mercoledì 21 febbraio 2018

Gli Angeli del Fango tornano a Firenze (50 anni dopo)

In programma una settimana ricca di iniziative a partire dal raduno degli Angeli del Fango nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio. Nardella: ''Dobbiamo dire grazie ancora una volta a quelle migliaia di giovani''
Elisa Squarzolo

4 novembre 2016, a Firenze tornano gli Angeli del Fango. In occasione del 50esimo anniversario dell'alluvione che ha devastato Firenze il 4 novembre del 1966, è in arrivo una settimana ricca di iniziative a partire proprio dal raduno degli Angeli del Fango nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio.

"Firenze è pronta ad abbracciarli"

Sarà un'occasione in cui tutti i fiorentini potranno ricordare un evento che ha stravolto la città, che - grazie agli Angeli del Fango - è riuscita a rialzarsi con grande dignità. “Firenze è pronta ad abbracciare ragazzi e ragazze del '66 – dice il sindaco Dario Nardella – dobbiamo dire grazie ancora una volta a quelle migliaia di giovani che nei tragici giorni dell'alluvione giunsero da ogni parte del mondo e dell'Italia insieme a tantissimi soldati di leva portando passione civile, sentimento, generosità, un coraggio commovente, aiuti alle popolazioni sommerse dall'acqua e dal fango, e contribuendo a salvare abitazioni, aziende, opere d'arte, patrimoni librari, servizi commerciali. Vogliamo ricordarli e ringraziarli tutti per conservare le storie e la memoria di quell'evento che è parte della nostra identità”.

gli eventi in programma

Dal 2 al 6 novembre sono tanti gli eventi in programma, dal vertice dei sindaci delle grandi città di fiume all'analisi del rischio idrogeologico regione per regione, con la presentazione del piano nazionale di opere e interventi del Governo con Italia Sicura. “È proprio da quell’emergenza che nacque lo spirito della Protezione Civile in Italia che, nel tempo, è divenuta una struttura organizzata ed efficiente, peraltro plaudita anche all’estero”, ha affermato il capo della Protezione Civile Fabrizio Curcio. 

“Giovani di tutto il mondo si sono mobilitati per recuperare un patrimonio comune di tante opere d'arte di valore storico e sociale incalcolabile. La straordinaria partecipazione di quei giovani di tutto il mondo alla salvaguardia di tanti beni culturali, in occasione dell'alluvione '66, aprì un nuovo capitolo nella storia del volontariato, riconoscendo al contempo alla Toscana il messaggio di universalità del suo patrimonio. Oggi va riconosciuta al volontariato una presenza più forte ed organizzata, anche nei rapporti con le istituzioni e questo si traduce in cittadini ed istituzioni più attenti alla tutela e alla prevenzione dei nostri territori": queste le parole di Monica Barni, vicepresidente della Regione Toscana.

l'accoglienza

Per il raduno internazionale degli Angeli del Fango è stata predisposta una particolare accoglienza, “Firenze Convention & Visitors Bureau” collaborerà attivamente per fornire indicazioni logistiche agli Angeli che saranno presenti in città. In particolare è stato allestito un sito internet dedicato per le prenotazioni alberghiere a prezzo scontato (www.florencecongressbooking.com) e una lista di ristoranti convenzionati per i giorni tra il 2 e 6 novembre. Istituito anche un numero di telefono: +39 055.2988135 e mail fcvb@conventionbureau.it, attivo dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 17 per maggiori informazioni. Nei giorni del 2 e 3 novembre, presso la sede della Regione in piazza dell’Unità 1, sarà allestito un punto accoglienza per gli Angeli del Fango con la distribuzione di un kit di benvenuto a Firenze (con la collaborazione della Protezione Civile di Firenze e dei Consorzi di Bonifica della Toscana).

Da segnalare anche il sito internet toscana.firenze2016.it, un punto di riferimento per tutti i soggetti e le iniziative che ruotano attorno alle celebrazioni per il 50° anniversario dell'alluvione con news, focus, video, territori, mostre ed eventi. Tutti i Comuni hanno la possibilità di registrarsi al sito e inserire autonomamente via web le schede descrittive delle proprie iniziative e gli eventi saranno pubblicati e valorizzati anche sul portale ufficiale della Toscana, www.intoscana.it, e sul sito www.toscanaevents.it.

un anniversario social

Il 50° anniversario dell’alluvione di Firenze sarà vissuto anche sui social: Facebook (Toscana Firenze 2016), Instagram (Toscana Firenze 2016), Twitter (@comunefi @intoscana @FSToscana), You Tube (Toscana Firenze 2016), sia attraverso account e profili dedicati sia sui canali ufficiali del Comune di Firenze e della Fondazione Sistema Toscana.

5 ottobre 2016
articoli correlati

L’Arno in due mostre video

Nel quartiere 5 continuano le iniziative legate al 50esimo anniversario dell’alluvione di Firenze: mostre e laboratori per bambini 

A Firenze 100 angeli del fango, ex allievi dei carabinieri

Nel 1966 erano poco più che ventenni, allievi della scuola  Sottufficiali carabinieri di piazza Stazione. Per il 50esimo anniversario dell'alluvione di Firenze, cento di loro tornano in città

L'alluvione 50 anni dopo, gli Angeli del Fango a Firenze

Venerdì 4 novembre le celebrazioni in ricordo di quella tragica giornata di mezzo secolo fa inizieranno alle 9 con un consiglio comunale straordinario
quartieri di firenze
Primo piano

DanzainFiera 2018, Firenze balla per 4 giorni

Grandi ospiti, dalle étoile della danza ai protagonisti dei musical, esibizioni, stage e l'atteso premio DanzainFiera. Per 4 giorni la Fortezza da Basso di Firenze diventa una super pista da ballo
news
Newsletter il Reporter Firenze - iscriviti
Zoom
Agenda
Bambini
La guida
Focus

Il Toscana Pride 2018 è a Siena

Annunciata la data e la nuova ‘tappa’ del corteo lgbtqia. Dopo Firenze e Arezzo, il pride arriva nella città del palio a metà giugno

Palazzo Strozzi, le mostre del 2018

Dall’arte italiana di metà Novecento alle controverse performance di Marina Abramović, ecco gli eventi espositivi ci aspettano a Palazzo Strozzi nei prossimi mesi

Monet experience a Firenze: impressionisti a 360 gradi video

Quadri senza tele, proiettati su enormi schermi e sulle architetture di Santo Stefano al Ponte. Per la 'Monet experience' ci vuole anche naso, grazie a profumi naturali creati per l'esposizione digitale

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina