martedì 20 febbraio 2018

Ancora una battuta d’arresto per la Fiorentina contro la Lazio

Seconda sconfitta consecutiva per la Fiorentina che dopo aver perso nel recupero contro il Genoa cade anche all’Olimpico (3-1) contro la Lazio. I viola regalano il primo tempo agli uomini di Simone Inzaghi, poi cercano di recuperare ma pesa molto un rigore sbagliato da Ilicic
Simone Spadaro

La Lazio "sculaccia" la Fiorentina che, come già accaduto contro l’Inter e giovedì scorso contro il Genoa, regala agli avversari gran parte della prima parte della gara. Quando decidono di giocare i ragazzi di Paulo Sousa spesso non riescono poi a completare la rimonta. Gli unici che si salvano sono Bernardeschi e Zarate, autore del gol viola. Sono Keita e Biglia su rigore a indirizzare la gara in favore dei biancocelesti già nel primo tempo. Nel secondo tempo Ilicic spreca un’occasione d’oro sbagliando un rigore che avrebbe potuto riaprire il match. Arriva una rete di Zarate ma il pareggio inseguito non arriva e Radu, nel finale, chiude la partita. Inzaghi schiera nuovamente Marchetti e Biglia con Bastos, Keita e Cataldi. Sousa, che deve fare a meno di Salcedo, Badelj, Gonzalo Rodriguez e Borja Valero schiera De Maio e Tomovic ed in attacco Bernardeschi, Kalinic, Tello e Ilicic.

 

Primo Tempo

 

La Lazio inizia subito in avanti costringendo i viola a riparare in difesa. Al 9’ Tatarusanu para un colpo di testa di Bastos. I viola si vedono al 13’ con un bel tiro di Bernardeschi parato da Marchetti. Al 22’ ci prova Immobile ma la palla finisce alta. Dopo un solo minuto, però, arriva il vantaggio. Anderson serve Milinkovic per Keita che batte Tatarusanu. E’ l’1-0. La Fiorentina ci mette qualche minuto per riordinare le idee ed al 41’ cerca il pareggio con un colpo di testa di Bernardeschi che viene parato da Marchetti. Proprio nel recupero i biancocelesti raddoppiano grazie ad un rigore di Biglia concesso per atterramento di Tomovic su Milinkovic. Si va al riposo con la Lazio avanti 2-0.

 

Secondo Tempo

 

Un risultato che avrebbe tagliato le gambe ad ogni squadra e, invece, la Fiorentina rientra in campo con un piglio diverso. Senza Tomovic, Sousa schiera Cristoforo che al 48’ propizia un rigore per aver subito un fallo da parte di Biglia. Dal dischetto però Ilicic sbaglia e Marchetti devia la sfera in calcio d’angolo. Sprecata l’occasione che poteva riaprire la partita per i colori viola. Ilicic viene dopo poco sostituito da Zarate che al 65’ riesce a segnare il 2-1 approfittando di una disattenzione di Biglia. Al 71’ è ancora Bernardeschi a creare scompiglio nel pacchetto arretrato laziale con un gran tiro che viene deviato in angolo da Marchetti. All’82’ la Fiorentina pareggia ma il gol viene annullato, in quanto Sanchez ha spinto la palla in rete con una mano. Proprio allo scadere la Lazio chiude la gara con Radu che segna finalizzando una ripartenza di Immobile. I capitolini respirano le zone alte della classifica, la Fiorentina è sempre più indecifrabile e giovedì chiuderà l’anno solare al Franchi contro il Napoli.

 

L’allenatore

 

Paulo Sousa commenta la seconda sconfitta consecutiva. “La Fiorentina oggi è cresciuta durante la partita, in particolar modo nel secondo tempo, quando abbiamo spinto tantissimo. Avremmo meritato molto di più. Due sconfitte – aggiunge – ma dobbiamo fare sempre lo stesso campionato, anche se abbiamo delle difficoltà, ma le hanno anche i nostri avversari. Oggi ci mancavano molti giocatori. Dobbiamo comunque andare avanti, possiamo competere con squadre come la Lazio con la consapevolezza che abbiamo messo in campo nel secondo tempo”.

18 dicembre 2016
articoli correlati

Pari viola Bergamo

Reduce dalla sconfitta contro la Juve la Fiorentina è salita a Bergamo col chiaro intento di far punti. C’è riuscita contro un’Atalanta chiaramente distratta dall’Europa League

La Fiorentina vista dal 'benzivendolo'

Ad Andrea Di Salvo, la barba rossa più famosa dell'Artemio Franchi, abbiamo chiesto di commentare l'ultima stagione viola

Ancora una rimonta. I viola pareggiano col Pescara

La Fiorentina conclude all’ottavo posto in classifica pareggiando 2-2 col Pescara. Una rimonta dopo che i viola avevano subito il doppio vantaggio abruzzese con Caprari e Bahebeck. I viola in gol, in inferiorità numerica per l’espulsione di Chiesa, con Saponara e Vecino
quartieri di firenze
Primo piano

Pari viola Bergamo

Reduce dalla sconfitta contro la Juve la Fiorentina è salita a Bergamo col chiaro intento di far punti. C’è riuscita contro un’Atalanta chiaramente distratta dall’Europa League
news
Newsletter il Reporter Firenze - iscriviti
Zoom
Agenda
Bambini
La guida
Focus

Ninjaz: l'hip hop e il rap toscano targato Numa Crew

Un po' rapper, un po' writer (è suo il super murales vicino alla Fortezza da Basso): abbiamo incontrato Ninjaz, che ha appena esordito con il suo primo lavoro da solista, 'Showgun'

Palazzo Strozzi, le mostre del 2018

Dall’arte italiana di metà Novecento alle controverse performance di Marina Abramović, ecco gli eventi espositivi ci aspettano a Palazzo Strozzi nei prossimi mesi

Monet experience a Firenze: impressionisti a 360 gradi video

Quadri senza tele, proiettati su enormi schermi e sulle architetture di Santo Stefano al Ponte. Per la 'Monet experience' ci vuole anche naso, grazie a profumi naturali creati per l'esposizione digitale

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina