lunedì 19 febbraio 2018

Vasari e la nuova luce nel Salone dei Cinquecento

Palazzo Vecchio celebra il nuovo impianto di illuminazione del Salone dei Cinquecento con un singolare incontro tra il pubblico e Giorgio Vasari. Due le repliche dello spettacolo
Redazione
Salone Cinquecento illuminazione spettacolo vasari

L'incredibile bellezza del Salone dei Cinquecento è dovuta al genio di Giorgio Vasari, artista prediletto di Cosimo I de Medici che, con la sua nutrita schiera di collaboratori e operai, riuscì a donare nuova vita a una delle sale più grandi di Palazzo Vecchio, trasformandola nel simbolo del potere mediceo sul Ducato di Toscana.

E' proprio Vasari in persona a raccontare l'incredibile storia del Salone, intrecciando le proprie parole con un'elaborata regia illuminotecnica, capace di illuminare ogni singola opera e di offrire una nuova luce all'incredibile patrimonio culturale che decora l'ambiente.

Si tratta dello spettacolo "Giorgio Vasari racconta, Il Salone dei Cinquecento sotto una nuova luce" messo in scena dall'associazione Mus.e in collaborazione con SILFI, Targetti e Confindustria. Un viaggio attraverso anni di storia, lavoro e dedizione, con un appassionato Vasari che accompagna il pubblico alla scoperta di aneddoti e curiosità. Dal soffitto a cassettoni con le abili pitture sul tema dell'esaltazione di Cosimo I alla Tribuna per le Udienze, passando per gli affreschi e le meravigliose sculture l'artista racconta con passione uno dei suoi più grandi capolavori.

Guarda la gallery

Le repliche dello "spettacolo luminoso"

Dopo l'anteprima del 4 dicembre, lo spettacolo sarà riproposto al pubblico il 16 dicembre e il 12 gennaio nell'ambito di F-Light – Firenze Light Festival, giunto alla quarta edizione, quest'anno in programma da venerdì 8 dicembre al prossimo 8 gennaio. L'impianto di illuminazione nel Salone dei Cinquecento è composto da 141 apparecchi a led di ultima generazione, che consentono di creare scenari e regolare l’intensità luminosa in base all’effetto desiderato.

5 dicembre 2017
articoli correlati

Monet experience a Firenze: impressionisti a 360 gradi video

Quadri senza tele, proiettati su enormi schermi e sulle architetture di Santo Stefano al Ponte. Per la 'Monet experience' ci vuole anche naso, grazie a profumi naturali creati per l'esposizione digitale

Le mostre da non perdere a Firenze

Dal Rinascimento di Palazzo Strozzi all'arte contemporanea tra Palazzo Vecchio, Museo Novecento e Le Murate. Il calendario delle esposizioni da vedere in città nella seconda parte del 2017

Cosa fare a Firenze prima che finisca l'estate

Non è troppo tardi: monumenti e locali da provare prima che l’autunno se li porti via. Dal cocktail all'aperto alla gita sui ''tetti'' della città, guida alle  ultime occasioni dell'estate a Firenze
quartieri di firenze
Primo piano

Pari viola Bergamo

Reduce dalla sconfitta contro la Juve la Fiorentina è salita a Bergamo col chiaro intento di far punti. C’è riuscita contro un’Atalanta chiaramente distratta dall’Europa League dopo la sconfitta di misura subita a Dortmund e prima della sfida di ritorno contro il Borussia. Di Badelj e Petagna le reti. Rosso nel finale a Milenkovic
news
Newsletter il Reporter Firenze - iscriviti
Zoom
Agenda
L'intervista
La guida
Focus

Ninjaz: l'hip hop e il rap toscano targato Numa Crew

Un po' rapper, un po' writer (è suo il super murales vicino alla Fortezza da Basso): abbiamo incontrato Ninjaz, che ha appena esordito con il suo primo lavoro da solista, 'Showgun'

Palazzo Strozzi, le mostre del 2018

Dall’arte italiana di metà Novecento alle controverse performance di Marina Abramović, ecco gli eventi espositivi ci aspettano a Palazzo Strozzi nei prossimi mesi

Monet experience a Firenze: impressionisti a 360 gradi video

Quadri senza tele, proiettati su enormi schermi e sulle architetture di Santo Stefano al Ponte. Per la 'Monet experience' ci vuole anche naso, grazie a profumi naturali creati per l'esposizione digitale

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina