lunedì 20 novembre 2017

Quando allo Space recitava Dario Fo

Il 27 ottobre comincia Rivoluzione 9999, mostra monografica organizzata da Museo Novecento insieme a Fondazione Architetti Firenze e dedicata al gruppo di architetti radicali fiorentini.
Redazione

Correva l'anno 1969 quando in un ex garage alluvionato di via Palazzuolo nasceva lo Space Electronic. Non la discoteca fiorentina come la si conosce oggi, ma uno spazio di ricerca e sperimentazione che ha visto tra i suoi più assidui frequentatori Dario Fo, Julian Beck e Judith Malina con il loro Living Theatre e poi Van Der Graaf Generator, Rory Gallagher e Canned Heat, Equipe 84, Area di Demetrio Stratos e Formula Tre.

I 9999: l'architettura radicale a Firenze

Di questa scena progressista e proiettata nel futuro si parla in Rivoluzione 9999 (al Museo Novecento dal 27 ottobre 2017 al 28 gennaio 2018), la prima esposizione di materiali esclusivamente dedicata al gruppo di architetti radicali 9999, attivo a Firenze dal 1968 al 1972 e fondato da Giorgio Birelli, Carlo Caldini, Fabrizio Fiumi e Paolo Galli.

Gli architetti al Museo Novecento

Lo spazio, situato accanto alla sezione monografica dedicata dal Museo Novecento all'architettura radicale, vuole essere un tributo a questo gruppo di giovani architetti che Giorgio La Pira volle orgogliosamente come “ambasciatori di Firenze” in Oriente, come lo stesso Carlo Caldini amava testimoniare.

Il materiale in mostra

Documenti, videointerviste e fermo immagine su un passato che guardava alla Firenze del futuro, questi i materiali esposti in un evento, organizzato da Museo Novecento e Fondazione Architetti Firenze e curato da Marco Ornella ed Emanuele Piccardo con la direzione scientifica di Valentina Gensini, che ha l’obiettivo di restituire in forma cronologica i temi della ricerca dei 9999: i viaggi formativi in Nord America, India e Londra, l’happening e la discoteca Space Electronic.

L'esposizione costituisce un’importante occasione per presentare materiali inediti, come gli scatti e i filmini in Super8 realizzati da Mario Preti, le fotografie del Living Theatre, le interviste ai membri del gruppo 9999 raccolte da Elettra Fiumi all’interno del film A Florentine man dedicato al padre Fabrizio, le sequenze fotografiche realizzate da Giorgio Birelli durante la costruzione della barca ideata da Paolo Galli, atto comunitario finale del gruppo prima del suo dissolvimento.
 

20 ottobre 2017
articoli correlati

Al Museo Novecento rivive la galleria Quadrante foto

Fino al 1 ottobre in mostra la ricostruzione di quella che fu il crocevia delle tendenze artistiche degli anni '60

Vittorio Giorgini: eventi e mostre foto

Esposizioni, convegni, workshop: a Firenze (ma non solo) una rassegna sull'architetto fiorentino e sulla stagione degli anni Cinquanta e Sessanta in città

L’arte pubblica in un convegno, alla Palazzina Reale

Appuntamento con ''Arte pubblica oggi. Storie e prospettive'', un ragionamento a tutto tondo sull'arte pubblica, il suo stato di salute e le possibili strategie
quartieri di firenze
Primo piano

Test Hiv gratis a Firenze per la Testing Week

Anonimo e gratuito: tra Firenze e Scandicci una settimana per fare il test diagnostico per l'hiv presso le associazioni aderenti e le farmacie. Si tratta di un'analisi rapida della saliva
news
Newsletter il Reporter Firenze - iscriviti
Focus
Agenda
Tempo libero
Cibo
Focus

Quali festival sono in programma al cinema La Compagnia

Ritrovato, femminile e indiano. I festival cinematografici hanno trovato casa a La Compagnia di via Cavour. La storia (e la programmazione) della sala tornata di recente alle sue origini

Influenza 2017: guida al vaccino

Il virus influenzale è alle porte. Questo è il momento migliore per sottoporsi al vaccino, dicono gli esperti. Ecco come farlo in Toscana (e per chi è gratis)

Firenze Winter Park 2017: 4 mesi sul ghiaccio

2 piste di pattinaggio sul ghiaccio, una baita di alta montagna e una scuola per imparare a sfrecciare sui pattini. Tutto quello che c'è da sapere sul Firenze Winter Park 2017

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina