martedì 20 febbraio 2018

Oltre 100 candidati per SmArt and coop

Chiuso il bando per selezionare buone idee per il turismo e la cultura: 22 team hanno presentato progetti innovativi, adesso passeranno al vaglio di una giuria di esperti
Redazione
Smart and coop

Nuove tecnologie, strumenti innovativi, itinerari inediti o che puntano a emozionare e a coinvolgere il turista e i cittadini che vivono sul territorio. Sono queste le principali idee alla base dei progetti  presentati da oltre 100 giovani candidati, organizzati in 22 team, che hanno partecipato al bando SmArt and coop promosso da Fondazione CR Firenze e Legacoop Toscana, in partnership con IED – Istituto Europeo di Design e Impact Hub Firenze.

L’obiettivo è aiutare la nascita di nuove cooperative nel settore del turismo e della cultura. Il bando si è chiuso lo scorso 16 giugno e ora le idee sono al vaglio del comitato tecnico di valutazione: entro il 14 luglio selezionerà tre gruppi vincitori che parteciperanno ad un percorso di accelerazione della durata di 16 settimane.

Cosa prevede il bando di Smart and Coop

I giovani  avranno a disposizione: una formazione di settore presso IED,  uno spazio di co-working presso Impact Hub Firenze e una borsa di studio individuale del valore di 3mila euro. Al termine del percorso, il miglior progetto riceverà un contributo di 10mila euro a fondo perduto per l’avvio della cooperativa.

“Il profilo dei giovani team che hanno partecipato ci racconta storie di professionalità ed esperienze anche internazionali che è giusto valorizzare” ha commentato Gabriele Gori, direttore Fondazione CR Firenze. “Le proposte arrivate puntano a innovare i percorsi turistici – ha aggiunto Roberto Negrini, presidente Legacoop Toscana - prevedono un ruolo attivo delle comunità e dei territori, come auspicavamo. Ora sta a noi dare gli strumenti per entrare sul mercato e creare nuove opportunità di lavoro”.

Le idee per il turismo e la cultura

Nella presentazione dei progetti, ampio spazio è stato dato agli strumenti innovativi per la promozione del territorio, che saranno capaci di rinnovare il turismo e di proporre itinerari inediti per turisti e residenti. Alcuni progetti hanno puntato su luoghi specifici della Toscana da valorizzare e proporre a chi arriva alla ricerca di una esperienza emozionale, mentre altri hanno puntato su target di pubblico specifici, come i più giovani, piuttosto che gli appassionati di ambiente, arte e archeologia. Informazioni e aggiornamenti sul sito di SmArt and coop.

23 giugno 2017
articoli correlati

Lavoro: la Camera di Commercio cerca digital promoter

Opportunità di lavoro per gli under 35: a Firenze la Camera di Commercio assume sei ‘digital promoter’ che aiuteranno le imprese a scoprire i servizi digitali

Chi sono i super influencer di Firenze foto

Corteggiati dal marketing, seguitissimi sui social, soprattutto dai giovani. Chi sono i 3 influencer più attivi di Firenze? Li abbiamo incontrati per capire qual è il segreto del loro successo

A Impact Hub 3 giorni di innovazione e laboratori (gratis)

Nell’ex dogana di Rifredi ''Altre forme di vita'': seminari sull’innovazione sociale, ma anche mercatino dei giovani artigiani toscani, laboratori per ragazzi e bambini, street food e musica
quartieri di firenze
Primo piano

Pari viola Bergamo

Reduce dalla sconfitta contro la Juve la Fiorentina è salita a Bergamo col chiaro intento di far punti. C’è riuscita contro un’Atalanta chiaramente distratta dall’Europa League
news
Newsletter il Reporter Firenze - iscriviti
Zoom
Agenda
Bambini
La guida
Focus

Ninjaz: l'hip hop e il rap toscano targato Numa Crew

Un po' rapper, un po' writer (è suo il super murales vicino alla Fortezza da Basso): abbiamo incontrato Ninjaz, che ha appena esordito con il suo primo lavoro da solista, 'Showgun'

Palazzo Strozzi, le mostre del 2018

Dall’arte italiana di metà Novecento alle controverse performance di Marina Abramović, ecco gli eventi espositivi ci aspettano a Palazzo Strozzi nei prossimi mesi

Monet experience a Firenze: impressionisti a 360 gradi video

Quadri senza tele, proiettati su enormi schermi e sulle architetture di Santo Stefano al Ponte. Per la 'Monet experience' ci vuole anche naso, grazie a profumi naturali creati per l'esposizione digitale

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina