venerdì 21 luglio 2017

Chi è stato il primo "rifredino" della storia

Rifredi nell'antichità? Era un grande cimitero. Le curiosità e la storia di questa zona di Firenze sono raccontate su una pagina Facebook
Deborah Macchiavelli
Storia di Rifredi

La Pieve di Santo Stefano in Pane

Satrio Albano, legionario romano del I secolo a.C., morto a 33 anni dopo onorato servizio nella coorte pretoria Marziale Prima, sepolto nel terreno erboso fra il ponte dello stretto e la Pieve di Santo Stefano in Pane. Questo l’identikit che emerge da un’antica iscrizione funebre, recante la breve biografia del primo abitante di Rifredi di cui si abbia notizia.

Sono almeno 7 le epigrafi romane che documentano la storia più antica del Quartiere 5, risalenti all’età giulio-claudia e rinvenute nel diciassettesimo secolo nei campi lungo il Terzolle nei pressi della Pieve. Tra queste, il necrologio del valoroso Satrio Albano, una delle tante curiosità illustrate sulla pagina Facebook “La mia Rifredi”.

La storia di Rifredi corre sui social

“La pagina nasce dal desiderio di condividere il personalissimo sentire, mio o di chiunque altro, per la zona di Rifredi” - spiega l’ideatore Francesco Petrini, rifredino doc e insegnante di letteratura greco latina e storia antica in un istituto americano- “e, per quanto possibile, di documentarne e preservarne la memoria storica”.

Una memoria antichissima, giunta fino a noi anche grazie a questo prezioso “dossier rifredino” di età romana, che offre uno scorcio del passato remoto della zona della Pieve: “Sebbene scarsi e frammentari, i testi di queste epigrafi sono stati trascritti e pubblicati da alcuni eruditi come Lami, Moreni e Gori, e più accuratamente editi nel 1888 – spiega –. Bisogna specificare che, prima del Medioevo, storicamente Rifredi non esiste: già dal primo secolo, però, la zona era adibita ad area sepolcrale, probabilmente adiacente a un luogo di culto e a un piccolo insediamento abitativo”.

E tra i suoi abitanti vi era anche Satrio Albano della tribù Scapzia, circoscrizione amministrativa di riferimento dell’area del Valdarno: un cittadino romano, quindi, originario dell’antica piana fiorentina. “Un veterano dell’epoca – precisa ancora Petrini – che dopo 10 anni di servizio in un prestigioso corpo militare venne congedato con una pensione e un appezzamento di terreno”.

7 luglio 2017
articoli correlati

Se la via cambia ''faccia'': boom di intitolazioni

Dal 2015 ventisette tra vie, piazzali e luoghi pubblici sono stati ribattezzati: sulle targhe grandi nomi e persone meno conosciute ma con una storia da raccontare. E' c'è anche il ''caso'' Carlo Monni

San Valentino, a Firenze brindisi sulla Torre di Arnolfo

Cin cin d’amore sulla torre di Palazzo Vecchio. In occasione della festa degli innamorati un evento speciale per tutte le coppie

Nel quartiere 5 il mese della memoria

Una mostra fotografica e tre incontri con studiosi e docenti. Il Q5 di Firenze promuove un calendario di eventi in occasione della Giornata della memoria e del Giorno del Ricordo
quartieri di firenze
Primo piano

Contributo di bonifica, cos’è e chi deve pagarlo

6 domande e (6 risposte) sul tributo che sta facendo discutere. Tra Firenze, Prato e Pistoia sono arrivati i primi avvisi di pagamento del Consorzio di Bonifica 3 Medio Valdarno
news
Estate
L'iniziativa
Curiosità
Cultura
Focus

Open Cine: a Scandicci torna il cinema all’aperto

Per il secondo anno torna l’arena estiva di Scandicci: 12 film in programmazione nel giardino del cinema Aurora grazie all’associazione Amici del Cabiria

Una rivoluzione in rosa in mostra sul Lungarno foto

Nello spazio estivo de La Toraia, a Firenze, le tele della giovane artista Manuela Gallo

Parcheggio tramvia-autostrada: come funziona e quanto costa video

E’ il primo del genere in Italia. Parcheggi senza uscire dall’A1 e poi sali sulla tramvia di Firenze. Ecco come funziona (e quali sono i prezzi) del nuovo parcheggio scambiatore di Villa Costanza a Scandicci

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina