lunedì 19 febbraio 2018

Regole per un buon ritratto (fotografico)

I 'trucchi' per scattare un buon ritratto fotografico. I consigli dell'esperto Paolo Matteoni nella nuova rubrica de il Reporter
Paolo Matteoni
Trucchi per un buon ritratto (fotografico)

Foto di Paolo Matteoni

Possiamo affermare che uno dei generi universalmente preferiti dai fotografi, sia professionisti che “della domenica”, sia il ritratto. Il verbo ritrarre, secondo il Vocabolario online di Treccani, ha due significati: tirare fuori e trarre copia.

Non sono così lontani come sembrano: l’alto scopo del ritratto fotografico non è soltanto la rappresentazione delle fattezze di una persona (altrimenti sarebbe una foto tessera!), ma cercare di rappresentarne il carattere, l’essenza vera. Potremmo poeticamente dire, di estrarne l’anima. Quindi, anche in questo caso, è utile far precedere lo scatto da una accurata considerazione di chi abbiamo davanti. Belle parole, sì! Ma come si traducono in pratica?

Dimmi dove stai e ti dirò chi sei

Cominceremo con l’ambiente: se il nostro soggetto è un meccanico, l’ideale sarebbe ritrarlo dentro la sua officina, con tuta e attrezzi da lavoro, il pizzaiolo davanti al forno, e via di seguito. Lo  ostreremo così non solo per come è, ma anche per chi è. Si può anche semplificare: uno stetoscopio fa il medico, un violino fa il musicista.

Faccia la faccia

Un ritratto è però fatto essenzialmente da una faccia, da una espressione; qui conta la nostra conoscenza del soggetto e la sua disinvoltura davanti all’obiettivo. La prima è facile, soprattutto
se è un amico, la seconda è piuttosto complicata.

Il segreto sarà divertirsi nel fare una cosa insieme: si chiacchiera, si ride, si scherza, ci si fotografa a vicenda. In una parola si gioca e si fanno tante foto. Uscirà sicuramente quella buona, quella che a lui mostra ciò che pensa di essere e a noi mostra ciò che ci sembra che sia. È tutta una questione di atmosfera e di tempo. Vedremo che creando la giusta complicità le foto saranno via via migliori.

E le regole tecniche per un ritratto fotografico

Concludiamo con qualche consiglio “tecnico”: non mettete nella foto cose che distraggono, cercate di avere molto spazio dietro le spalle del soggetto in modo da rendere lo sfondo sfocato, evitate luci troppo forti negli occhi e ombre troppo scure sulla faccia. I vostri amici ve ne saranno grati e voi sarete soddisfatti.

Paolo Matteoni organizza corsi di fotografia individuali e per piccoli gruppi. Prenota con lo sconto Reporter! Per info paolomatteonifotografo@gmail.com, sito www.paolomatteonifotografo.com.

6 dicembre 2017
articoli correlati

Pollice verde in città

Tra app verdi, nuove linee delle tramvia e start-up 'eco friendly', Firenze è una città sempre più green? Il nuovo editoriale di Francesca Puliti, direttore de il Reporter

Raccontare le feste con una foto

Nuovo appuntamento con la rubrica firmata dal fotografo Paolo Matteoni, che questo mese ci porta dentro le atmosfere natalizie. Come fare a immortalarle nel modo migliore?

5 domande da farsi prima di scattare una foto

Gli smartphone fanno tutto il lavoro tecnico per noi, ma dobbiamo metterci un po' di cervello prima dello scatto. Parola al fotografo Paolo Matteoni, firma della nuova rubrica de il Reporter
quartieri di firenze
Primo piano

Pari viola Bergamo

Reduce dalla sconfitta contro la Juve la Fiorentina è salita a Bergamo col chiaro intento di far punti. C’è riuscita contro un’Atalanta chiaramente distratta dall’Europa League dopo la sconfitta di misura subita a Dortmund e prima della sfida di ritorno contro il Borussia. Di Badelj e Petagna le reti. Rosso nel finale a Milenkovic
news
Newsletter il Reporter Firenze - iscriviti
Zoom
Agenda
L'intervista
La guida
Focus

Ninjaz: l'hip hop e il rap toscano targato Numa Crew

Un po' rapper, un po' writer (è suo il super murales vicino alla Fortezza da Basso): abbiamo incontrato Ninjaz, che ha appena esordito con il suo primo lavoro da solista, 'Showgun'

Palazzo Strozzi, le mostre del 2018

Dall’arte italiana di metà Novecento alle controverse performance di Marina Abramović, ecco gli eventi espositivi ci aspettano a Palazzo Strozzi nei prossimi mesi

Monet experience a Firenze: impressionisti a 360 gradi video

Quadri senza tele, proiettati su enormi schermi e sulle architetture di Santo Stefano al Ponte. Per la 'Monet experience' ci vuole anche naso, grazie a profumi naturali creati per l'esposizione digitale

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina