domenica 16 dicembre 2018

Ponte alla Vittoria compie 70 anni

Quello che conosciamo oggi fu inaugurato nel settembre 1946. Ma ''l'orginale'' era sospeso
Ponte alla Vittoria e Ponte Sospeso

Foto dal libro “Firenze, capitale fuori le mura” di F. Quercioli

Non uno ma tre ponti, che custodiscono la storia di quattro leoni “dimenticati” e del sogno di una “terza corsia” sull’Arno. Ma andiamo per gradi. In principio fu sospeso. Poi fu soppiantato dal moderno cemento. Infine, dopo essere caduto sotto le mine tedesche, è risorto.

Ponte alla Vittoria, nella veste in cui lo conosciamo oggi, compie settant’anni: fu inaugurato il 24 settembre 1946 dopo che gli alleati decisero di farlo ricostruire d’urgenza. L’ultimo a saltare in aria, difeso invano dai partigiani, ma il primo a rinascere. Allora come adesso era un’arteria di comunicazione strategica.  Una funzione che ebbe fin dalle origini.

Dal Ponte Sospeso a Ponte alla Vittoria

Il “nonno” di Ponte alla Vittoria si chiamava Ponte San Leopoldo: nel 1835 il Granduca Leopoldo II ne ordinò la costruzione per collegare la via regia Pisana e Livornese alla strada per Pistoia. Ci vollero due anni di cantieri per tirare su la struttura, una passerella di ferro sostenuta da cordoni ancorati a due coppie di alti piloni.

Per attraversare il ponte sospeso – da cui deriva il nome della vicina via del Ponte Sospeso – bisognava pagare dazio. Ponte sospeso che rimase in servizio fino al 1932: accanto al “vecchio” collegamento, che ormai versava in cattive condizioni, fu costruito il ponte “gemello”, questa volta in cemento (foto).

I quattro leoni del ponte

Il collegamento in ferro fu demolito e i quattro leoni che ne ornavano i due imbocchi hanno adesso “casa” altrove: una coppia sorveglia viale degli Olmi, nel parco delle Cascine, a due passi dalla fermata della tramvia, mentre l’altra si trova ai piedi del viale del Poggio Imperiale.

Il nuovo ponte, intitolato alla vittoria nella Prima Guerra Mondiale, durò dodici anni: all’alba del 4 agosto 1944 venne abbattuto dai tedeschi. Oggi sul “nuovo” Ponte alla Vittoria sfreccia ogni giorno un serpentone di auto, tanto da essere “famoso” per gli ingorghi.

La terza corsia su Ponte alla Vittoria?

Per questo, in tempi recenti era stata ipotizzata la “terza corsia” sull’Arno, ossia di ampliare la carreggiata, con un’idea dell’archistar Santiago Calatrava: fuori i marciapiedi, “sospesi” ai lati del ponte, dentro – al posto dei percorsi pedonali – una corsia in più per senso di marcia. La bozza di progetto, lanciata nel 2002 durante i lavori per il sottopasso di piazzale Vittorio Veneto (che inizialmente doveva avere anch’esso tre corsie per verso), è poi finita nel cassetto.

23 settembre 2016
articoli correlati

Santa Reparata la patrona di ''riserva''

L’8 ottobre si festeggia Santa Reparata co-patrona, insieme a San Giovanni, della città Firenze. Vi raccontiamo la sua storia    

Il pozzo di via Toscanella dove sguazzava la Gioconda

Per anni è rimasto un mistero dove fosse andato a finire l'antico pozzo di via Toscanella. E' tornato alla luce nel 2012. La sua storia nella rubrica de il Reporter firmata dagli Artusi

Rificolona 2017: tutte le feste a Firenze

Sfilata per le strade o in barca, balli in piazza o cene sotto le stelle: come ogni anno torna la tradizionale festa della Rificolona. A Firenze tanti appuntamenti, dal centro alla periferia
quartieri di firenze
Primo piano

Non solo mercatini: cosa fare a Firenze nel weekend

Babbi Natale in moto, la Firenze del futuro, scuole aperte per i più giovani, mostre e spettacoli. Cosa fare a Firenze nel fine settimana del 15 e 16 dicembre
news
Focus
Agenda
Attualità
Dalla città
Focus

Natale nei musei di Firenze (con i bambini)

Le attività per le famiglie organizzate nei luoghi d'arte della città. Ecco i musei di Firenze che propongono visite speciali a misura di bambino durante le vacanze natalizie

Le scuole si presentano 2018: a Firenze ''open day'' per 38 istituti superiori

Licei, istituti tecnici e professionali. Nella palestra di viale Malta quasi 40 scuole superiori di Firenze si mettono in mostra per il salone di orientamento promosso dal Comune

Dodici giorni davanti al pubblico: nuova "re-performance" di Marina Abramovic

Vivere in isolamento e digiuno all'interno della mostra, senza pareti e sempre visibile ai visitatori. La performer Tiina Pauliina Lehtimäki esegue dal vivo "The House with the Ocean View" di Marina Abramovic fino al 16 dicembre

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina