giovedì 18 gennaio 2018

Chi studia nel bicchiere: corsi per sommelier a Firenze

Sempre più persone seguono lezioni per scoprire come degustare e riconoscere un buon vino. Abbiamo sentito 2 associazioni che a Firenze organizzano corsi per aspiranti sommelier: Ais e Fisar
Redazione
Corsi sommelier Firenze assaggiatore vino

Volete seguire corsi per sommelier a Firenze? Preparatevi: per degustare un buon vino ci vuole naso. Il primo scoglio è questo: all’inizio molti non riescono a trovare nel bicchiere tutti gli aromi. Certo alcuni “alunni” hanno più fiuto degli altri, ma anche l’olfatto si allena, parola dei guru della degustazione.

Non tutti i corsi sono uguali

A Firenze  aumenta il numero di chi segue i percorsi per diventare sommelier: ne esistono tanti ma non tutti gli attestati sono uguali, meglio affidarsi alle associazioni maggiormente riconosciute nel settore.

“Negli ultimi anni c’è stato un incremento importante degli iscritti, in particolare giovani - osserva Massimo Castellani, delegato dell’Ais Firenze, l’associazione italiana sommelier che esiste da più di 50 anni – arrivano anche molti stranieri come giapponesi, cinesi e americani che una volta concluso il loro percorso diventano ambasciatori della nostra cultura enologica all’estero”.

Il costo dei corsi per sommelier a Firenze

I corsi prevedono 3 livelli: ogni step prevede una quindicina di lezioni per un costo che varia tra i 500 e i 700 euro.  Alla fine dei tre livelli è possibile sostenere un esame per essere promossi sommelier con tanto di attestato.

Cambia anche il pubblico di aspiranti sommelier, fa notare Lorenzo Sieni, a capo della delegazione della Fisar di Firenze, altra associazione impegnata in questo campo. “Se prima le lezioni erano seguite quasi esclusivamente da professionisti del mondo del vino e della ristorazione –  dice -, oggi il 70 per cento dei partecipanti è rappresentato da appassionati e persone che vogliono capire come riconoscere una buona bottiglia”.

La classe non è acqua

Il pubblico è eterogeneo, si va dal pensionato allo studente, con un boom del pubblico femminile, perché il vino si fa più rosa. Le regole d’oro? “Prima di tutto la teoria, è importante studiare – consiglia Sieni -. La seconda è visitare le cantine, fare degustazioni e andare alla scoperta del mondo del vino: anche quando si è diventati sommelier non dobbiamo perdere”.

6 novembre 2017
articoli correlati

I migliori posti dove bere un tè a Firenze

Chiamatele teerie o con il termine inglese tea house. A Firenze esistono tanti luoghi dove bere una buona tazza di tè in compagnia e anche tra i libri. La nostra 'mappa' per i cultori del genere

Al Borro l'arte entra in vigna foto

All'interno della tenuta''Il Borro'', nell'aretino, arriva la mostra di arte contemporanea ''Ospiti inaspettati'. A pochi passi dalle vigne prendono posto le opere di 5 maestri

Due settimane di festa per il circolo 25 aprile

Concerti, taranta, cibo e mercatini per svuotare la cantina. Fino al 30 settembre la Casa del popolo 25 aprile di via Bronzino è in festa
quartieri di firenze
Primo piano

I migliori posti dove bere un tè a Firenze

Chiamatele teerie o con il termine inglese tea house. A Firenze esistono tanti luoghi dove bere una buona tazza di tè in compagnia e anche tra i libri. La nostra 'mappa' per i cultori del genere
news
Newsletter il Reporter Firenze - iscriviti
Focus
Agenda
Bambini
Curiosità
Focus

Rivoluzione della luce a Firenze in arrivo lampioni led

Al via i lavori per installare 30mila luci a led. A Firenze i lampioni resteranno accesi per tutta la notte. Aumenta la 'luce', ma la bolletta energetica sarà più leggera per Palazzo Vecchio

Baglioni e Cassi: i buoni propositi visti dal palcoscenico

Una 'strana coppia' e una doppia intervista. Proprio quando tutti pensano ai buoni propositi per l'anno nuovo abbiamo chiesto a due volti noti di dirci i loro (e di fare glia auguri ai fiorentini)

Caveman al Puccini di Firenze (con lo sconto) video

Torna per l'undicesima replica lo spettacolo-cult 'Caveman - L'uomo delle caverne', che ha fatto ridere mezzo mondo. Tappa al Teatro Puccini di Firenze, con una sorpresa per i lettori de il Reporter

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina