lunedì 21 maggio 2018

Restaurata la 'spa' di Cosimo de' Medici

Dopo 5 mesi di restauri, il Comodo di Cosimo, bagno privato di Cosimo de' Medici, torna al suo antico splendore. La stanza sarà inserita nel percorso museale di Palazzo Vecchio
Vincenzo D'Angelo
Comodo Cosimo

Foto: Geberit e Pozzi-Ginori per il restauro del Comodo di Cosimo de Medici

È stato restaurato il “Comodo di Cosimo” una stanza, adiacente al Salone dei Duecento, che oggi
potrebbe essere considerata come bagno privato con sauna. L'intervento della durata di cinque mesi è costato ventimila euro ed è stato sponsorizzato da Geberit e Pozzi-Ginori, mentre il coordinamento generale è stato affidato a Fondaco Italia, società leader nel settore della consulenza associata al recupero di opere d'arte e dei beni culturali.

Una stanza per il relax

L'ambiente, tecnologicamente molto avanzato per l'epoca, era frutto di una scelta sofisticata che si voleva riallacciare, in forma privata ed esclusiva, alla cultura termale dell'Antica Roma, sia nella parte tecnologica sia nelle decorazioni ispirate alle scene mitologiche. Destinata al benessere privato, si trattava di una vera e propria stanza per il relax e lo svolgimento funzioni corporali. L'elegante vasca in pietra era in grado di erogare sia acqua fredda che calda, opportunamente riscaldata in una stanza attigua, con diversi i punti di appoggio usati per riporre oli essenziali e oggetti per l'igiene personale.

“È un onore per noi riportare all'originale bellezza un ambiente ricco di storia e curiosità, con l'auspicio che venga presto inserito nel percorso museale di Palazzo Vecchio”, ha dichiarato il sindaco Dario Nardella. “Un luogo bellissimo, leggero e delicato impreziosito dai dipinti di Marco da Faenza della scuola del Vasari che ne fanno una vera e propria opera d'arte” ha aggiunto Giorgio Castiglioni, Direttore Generale Marketing e Distribuzione di Geberit.

Comodo di Cosimo Palazzo Vecchio Firenze

Foto: Geberit e Pozzi-Ginori per il restauro del Comodo di Cosimo de Medici

Uno scrigno d'arte "adottato"

L'intervento è inserito nel programma FLIC “Florence I Care” con il quale il Comune di Firenze offre a coloro che vogliono diventare suoi partner l'opportunità di “prendersi cura” della città partecipando in prima persona al finanziamento di iniziative volte alla valorizzazione del patrimonio artistico fiorentino.

4 dicembre 2017
articoli correlati

Enigma al museo, il ritorno di Mysterion

Visite nei musei, ma in modo diverso: squadre che si fronteggiano e un’enigma ambientato in tempi antichi

I musei di Firenze aperti a Pasqua e Pasquetta 2018

Giorno per giorno i luoghi d’arte visitabili a Firenze durante il weekend di Pasqua, tra il primo e il due aprile (anche gratis)

Ad aprile la Domenica Metropolitana di Firenze ‘cambia’

Il primo aprile (Pasqua) si entra gratis in tutti i musei statali, la Domenica Metropolitana di Firenze slitta però in avanti, con i musei civici ad ingresso libero per i residenti 7 giorni dopo
quartieri di firenze
Primo piano

La Fiorentina è travolta dal Milan nell’ultima gara di campionato

Prestazione sconcertante per la Fiorentina che chiude la stagione con due sconfitte consecutive e l’ottavo posto in classifica. I viola che partono bene grazie alla rete di Simeone crollano poi sotto la doppietta di Cutrone e le reti di Calhanoglu, Kalinic e Bonaventura
news
Zoom
Agenda
Area metropolitana
Curiosità
Focus

Aperitivo con vista, a Firenze una nuova terrazza panoramica

Musica live ed eventi esclusivi, cocktail ricercati e buffet. Al via la prima stagione di Glance Summer, hotel a 4 stelle a due passi da San Lorenzo, che apre la sua terrazza al sesto piano

Passeggiate verdi per scoprire l'economia circolare

Nei parchi, ma anche lungo l'anello del Rinascimento e sui sentieri partigiani. Lo Sportello Ecoequo del Comune di Firenze promuove conversazioni e itinerari a piedi e in bicicletta 

Cina in mostra alle Murate foto

Una mostra, performance di artisti cinesi e un calendario di eventi collaterali. Le Murate - Progetti Arte Contemporanea dà il via al terzo appuntamento del ciclo ‘Global identities’

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina