo. Tappa al Teatro Puccini di Firenze, con una sorpresa per i lettori de il Reporter

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina