lunedì 19 febbraio 2018

''L'Inferno'' di Firenze, a caccia dei luoghi del romanzo

E' uscito ''Inferno'' il film ispirato al best seller di Dan Brown: viaggio tra le vie e i monumenti di Firenze protagonisti del libro ma anche della pellicola che sta sbancando il botteghino
Vanessa Bambi
Inferno film luoghi Firenze

I fiorentini ricordano ancora la curiosità suscitata dalle tante strade chiuse al pubblico, ormai un anno e mezzo fa, per le riprese di alcune scene del film “Inferno”, ispirato al best-seller di Dan Brown. La pellicola è uscita nelle sale da pochi giorni. Quale migliore occasione, allora, per ripercorrere i luoghi fiorentini del romanzo, che tutto il mondo avrà il piacere di ammirare ancora una volta al cinema?

Prima tappa, Porta Romana

Bastano un paio di scarpe comode e via, partendo da Porta Romana. Da qui i due protagonisti, il professor Langdon (interpretato nel film da Tom Hanks) e Sienna, iniziano la loro ricerca sulle orme di Dante. Si confondono tra gli studenti del liceo artistico di Porta Romana che un tempo, dal 1865 al 1871, ospitava le Scuderie Reali.

Se non ci si è mai stati, l’occasione è buona per prenotare una visita alla gipsoteca, che raccoglie
più di 3mila calchi in gesso di alcune famose opere come quelle di Raffaello e Michelangelo. Il percorso continua poi per i vicini giardini di Boboli: da non perdere la Grotta del Buontalenti, particolare per la sua composizione tra sculture e pittura, che ai tempi dei Medici stupiva con i suoi giochi d’acqua. 

La grotta è chiusa da un cancello, ma nel libro è grazie alle statue che si intravedono anche dall’esterno che i due fuggitivi trovano riparo, riuscendo a scappare e a entrare direttamente nel Corridoio Vasariano per raggiungere Palazzo Vecchio.

Palazzo Vecchio, Dante e il Battistero

Alla ricerca di ulteriori indizi, Langdon e Sienna si ritrovano all’interno dello studiolo di Francesco
I e nella Sala delle Mappe
, fino a camminare sopra il meraviglioso soffitto a capriate e dipinti della Sala dei Cinquecento. Uscendo da via della Ninna, la coppia si spinge poi fino alla casa di Dante.

Infine, i due protagonisti arrivano al “Paradiso”, ovvero la Porta est di Lorenzo Ghiberti del Battistero, in piazza Duomo. Il monumento è imperdibile sia dall’esterno che internamente, per la sua magnificenza e per il celebre fonte battesimale nel quale anche Dante ricevette il sacramento.

Ed è qui che Langdon e Sienna scoprono un importante indizio che consente loro di riprendere
la ricerca in un’altra splendida città italiana, Venezia.

19 ottobre 2016
articoli correlati

Quel Blockbuster che è resistito, all'Isolotto

Il videonoleggio sopravvissuto nell'era di Netflix. Siamo entrati nel Blockbuster dell'Isolotto, a pochi passi da viale Talenti per scoprire che... i dvd vanno ancora di moda

''Il Ciclone'' sarà proiettato su Santo Spirito

Il film compie 20 anni e Firenze rende omaggio alla pellicola: il Ciclone sarà proiettato sulla facciata di Santo Spirito. Ospite il cast: Leonardo Pieraccioni, Massimo Ceccherini e tanti altri

Cinema all'aperto. A San Salvi il film lo scegli tu

7 titoli in lizza, ma solo uno conquista la ''medaglia d’oro'' e viene proiettato. A decidere il film della serata una singolare sfida tra spettatori. A San Salvi torna il cinema all'aperto. Ingresso libero
quartieri di firenze
Primo piano

Pari viola Bergamo

Reduce dalla sconfitta contro la Juve la Fiorentina è salita a Bergamo col chiaro intento di far punti. C’è riuscita contro un’Atalanta chiaramente distratta dall’Europa League
news
Newsletter il Reporter Firenze - iscriviti
Zoom
Agenda
Bambini
La guida
Focus

Ninjaz: l'hip hop e il rap toscano targato Numa Crew

Un po' rapper, un po' writer (è suo il super murales vicino alla Fortezza da Basso): abbiamo incontrato Ninjaz, che ha appena esordito con il suo primo lavoro da solista, 'Showgun'

Palazzo Strozzi, le mostre del 2018

Dall’arte italiana di metà Novecento alle controverse performance di Marina Abramović, ecco gli eventi espositivi ci aspettano a Palazzo Strozzi nei prossimi mesi

Monet experience a Firenze: impressionisti a 360 gradi video

Quadri senza tele, proiettati su enormi schermi e sulle architetture di Santo Stefano al Ponte. Per la 'Monet experience' ci vuole anche naso, grazie a profumi naturali creati per l'esposizione digitale

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina