domenica 19 agosto 2018

Va al lavoro senza traffico a bordo del Titanicchè

Un pendolare del fiume: l'idea di un fresatore di Compiobbi che ogni mattina per raggiungere il posto di lavoro sull'altra sponda sale in barca e 'naviga' sull'Arno. Così evita gli ingorghi di via Aretina
Fannì Beconcini
Titinacché battello Arno navigazione - Luciano Casadei

Andare a lavoro in barca spostandosi da una sponda all’altra dell’Arno. A Firenze si può ed è  un’impresa realizzata. Luciano Casadei ha 55 anni, abita a Compiobbi, fa il fresatore a Vallina e ha scelto un’alternativa sostenibile ed ecologica al classico mezzo di trasporto su strada: tutte le mattine si reca all’officina dove lavora attraversando il fiume.

“Tutto è iniziato due anni fa, quando la ditta si è trasferita da Pontassieve a Vallina -  racconta -. La barca era di un amico che me l’ha regalata e insieme ad un gruppo di pensionati del paese l’abbiamo restaurata e resa operativa. Mancavano gli scalmi, ovvero i porta-remi, e li ho realizzati con l’aiuto di mio cognato. È stato un bel lavoro di squadra e il risultato è più che positivo”.

Luciano Casadei: pendolare del fiume

Da quel giorno Luciano infatti usa la barca come mezzo di trasporto spostandosi da una sponda all’altra dell’Arno evitando così i ritardi e lo stress del traffico quotidiano che interessa la zona di via Aretina e dintorni, dove altrimenti sarebbe costretto a transitare per raggiungere il posto di lavoro.

“Ogni mattina alle sette scendo all’attracco con i remi in spalla, navigo fino all’altra sponda e in pochi minuti approdo diladdarno godendomi il silenzio, solo il rumore dell’acqua e la tranquillità della natura. Il tragitto mattutino da casa a lavoro è una sorta di meditazione sull’acqua, quasi un momento di preghiera per me, un’attività utile anche a livello spirituale oltre che salutare” spiega con entusiasmo questo moderno pendolare del fiume, che ha fatto una scelta sana ed ecologica guadagnandone in salute, tempo e serenità.

Navigazione sull'Arno - la barca di Luciano Casadei Titanicchè

A pelo d'acqua con il Titanicchè

“Compiobbi dal fiume è bellissima e dal fiume si vedono le cose da un altro punto di vista, per esempio a volte mi affaccio e guardo le auto imbottigliate in fila sulla strada mentre io sono lì a remare godendomi il fiume e la natura in pace e tranquillità.” Luciano Casadei a Compiobbi e dintorni è ormai quasi un’istituzione insieme alla sua barca, che è il suo mezzo di trasporto preferito ed è stata  scaramanticamente battezzata “Titanicche’?”. La barca è dotata di specchietti retrovisori e addirittura di un monitor: “E’ il mio sonar” conclude scherzando: “Mi serve a tenere a bada i pesci siluri dell’Arno.”

24 novembre 2017
articoli correlati

Come chiedere il rimborso degli abbonamenti Ataf

Firenze ha stanziato un milione di euro per congelare gli aumenti degli abbonamenti annuali Ataf per le famiglie con redditi bassi e per gli studenti residenti sul territorio comunale

Bus e tram: come cambiano i tracciati delle linee Ataf

Quali linee vengono soppresse e quali modificate: Palazzo Vecchio lavora al piano che rivoluzionerà il tragitto degli autobus di Firenze in vista dell'entrata in funzione delle due nuove linee della tramvia

Le 5 cose che devi sapere sulla nuova tramvia a Firenze

Le linee, i percorsi, i tempi di percorrenza e le novità delle nuove linee della tramvia 
quartieri di firenze
Primo piano

Quali controlli sono stati fatti sui ponti di Firenze

Dopo il crollo di Genova, si accendono i riflettori sullo stato di salute di ponti, viadotti, passerelle e cavalcavia anche a Firenze. La domanda più frequente è una: ci sono manufatti pericolosi?
news
Estate
Da non perdere
On the road
Tempo Libero
Focus

Cinema all’aperto nel teatro romano di Fiesole

In programma i migliori film dell’Istituto Stensen su un grande schermo gonfiabile all’interno della suggestiva area archeologica. Due settimane di cinema a Fiesole e il biglietto è low cost

Concerti davanti Santo Spirito e viste guidate gratuite

Per tutto agosto, alla sera, musica sul sagrato della basilica di Santo Spirito. E la Fondazione Salvatore Romano apre le porte in notturna con visite guidate a ingresso libero

Gli artisti del Maggio sul "palcoscenico" del Museo Novecento

Al Museo Novecento prende vita la mostra dedicata a bozzetti e figurini dei più grandi artisti del XX secolo, che hanno prestato la loro opera per il Maggio Musicale Fiorentino. 

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina