mercoledì 26 settembre 2018

Inferno Run 2017: corsa per marines? No, per famiglie

Dentro la corsa a ostacoli più ''diabolica'': l’Inferno Run. A Firenze l’appuntamento è per il 21 e 22 ottobre alla Visarno Arena. E c’è chi ha coinvolto l’intera famiglia
Redazione

Pozze di fango, container di ghiaccio, scivoli, monkey bar, muri. Ostacoli che sembrano insormontabili. No, non è un percorso di addestramento per marines. È la Inferno Run, una corsa ad ostacoli che potrebbe impensierire anche gli atleti più allenati, ma che in realtà si rivolge ad una sempre più ampia platea di sportivi (il 30% costituita da donne).

3mila i partecipanti attesi in questa sesta edizione prevista per il 21 e il 22 ottobre 2017 alla Visarno Arena di Firenze. Fra di loro tanti personaggi fra cui Andrea Pacini, che ha corso le ultime due Inferno in carrozzina supportato dagli amici dell'associazione Spingi la Vita, e il paratleta Constantin Bostan, che lo scorso anno ha corso in stampelle.

Nella due giorni di Firenze  troviamo anche Marco Wild Stefani (nella foto), che quest'anno correrà la gara con tutta la sua famiglia al completo. Dietro ad un volto coperto di fango si cela un uomo innamorato dello sport e delle sfide. Ex campione italiano di culturismo prestato poi al mondo delle OCR (le discipline sportive in cui sono annoverate le gare come la Inferno Run), Marco, insieme alla moglie Cristina, è riuscito a contagiare tutta la famiglia grazie a questa sua passione.

Inferno Run 2017: a Firenze c'è chi la corre in famiglia

“Lo sport per noi è vita, è condivisione, amicizia a anche lavoro – dice -. Insieme a mia moglie e al mio amico Andrea Santini gestisco una palestra in cui pratichiamo Pilates. Qui abbiamo elaborato un nuovo metodo di allenamento che sia chiama CrossWild. Non vi è lavoro più bello al mondo che insegnare i giovani e soprattutto ai non più giovani o ai diversamente giovani come utilizzare al meglio il loro corpo per superare gli ostacoli, di qualsiasi tipo. Mentali o fisici”.

E poi c'è la componente umana ed emozionale, che in queste gare è la vera vincitrice. Perché insieme gli ostacoli si superano più facilmente. “Nelle gare - continua Marco - ho scoperto che il fango, il sudore, la fatica legano le persone, creando fantastiche amicizie. Grazie a queste gare ho trovato e ho conosciuto persone meravigliose. Impossibile elencarle tutte, la lista è veramente lunga, ma quando ci troviamo alle gare ci scambiamo abbracci veri. Io sono un uomo fortunato e corro sempre con il mio socio di fango Marco Bragetta, poi sono riuscito a correre con mio figlio Pietro con cui ho già fatto tre gare, con mia moglie Cristina invece abbiamo corso la passata edizione della Inferno. Un'emozione davvero unica. Adesso Sofia, la piccolina di casa, non vuole essere da meno e prenderà parte insieme a tutta la famiglia alla prossima Inferno partecipando alla Baby Inferno, sporcandosi di fango, senza rischiare di essere sgridata”.

L'Inferno Run prevede la corsa competitiva da 9 chilometri, quella non competitiva sempre da 9 chilometri e l'Inferno short da tre chilometri. Informazioni e iscrizioni sul sito dell'Inferno Run 2017 nella sezione dedicata a Firenze.

3 ottobre 2017
articoli correlati

Le feste dello sport nei quartieri fiorentini

Bambini e ragazzi provano tanti sport, gratuitamente. Dall'Anconella a Campo di Marte, fino a Soffiano, si apre la stagione delle Feste dello sport. Tutte le date

Half Marathon Firenze Vivicittà 2018: come iscriversi

Si avvicina l’Half Marathon Firenze Vivicittà. Ultimi giorni per le iscrizioni agevolate. La data e il percorso della mezza maratona che invaderà le strade della città

Sport su misura per i piccoli degli Innocenti

Siglato un accordo che permetterà ai bambini e alle madri ospiti dell’Istituto degli Innocenti di praticare sport con corsi ‘su misura’ per ogni esigenza
quartieri di firenze
Primo piano

Tante recriminazione e la Viola perde con l’Inter

Allo stadio Giuseppe Meazza l’Inter batte la Fiorentina 2-1 grazie anche all’arbitro Mazzoleni che concede generosamente un rigore ai nerazzurri, poi trasformato da Icardi, poi non concede un tiro dagli undici metri per un atterramento di Chiesa (autore del momentaneo pareggio) e proprio sul rovesciamento di fronte la squadra di Spalletti sigla il gol vittoria con D’Ambrosio. Una serata da dimenticare per la squadra di Pioli
news
Focus
Agenda
Area metropolitana
Sui banchi
Focus

Linari a Madrid inseguendo il sogno del pallone

L'intervista alla giovane campionessa cresciuta a Firenze, difensore della Nazionale Italiana di calcio femminile, che è passata in estate dalla Fiorentina Women’s all’Atlético de Madrid Femenino

Un'altra hit dopo il tormentone della ''Fi-pi-li song''? video

Mai pensato di cantare la coda in superstrada? È stata l'idea del trio scandiccese che quest'estate ha impazzato su Youtube e in radio e ha in serbo altre sorprese per l'inverno  

Bistecca alla fiorentina patrimonio Unesco?

Da Firenze arriva la proposta di includere la celebre ‘fiorentina’ nell’elenco dei patrimoni mondiali dell’umanità

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina