giovedì 18 gennaio 2018

Unesco: Firenze promossa. Nardella: "Niente tirate d'orecchie"

Presentato il report Unesco sulla gestione del centro storico: bene aeroporto, tramvia, bike sharing e mobilità elettrica
Redazione

L’Unesco ‘promuove’ Firenze a pieni voti, o quasi. Pur con qualche raccomandazione, la gestione del centro storico di Firenze, patrimonio dell’umanità dal 1982, ha ricevuto il plauso della commissione Unesco, impegnata nella missione consultiva sullo stato di conservazione del centro, che si è svolta dal 22 al 25 maggio scorsi.

La missione Unesco

La missione, che ha coinvolto 62 partecipanti di dieci diverse istituzioni e l’audizione di comitati e associazioni, si è conclusa con un report redatto da Isabelle Anatole-Gabriel del Centro del Patrimonio Mondiale Unesco e da Paul Drury di Icomos International.

Infrastrutture, mobilità, riufiuti e flussi turistici sotto la lente

La missione ha messo sotto la ‘lente’ le principali opere infrastrutturali, la gestione della mobilità e dei rifiuti, i flussi turistici. “In questi anni - ha detto il sindaco Dario Nardella - abbiamo ascoltato con rispetto e umiltà tutte le osservazioni, le critiche e gli attacchi sullo stato di conservazione del nostro centro storico, senza prestarci a polemiche e lavorando duro. Alla fine abbiamo voluto essere sottoposti al giudizio dell’unica autorità internazionale autonoma e competente. Oggi presentiamo i risultati, confortati da un giudizio molto positivo sulla nuova pista dell’aeroporto, sulla tav e su molte politiche avviate dalla nostra amministrazione, dalla battaglia contro i fast food all’impegno sulla mobilità elettrica e al car e bike sharing”.

Il sindaco ha presentato i risultati del report insieme al responsabile dell’ufficio Unesco del Comune Carlo Francini, al programme office dell'Unesco Regional Bureau for Science and Culture in Europe Matteo Rosati, al segretario generale Commissione Nazionale Italiana per l'Unesco Enrico Vicenti e al focal point nazionale per l'attuazione della Convenzione sulla protezione del Patrimonio Mondiale Unesco del Mibact Adele Cesi e ha fatto il punto sui giudizi espressi dalla commissione, in larga parte positivi.

Sì al riuso dei "contenitori" vuoti, alla pedonalizzazione e alla tramvia

Per esempio sull’aeroporto gli effetti diretti dell’espansione rappresentano un miglioramento rispetto alla situazione attuale grazie all’ampliamento delle destinazioni e servizi più affidabili, alla riduzione generale del rumore sulla città e al miglioramento della qualità visiva data dal ritorno a parco verde dell’area settentrionale della pista. Bene anche il progetto delle linee tramviarie, ritenuto un’opportunità per ampliare e migliorare gli spazi pedonali e accrescere la qualità urbana, e la Tav, che non crea danni al sito Unesco né problemi archeologici. Bene poi la pedonalizzazione di Piazza Pitti e di Piazza del Carmine, esempi di riduzione dell’uso dell’auto all’interno del centro storico. Premiata anche la politica del ‘riuso’ dei contenitori vuoti del centro storico, dal Tribunale di Piazza San Firenze alla Scuola Carabinieri di Santa Maria Novella.

Attenzione al sottoattraversamento del centro e no al turismo mordi e fuggi

Rispetto ai rilievi, “sulla tramvia – sottolinea il sindaco Nardella - prendiamo atto con grande rispetto del giudizio che la commissione di valutazione ha dato sull’ipotesi di sottoattraversamento del centro storico e questo giudizio avrà una forte influenza sulle nostre decisioni. Aspettiamo gli studi di fattibilità sulle varie modalità di attraversamento del centro con la tramvia e ci prendiamo l’impegno di valutare ogni aspetto insieme agli uffici dell’Unesco”.

A proposito poi dei parcheggi sotterranei in centro “rimane – continua il sindaco – il tema di piazza Brunelleschi: confermiamo che seppure sia inserito nel regolamento urbanistico ad oggi non è una priorità”.

"Non vedo tirate d’orecchie – ha concluso il sindaco – ma raccomandazioni positive, per esempio quella del continuare a investire nel turismo di qualità contro il cosiddetto mordi e fuggi”. 

30 ottobre 2017
quartieri di firenze
Primo piano

I migliori posti dove bere un tè a Firenze

Chiamatele teerie o con il termine inglese tea house. A Firenze esistono tanti luoghi dove bere una buona tazza di tè in compagnia e anche tra i libri. La nostra 'mappa' per i cultori del genere
news
Newsletter il Reporter Firenze - iscriviti
Focus
Agenda
Bambini
Curiosità
Focus

Rivoluzione della luce a Firenze in arrivo lampioni led

Al via i lavori per installare 30mila luci a led. A Firenze i lampioni resteranno accesi per tutta la notte. Aumenta la 'luce', ma la bolletta energetica sarà più leggera per Palazzo Vecchio

Baglioni e Cassi: i buoni propositi visti dal palcoscenico

Una 'strana coppia' e una doppia intervista. Proprio quando tutti pensano ai buoni propositi per l'anno nuovo abbiamo chiesto a due volti noti di dirci i loro (e di fare glia auguri ai fiorentini)

Caveman al Puccini di Firenze (con lo sconto) video

Torna per l'undicesima replica lo spettacolo-cult 'Caveman - L'uomo delle caverne', che ha fatto ridere mezzo mondo. Tappa al Teatro Puccini di Firenze, con una sorpresa per i lettori de il Reporter

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina