lunedì 27 marzo 2017

Vigilandia, tutti a lezione dal professor vigile

Da 35 anni la polizia municipale di Firenze ha un ''nucleo speciale'', Vigilandia, preparato per una missione: entrare nelle scuole. E l'esame finale è in sella alla bici nel campo-scuola a San Salvi
Vigilandia Firenze

Gesso e cimosa? No, fischietto e paletta. In cattedra sale il “professor vigile” per insegnare le regole della sicurezza stradale a piccoli pedoni e ciclisti in erba. Come comportarsi in bici, dove guardare prima di attraversare la strada, cosa fare per essere dei passeggeri modello: tanti gli argomenti d’esame.

Da 35 anni la polizia municipale di Firenze ha un “nucleo speciale”, Vigilandia, preparato per una missione: entrare nelle scuole. “Qua iniziamo a far crescere adulti consapevoli”, spiega Carlo Rinaldi, uno dei due “agenti scelti” della sezione Vigilandia. Alla coppia di vigili-professori si affiancano altri 55 colleghi, in servizio nei reparti convenzionali e formati per fare lezione.

Migliaia di bambini a lezione

Tra il 2015 e il 2016 sono stati coinvolti circa 5mila bambini e anche durante quest’anno scolastico il team entrerà nelle terze, quarte e quinte delle scuole primarie di Firenze. Prima la teoria, poi
la pratica: due ore in classe per capire le basi e poi una mattinata di attività nel campo-scuola allestito a San Salvi. Si tratta di una cittadella della sicurezza stradale dove i piccoli inforcano la bici e si muovono lungo un percorso protetto che riproduce una strada, con cartelli e semafori a dimensione naturale per imparare le regole grazie a un obiettivo: raccogliere le dieci lettere, presenti
sul tracciato, che compongono la parola “Vigilandia”. Ognuna vale dieci punti.

Vigilandia San Salvi Firenze

Attenzione però alle multe: ogni infrazione “costa” 15 punti. Un esempio: per i bimbi di quinta non segnalare con il braccio la svolta comporta una penalità. “Più che un gioco è una vera e propria
attività di educazione
– fa notare l’agente Rinaldi – sulla strada non si scherza”. Questo autunno i vigili entreranno anche in alcune scuole dell’infanzia fiorentine, per insegnare ai bambini di 5 anni
come essere buoni passeggeri e pedoni attenti.

Per finire, non resta che indicare la regola principe per chi cammina lungo le strade. “Quando si attraversa – precisa Carlo Rinaldi – è bene guardare prima a sinistra e poi a destra, differentemente da come spesso viene insegnato”.

23 settembre 2016
articoli correlati

Apre il passaggio tra Palazzo Vecchio e Uffizi (per i bimbi)

Primo passo per creare un ''Percorso del principe''. Si parte dalle scuole: in autunno laboratori con l’apertura del percorso sopraelevato di via della Ninna tra Palazzo Vecchio e Uffizi. E' la prima volta

Mini-guida per l'iscrizione all'asilo nido

Dagli open day alle liste di attesa, fino alla ''scomparsa'' dei voucher. Tutto quello che mamma e papà devono sapere per l'iscrizione all'asilo nido a Firenze

''Orgogliosi di rendere la scuola più pulita e accogliente''

''A chi scrive sui muri diremmo: 'Non farlo, è la tua città, ci vivi anche tu'''. Intervista agli Angioletti della scuola Fanciulli
quartieri di firenze
Primo piano

Kalinic, ancora in “Zona Cesarini”, salva la Fiorentina a Crotone

Ancora un gol negli ultimi minuti di gioco, ancora con Kalinic come accaduto contro il Cagliari. La Fiorentina strappa tre punti all’Ezio Scida di Crotone al termine di una gara con poche emozioni. Un palo per parte: Ilicic e Falcinelli
news
Il Reporter dei piccoli
La città che cambia
Strade
Arte
Focus

All’Isolotto il carnevale è ''per la pace'' video

Centinaia di persone, grandi e piccoli, hanno sfilato da piazza dell’Isolotto a Villa Vogel per il tradizionale corteo di carnevale organizzato dal Quartiere 4 

La storia di ''Don Cuba'' in 3 eventi video

Tre giorni per ricordare ‘’Don Cuba”, al secolo Don Danilo Cubattoli, il sacerdote fiorentino che aiutò gli ultimi, tra mostre fotografiche e camminate GUARDA IL VIDEO

Festa dell’albero nel Q5: coinvolti 220 bambini video

Tappa finale del progetto che ha interessato i piccoli di 4 scuole elementari con incontri, laboratori e l’arrivo di nuovi alberi nei giardini

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina