martedì 20 febbraio 2018

Ventidue volte ''Leggere per non dimenticare''

Via alla nuova stagione dell'iniziativa, incentrata sul ''valore del libro''. Ecco alcuni degli appuntamenti in programma
Elisa Squarzolo
La Biblioteca delle Oblate

Strumento di comprensione, dialogo e conoscenza, il libro rappresenta un oggetto di grande valore. È proprio sul “valore del libro” che si incentra il ciclo di 34 incontri che comincerà mercoledì 5 ottobre alla biblioteca delle Oblate, in via dell'Oriuolo 24 alle 17.30, e che proseguirà poi fino a mercoledì 10 maggio.

XXII stagione

L'iniziativa “Leggere per non dimenticare” giunge alla sua XXII stagione con un programma di offerte vasto e variegato grazie al sostegno della Regione Toscana e del Comune di Firenze. Narratori, storici, filosofi, scienziati, linguisti e psicanalisti metteranno a disposizione le proprie conoscenze e teorie per favorire la costruzione del pensiero contemporaneo. Il tema è il valore dei libri perché gli uomini devono molto al libro.

La vita emotiva, interiore, degli uomini, ha trovato nei libri quella comprensione, quel colloquio, quell’intima ris-pondenza a sé che non sempre gli altri uomini sono stati in grado di offrire”, sottolinea Anna Benedetti, curatrice degli incontri.

 

gli ospiti

Il valore dell'evento è accresciuto dalla presenza di celebri ospiti, tra cui Bruno Arpaia che presenterà “Qualcosa, là fuori” mercoledì 23 novembre, un romanzo che rivolge l'attenzione sul cambiamento climatico in atto e sui possibili scenari futuri. Mercoledì 21 dicembre Salvatore Settis proporrà “Costituzione! Perchè attuarla è meglio che cambiarla”, in cui l'autore sostiene come alcuni articoli portanti della Carta fondamentale non siano stati mai concretamente applicati, entrando direttamente nel merito dell'attualissimo dibattito sulla riforma costituzionale.

Ancora, mercoledì 18 gennaio sarà la volta di Franco Cardini con “L'Islam è una minaccia. Falso!”, ossia “un libro che ci sorprende molto. Senza preconcetti”, come afferma Anna Benedetti. Venerdì 10 febbraio Marco Revelli presenterà “Non ti riconosco. Un viaggio eretico nell'Italia che cambia”, in cui descrive con veemenza il senso di spaesamento causato dal cambiamento repentino di un paese nel quale non si riconosce più e nei confronti del quale si sente tradito.

“una tradizione"

Questi solo alcuni degli appuntamenti che caratterizzeranno i 34 incontri di “Leggere per non dimenticare”. L'evento rappresenta “una tradizione che ormai qualifica l’identità culturale di Firenze”, come sostiene la vicesindaca Cristina Giachi, ed è un modo per consentire l'incontro della comunità fiorentina in uno dei luoghi più belli per promuovere la cultura, ossia la Biblioteca delle Oblate.

29 settembre 2016
articoli correlati

La Firenze di Marco Vichi 'non è roba per turisti'

Anche per scrivere, ci vuole tanto allenamento, come per correre i 100 metri. Parola di Marco Vichi. Il Reporter intervista il 'padre' del commissario Bordelli

I libri da leggere? Li consiglia Facebook

Uno dei gruppi Facebook più seguiti è nato dall'idea di un fiorentino: "Un libro tira l’altro ovvero il passaparola dei libri”  conta 68mila lettori appassionati

La Villa del Bandino si tinge di giallo

Storie amorose clandestine, un cunicolo sotterraneo in via del Paradiso e crimini: in un libro del giovane Lorenzo Andreaggi la storia e i segreti del più antico edificio di Gavinana
quartieri di firenze
Primo piano

Pari viola Bergamo

Reduce dalla sconfitta contro la Juve la Fiorentina è salita a Bergamo col chiaro intento di far punti. C’è riuscita contro un’Atalanta chiaramente distratta dall’Europa League
news
Newsletter il Reporter Firenze - iscriviti
Zoom
Agenda
Bambini
La guida
Focus

Ninjaz: l'hip hop e il rap toscano targato Numa Crew

Un po' rapper, un po' writer (è suo il super murales vicino alla Fortezza da Basso): abbiamo incontrato Ninjaz, che ha appena esordito con il suo primo lavoro da solista, 'Showgun'

Palazzo Strozzi, le mostre del 2018

Dall’arte italiana di metà Novecento alle controverse performance di Marina Abramović, ecco gli eventi espositivi ci aspettano a Palazzo Strozzi nei prossimi mesi

Monet experience a Firenze: impressionisti a 360 gradi video

Quadri senza tele, proiettati su enormi schermi e sulle architetture di Santo Stefano al Ponte. Per la 'Monet experience' ci vuole anche naso, grazie a profumi naturali creati per l'esposizione digitale

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina