sabato 29 aprile 2017

Vigilandia, tutti a lezione dal professor vigile

Da 35 anni la polizia municipale di Firenze ha un ''nucleo speciale'', Vigilandia, preparato per una missione: entrare nelle scuole. E l'esame finale è in sella alla bici nel campo-scuola a San Salvi
Vigilandia Firenze

Gesso e cimosa? No, fischietto e paletta. In cattedra sale il “professor vigile” per insegnare le regole della sicurezza stradale a piccoli pedoni e ciclisti in erba. Come comportarsi in bici, dove guardare prima di attraversare la strada, cosa fare per essere dei passeggeri modello: tanti gli argomenti d’esame.

Da 35 anni la polizia municipale di Firenze ha un “nucleo speciale”, Vigilandia, preparato per una missione: entrare nelle scuole. “Qua iniziamo a far crescere adulti consapevoli”, spiega Carlo Rinaldi, uno dei due “agenti scelti” della sezione Vigilandia. Alla coppia di vigili-professori si affiancano altri 55 colleghi, in servizio nei reparti convenzionali e formati per fare lezione.

Migliaia di bambini a lezione

Tra il 2015 e il 2016 sono stati coinvolti circa 5mila bambini e anche durante quest’anno scolastico il team entrerà nelle terze, quarte e quinte delle scuole primarie di Firenze. Prima la teoria, poi
la pratica: due ore in classe per capire le basi e poi una mattinata di attività nel campo-scuola allestito a San Salvi. Si tratta di una cittadella della sicurezza stradale dove i piccoli inforcano la bici e si muovono lungo un percorso protetto che riproduce una strada, con cartelli e semafori a dimensione naturale per imparare le regole grazie a un obiettivo: raccogliere le dieci lettere, presenti
sul tracciato, che compongono la parola “Vigilandia”. Ognuna vale dieci punti.

Vigilandia San Salvi Firenze

Attenzione però alle multe: ogni infrazione “costa” 15 punti. Un esempio: per i bimbi di quinta non segnalare con il braccio la svolta comporta una penalità. “Più che un gioco è una vera e propria
attività di educazione
– fa notare l’agente Rinaldi – sulla strada non si scherza”. Questo autunno i vigili entreranno anche in alcune scuole dell’infanzia fiorentine, per insegnare ai bambini di 5 anni
come essere buoni passeggeri e pedoni attenti.

Per finire, non resta che indicare la regola principe per chi cammina lungo le strade. “Quando si attraversa – precisa Carlo Rinaldi – è bene guardare prima a sinistra e poi a destra, differentemente da come spesso viene insegnato”.

23 settembre 2016
articoli correlati

Apre il passaggio tra Palazzo Vecchio e Uffizi (per i bimbi)

Primo passo per creare un ''Percorso del principe''. Si parte dalle scuole: in autunno laboratori con l’apertura del percorso sopraelevato di via della Ninna tra Palazzo Vecchio e Uffizi. E' la prima volta

Mini-guida per l'iscrizione all'asilo nido

Dagli open day alle liste di attesa, fino alla ''scomparsa'' dei voucher. Tutto quello che mamma e papà devono sapere per l'iscrizione all'asilo nido a Firenze

''Orgogliosi di rendere la scuola più pulita e accogliente''

''A chi scrive sui muri diremmo: 'Non farlo, è la tua città, ci vivi anche tu'''. Intervista agli Angioletti della scuola Fanciulli
quartieri di firenze
Primo piano

DOMENICA 30 APRILE ARRIVA LA “GUARDA FIRENZE” NUMERO 45

La corsa di 10 e 3 chilometri con partenza e arrivo in piazza Duomo
news
Il Reporter dei piccoli
La città che cambia
Strade
Arte
Focus

All’Isolotto il carnevale è ''per la pace'' video

Centinaia di persone, grandi e piccoli, hanno sfilato da piazza dell’Isolotto a Villa Vogel per il tradizionale corteo di carnevale organizzato dal Quartiere 4 

La storia di ''Don Cuba'' in 3 eventi video

Tre giorni per ricordare ‘’Don Cuba”, al secolo Don Danilo Cubattoli, il sacerdote fiorentino che aiutò gli ultimi, tra mostre fotografiche e camminate GUARDA IL VIDEO

Festa dell’albero nel Q5: coinvolti 220 bambini video

Tappa finale del progetto che ha interessato i piccoli di 4 scuole elementari con incontri, laboratori e l’arrivo di nuovi alberi nei giardini

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina