lunedì 25 settembre 2017

Occhi lucidi e sguardo nel vuoto, i ragazzi del Treno della Memoria

Cinquecento gli studenti delle scuole superiori che hanno partecipato alla decima edizione dell’iniziativa organizzata dalla Regione Toscana e dal Museo della Deportazione. Per loro sono stati giorni molto intensi, per i luoghi che sono stati visitati, per le immagini che sono state mostrate e per le testimonianze dirette che sono state raccontate
Laura Piccioli

Occhi lucidi e sguardo perso nel vuoto, così hanno reagito i 500 ragazzi delle scuole superiori che hanno partecipato alla decima edizione del Treno della Memoria organizzato dalla Regione Toscana e dal Museo della Deportazione di fronte al cancello d'ingresso del campo di Auschwitz.

Visite e testimonianze

Sono partiti lo scorso 23 gennaio insieme ai loro insegnanti, a 60 studenti delle Università toscane, a rappresentanti politici e rappresentanti delle diverse comunità ed associazioni: Comunità ebraica di Firenze e Pisa, Associazione Azione Gay e Lesbica, Comunità rom e sinti di Firenze e di Prato, Aned – Associazione Nazionale Ex Deportati ai campi di sterminio nazisti, Anei – Associazione Nazionale Internati Militari e Anpi – Associazione Nazionale Partigiani d'Italia.

Sono stati giorni molto intensi, sia dal punto di vista fisico che dal punto di vista mentale, per i luoghi che sono stati visitati, per le immagini che sono state mostrate e per le testimonianze dirette che sono state raccontate. I partecipanti hanno avuto l'opportunità di incontrare i testimoni Marcello Martini, Vera Salomon, Gilberto Salmoni e le sorelle Bucci, che con le loro commoventi storie hanno saputo parlare al cuore dei ragazzi trasmettendo quei valori e quegli ideali di cui sono portatori.

Attraverso i commenti e le domande dei ragazzi, si è percepita spesso la necessità di voler spostare l'attenzione ai giorni nostri.

Il ritorno in Italia

Il treno farà ritorno oggi in Italia, in occasione della Giornata della Memoria, carico di emozioni e nuove consapevolezze nell'affrontare la vita da un punto di vista diverso da parte dei ragazzi, avendo intrapreso questo percorso non solo per ricordare, ma soprattutto per imparare: perché quel che si ricorda prima o poi si può dimenticare, quel che si impara rimarrà per sempre.

27 gennaio 2017
articoli correlati

All'Ex3 il Memoriale di Auschwitz foto

L’opera, collocata nel museo dell’ex campo di sterminio e poi smantellata, dopo un viaggio di oltre 1.000 chilometri ha trovato a Firenze la sua nuova ''casa''. L’auditorium di Gavinana diventerà un Polo della memoria

Giorno della Memoria, visita (gratis) all’ex carcere duro delle Murate

Il 27 gennaio in programma due visite guidate agli ambienti dell’ex carcere duro e alla mostra ''Panopticon'' di Katharina Anna Loidl. Ecco gli orari e come fare per partecipare

Nel quartiere 5 il mese della memoria

Una mostra fotografica e tre incontri con studiosi e docenti. Il Q5 di Firenze promuove un calendario di eventi in occasione della Giornata della memoria e del Giorno del Ricordo
quartieri di firenze
Primo piano

Il Reporter in onda su Radio Firenze

Ogni giorno una pillola per raccontare, in radio, la vita dei quartieri fiorentini. La nuova trasmissione è in onda da lunedì 25 settembre
news
Il Reporter dei piccoli
Agenda
Eventi
Lavoro
Focus

All'asta l'auto di D'Annunzio e l'autografo di Senna foto

A Firenze la prestigiosa Casa d'aste Pandolfini allarga il suo campo d'azione: ora mette in vendita anche auto d'epoca

A Firenze è tempo di festival

Dopo la ''pace'' di agosto la città si riaccende con tanti eventi, dalla moda alla tecnologia, passando per la musica e il Dalai Lama

Da Sorrentino ai Medici: quali film saranno girati in Toscana

Dalla seguitissima serie tv sui Medici, fino alle produzioni targate Bollywood: molti film saranno ambientanti in Toscana. Via alle riprese in queste settimane di settembre

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina