mercoledì 21 febbraio 2018

La Fiorentina vista dal 'benzivendolo'

Ad Andrea Di Salvo, la barba rossa più famosa dell'Artemio Franchi, abbiamo chiesto di commentare l'ultima stagione viola
Lorenzo Mossani
Benzivendolo

Andrea Di Salvo, in arte il benzivendolo, non avrebbe bisogno di presentazioni. Amato, conosciuto, stimato da tutto l’ambiente del calcio dell’hinterland  fiorentino e da tutti quelli che hanno avuto il piacere di scambiarci due chiacchiere.  

Andrea lavora inpiazza Alberti da quasi 30 anni. Sua moglie, Francesca, era una cliente ma adesso fa la benzinaia insieme a lui ed hanno costruitoinsieme una famiglia numerosa, felice e sorridente. Il calcio è la sua grande passione. Allenatore, lavoratore instancabile e grandissimo tifoso della Fiorentina.

Della squadra gigliata è un guru: conosce la storia, giocatori vecchi e nuovi, comprese le dirigenze che si sono susseguite. Segni particolari? Una barba rossa inconfondibile che taglierebbe solo in caso di vittoria della Fiorentina…“Per questa stagione non posso tagliarmela – sorride Andrea -, è andata male a 360 gradi”. 

Ti riferisci anche ai tifosi?

"Avremmo potuto investire a gennaio 2016 sul mercato quando eravamo secondi a un punto dall’Inter, ma non è stato fatto. Difficile capirne le motivazioni. Da quel momento, in assenza di veri leader che sapevano parlare anche alla società, ci siamo divisi: chi sostiene che son meglio loro a rispetto a proprietari stranieri, chi si ricorda delle Coppe alzate. Io c’ero quando abbiamo vinto le Coppe Italia e la Supercoppa, vorrei vedere vincere ancora qualche trofeo prima che il Signore mi voglia con sé”.

Sousa?

“Difficile capire cosa gli sia successo, a me ha detto una mattina che sì è fermato a fare benzina
che era difficile lavorare in quel modo. In che modo? Non si sa. Ci sono state tante incomprensioni
tecniche e tattiche in questa stagione. Col Borussia, con tre gol in vantaggio, bastava rimettere Sanchez nel suo ruolo ecoprire gli esterni e invece...”

In conclusione?

“Quest’anno non siamo voluti arrivati nelle prime cinque, ma io non mi arrendo. Sempre forza
viola!”.

7 giugno 2017
articoli correlati

Punto d’oro della Fiorentina all’Olimpico contro la Lazio

Un rigore in pieno recupero di Babacar, grazie al Var, consente alla Fiorentina di conquistare un prezioso pareggio contro la Lazio. Buona gara dei viola che, per la prima volta, ottengono un punto contro una delle squadre di vertice

La Fiorentina coglie solo un pareggio in casa della Spal

Dopo due sconfitte consecutive la Fiorentina muove a classifica cogliendo un pareggio, in rimonta, a Ferrara contro la Spal dell’ex Leonardo Semplici. Gara non bella decisa dal vantaggio di Paloschi a cui ha risposto Chiesa che così ha festeggiato il rinnovo del contratto fino al 2022

Non basta Simeone. Fiorentina sconfitta a Verona dal Chievo

Un punto nelle ultime tre partite. Prosegue il periodo buio per la Fiorentina che va subito in vantaggio con Simeone ma subisce poi la rimonta del Chievo Verona con una doppietta di Castro
quartieri di firenze
Primo piano

DanzainFiera 2018, Firenze balla per 4 giorni

Grandi ospiti, dalle étoile della danza ai protagonisti dei musical, esibizioni, stage e l'atteso premio DanzainFiera. Per 4 giorni la Fortezza da Basso di Firenze diventa una super pista da ballo
news
Newsletter il Reporter Firenze - iscriviti
Zoom
Agenda
Bambini
La guida
Focus

Il Toscana Pride 2018 è a Siena

Annunciata la data e la nuova ‘tappa’ del corteo lgbtqia. Dopo Firenze e Arezzo, il pride arriva nella città del palio a metà giugno

Palazzo Strozzi, le mostre del 2018

Dall’arte italiana di metà Novecento alle controverse performance di Marina Abramović, ecco gli eventi espositivi ci aspettano a Palazzo Strozzi nei prossimi mesi

Monet experience a Firenze: impressionisti a 360 gradi video

Quadri senza tele, proiettati su enormi schermi e sulle architetture di Santo Stefano al Ponte. Per la 'Monet experience' ci vuole anche naso, grazie a profumi naturali creati per l'esposizione digitale

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina