mercoledì 21 febbraio 2018

River to River 2017: il cinema indiano a Firenze

Al Cinema La Compagnia l'appuntamento con il Florence Indian Film Festival: 40 eventi tra pellicole, mostre e incontri. Ecco il meglio della programmazione
Leila Zoia
River to River 2017 Firenze Indian film Festival

Un filo culturale unisce il fiume Gange all’Arno e porta a Firenze, da 17 anni, il River to River Florence Indian Film Festival, l’unica manifestazione interamente dedicata alla cinematografia indiana esistente in Italia.

Dal 7 al 12 dicembre al Cinema La Compagnia (via Cavour 50r) e in vari luoghi della città si susseguiranno 40 eventi tra proiezioni, mostre, talk, lezioni di cucina ed eventi off – sotto la direzione artistica di Selvaggia Velo - per offrire al pubblico uno spaccato su una realtà in rapidissima evoluzione e continuo cambiamento, come quella indiana.

Il programma di River to River 2017

Diritti delle donne, emancipazione femminile, sessualità e integrazione razziale saranno le storie che ci incuriosiranno e che avremo l’opportunità di conoscere grazie alle opere di registi noti e giovani talenti. Si parte il 7 dicembre alle ore 20.30 con il film rivelazione “Newton”, candidato dall’India agli Oscar 2018, una commedia al contempo brillante e nerissima di Amit Masurkar.

Si continua con “Shab (The Night)” del regista pluripremiato Onir (8 dicembre, ore 20.30). Figure femminili forti sono le protagoniste di “My pure land” (9 dicembre, ore 20.30) e della serie “It’s not that simple” (8 dicembre, ore 14.30, 9 dicembre ore 14.30 e 10 dicembre, ore 14).

River To River 2017 - Florence Indian Film Festival - My pure land

Una scena del film "My pure land"

Sarà il pubblico a decretare il miglior film che si aggiudicherà il River to River Audience Award votando fra le varie sezioni del festival: lungometraggi tra cinema indipendente e di Bollywood, documentari e cortometraggi.

Le novità 3D del Florence Indian Film Festival

Tra le novità che l’edizione 2017 riserva agli spettatori ci sarà la sezione dedicata ai cortometraggi in Realtà Virtuale, che darà la possibilità di immergersi a 360° nella vita quotidiana dell’India grazie a degli appositi visori. È previsto inoltre un omaggio ai 70 anni dall’Indipendenza dell’India dall’impero britannico con due capolavori: “Earth” di Deepa Metha (10 dicembre, ore 16), film cult del 1988 e “Gandhi” di Richard Attenborough (9 dicembre, ore 15.30). Il racconto delle tante facce di questa realtà lontana e ricca di contraddizioni ci attende.

Tutti i dettagli sul sito del festival River to River.

6 dicembre 2017
articoli correlati

Quel Blockbuster che è resistito, all'Isolotto

Il videonoleggio sopravvissuto nell'era di Netflix. Siamo entrati nel Blockbuster dell'Isolotto, a pochi passi da viale Talenti per scoprire che... i dvd vanno ancora di moda

A San Salvi “Il film lo scegli tu”

Non un’arena estiva, ma una gara tra gli spettatori per scegliere il titolo da proiettare sul grande schermo. Torna l’appuntamento organizzato dai Chille de la Balanza

Cinema all’aperto a Villa Vogel (con tante risate)

3 serate per rivedere 3 classici della comicità toscana insieme ai protagonisti dei film, con un premio speciale a una signora della risata. A curare la rassegna, a ingresso libero, Andrea Muzzi
quartieri di firenze
Primo piano

DanzainFiera 2018, Firenze balla per 4 giorni

Grandi ospiti, dalle étoile della danza ai protagonisti dei musical, esibizioni, stage e l'atteso premio DanzainFiera. Per 4 giorni la Fortezza da Basso di Firenze diventa una super pista da ballo
news
Newsletter il Reporter Firenze - iscriviti
Zoom
Agenda
Bambini
La guida
Focus

Il Toscana Pride 2018 è a Siena

Annunciata la data e la nuova ‘tappa’ del corteo lgbtqia. Dopo Firenze e Arezzo, il pride arriva nella città del palio a metà giugno

Palazzo Strozzi, le mostre del 2018

Dall’arte italiana di metà Novecento alle controverse performance di Marina Abramović, ecco gli eventi espositivi ci aspettano a Palazzo Strozzi nei prossimi mesi

Monet experience a Firenze: impressionisti a 360 gradi video

Quadri senza tele, proiettati su enormi schermi e sulle architetture di Santo Stefano al Ponte. Per la 'Monet experience' ci vuole anche naso, grazie a profumi naturali creati per l'esposizione digitale

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina