martedì 20 febbraio 2018

Santa Croce palcoscenico di ''Genius Loci''

Elio Germano, Roberto Cotroneo, Alessandro Bergonzoni e molti altri. Attori, scrittori e musicisti si esibiscono nella basilica di Santa Croce in tre diversi momenti: dal tramonto all'alba
Costanza Tosi
Genius Loci Santa Croce

Un’Estate Fiorentina con i fiocchi, quella del 2017, che non poteva che concludersi nel migliore dei modi. A chiudere il sipario della rassegna sarà “Genius Loci”. L’evento, che si svolgerà dal tramonto del 6 ottobre all’alba del 7 ottobre, ha l’obiettivo di contribuire a creare una connessione intima tra i fiorentini e i loro luoghi, in questo caso, tra i fiorentini e Santa Croce.

Sarà proprio all’interno della Basilica di Santa Croce, che, musicisti, attori, scrittori si esibiranno per un evento esclusivo alla scoperta dello “spitito del luogo”.  L’iniziativa, organizzata dall’associazione Controradio Club e Controradio, con il contributo del Comune di Firenze, di Opera di Santa Croce e Città Metropolitana, svilupperà un programma suddiviso in tre step.

Genius Loci, dall'alba al tramonto

Le performance infatti, si svolgeranno in tre differenti momenti della giornata: tramonto, ore 18.30; notte, ore 21.30; alba, ore 6.00. Il primo sarà Roberto Cotroneo, lo scrittore interverrà sul rapporto tra i visitatori e le opere d’arte. In contemporanea l’esibizione dell’autore Alessandro Bergonzoni, in un talk show sul tema della bellezza. A seguire cantanti, musicisti, attori, tra cui la ventenne toscana Alice, già presente anche sul panorama internazionale dopo aver partecipato a svariati concorsi oltreoceano, che porterà il suo “Born in the Woods”. 

A guidare il pubblico  in “Letture itineranti in costume” saranno invece Gaia Nanni e Gianluigi  Tosto, accompagnati da sonorizzazioni dal vivo di artisti professionisti come Alessandro Biagi e Fulvio Renzi

In notturna l’attore Elio Germano  e il compositore Theo Teardo porteranno una versione rivisitata di “Viaggio al termine della notte” di Luis Fernand Cèline. A concludere l’evento una performance unica nel suo genere che vedrà sposarsi il jazz alla musica Africana.

Un formato insolito per cercare di riempire i luoghi di parole e contenuti, mettendo al primo posto l’interdisciplinarietà. Una sorta di scommessa volta a rendere ad un luogo che vive di passato la sua contemporaneità.

22 settembre 2017
articoli correlati

A Firenze è tempo di festival

Dopo la ''pace'' di agosto la città si riaccende con tanti eventi, dalla moda alla tecnologia, passando per la musica e il Dalai Lama

FloReMus, il Rinascimento suona

Dal 2 al 10 settembre Firenze ospita un appuntamento internazionale dedicato al Rinascimento musicale, tra concerti e incontri con gli esperti 

Lirica, cibo e vino nel Giardino di Palazzo Corsini

Uno dei giardini storici all’italiana più belli di Firenze ospita la prima edizione italiana di The New Generation Festival, tra musica classica, picnic deluxe e concerti in location segrete
quartieri di firenze
Primo piano

Pari viola Bergamo

Reduce dalla sconfitta contro la Juve la Fiorentina è salita a Bergamo col chiaro intento di far punti. C’è riuscita contro un’Atalanta chiaramente distratta dall’Europa League
news
Newsletter il Reporter Firenze - iscriviti
Zoom
Agenda
Bambini
La guida
Focus

Ninjaz: l'hip hop e il rap toscano targato Numa Crew

Un po' rapper, un po' writer (è suo il super murales vicino alla Fortezza da Basso): abbiamo incontrato Ninjaz, che ha appena esordito con il suo primo lavoro da solista, 'Showgun'

Palazzo Strozzi, le mostre del 2018

Dall’arte italiana di metà Novecento alle controverse performance di Marina Abramović, ecco gli eventi espositivi ci aspettano a Palazzo Strozzi nei prossimi mesi

Monet experience a Firenze: impressionisti a 360 gradi video

Quadri senza tele, proiettati su enormi schermi e sulle architetture di Santo Stefano al Ponte. Per la 'Monet experience' ci vuole anche naso, grazie a profumi naturali creati per l'esposizione digitale

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina