mercoledì 21 febbraio 2018

La storica pasticceria 3MT dell'Isolotto riapre?

Ha abbassato il bandone dopo quasi 30 anni di onorato servizio, lasciando l'Isolotto senza lo 'storico' tronchetto di Natale. Adesso la pasticceria 3MT sta valutando se continuare la sua dolce avventura
Laura Piccioli e Gianni Carpini
Pasticceria 3MT Firenze laboratorio artigianale

Nelal foto: Monica Turetta

È stato nascosto per quasi 30 anni dietro ai palazzi di via Sernesi, il laboratorio-pasticceria 3MT, eppure il suo nome ha risuonato con successo tra le strade del quartiere dell'Isolotto e non solo. Le sue torte hanno celebrato compleanni, battesimi e matrimoni di generazione in generazione, tuttavia, un triste giorno di ottobre la clientela ha trovato sulla porta un cartello che ne annunciava l’imminente chiusura.

Il bandone è andato giù a fine ottobre e da allora si è scatenato un vero e proprio tam-tam sui social network: numerosi clienti hanno inviato messaggi di apprezzamento per il lavoro svolto in questi anni, molti hanno chiesto a gran voce la riapertura, tanto che la decisione iniziale di una chiusura definitiva ha iniziato a vacillare, lasciando intravedere uno spiraglio di luce per il futuro. Ma andiamo con ordine.

Perché ha chiuso il laboratorio artigianale

Il laboratorio fu aperto nel 1989 da Monica Turetta insieme ai fratelli Massimiliano e Marco ed al marito Luca. “Nostro padre era pasticcere – racconta la Turetta – e per questo abbiamo deciso di metterci in proprio seguendo le sue orme. Abbiamo iniziato con difficoltà, ma alla fine ci siamo fatti conoscere per i nostri dolci di qualità prodotti artigianalmente. Come dimenticare il nostro tronchetto di Natale: si mangiava due volte, prima con gli occhi e poi con la bocca, perché mettevamo il cuore in quello che facevamo. Purtroppo nell’ultimo periodo ci siamo molto affaticati sotto tanti punti di vista - continua Monica – e per questo motivo abbiamo deciso di prenderci una pausa". 

Laboratorio artigianale pasticceria 3MT Isolotto Firenze - perché ha chiuso? Riapre?

La pasticceria 3MT riaprirà?

Per il futuro però c'è qualche speranza. Monica è possibilista: "Il nostro voleva essere un addio, ma visto l’affetto della gente che abbiamo ricevuto sarà forse più un arrivederci...”. Insomma ci sta pensando su: in cantiere c'è una possibile ripresa dell'attività nel 2018, anche se è troppo presto per fare ipotesi. Di sicuro c'è solo una cosa: per questo Natale l'Isolotto passerà le feste senza lo "storico" tronchetto firmato dal laboratorio-pasticceria 3MT.

7 dicembre 2017
articoli correlati

Tra ristoranti e aperitivi, viaggio in Borgo La Croce

Tutto in una via: meno di 400 metri di strada ma tante attività, tra negozi e locali dove mangiare. Siamo andati a curiosare tra i nuovi arrivi di Borgo La Croce

Due settimane di festa per il circolo 25 aprile

Concerti, taranta, cibo e mercatini per svuotare la cantina. Fino al 30 settembre la Casa del popolo 25 aprile di via Bronzino è in festa

Viaggio tra i ristoranti asiatici di Firenze foto

Il giro dell'Oriente in 3 tappe gastronomiche. Assaporiamo con voi i ''piatti forti'' di alcuni tra i migliori ristoranti asiatici della città. Provare per credere
quartieri di firenze
Primo piano

DanzainFiera 2018, Firenze balla per 4 giorni

Grandi ospiti, dalle étoile della danza ai protagonisti dei musical, esibizioni, stage e l'atteso premio DanzainFiera. Per 4 giorni la Fortezza da Basso di Firenze diventa una super pista da ballo
news
Newsletter il Reporter Firenze - iscriviti
Zoom
Agenda
Bambini
La guida
Focus

Il Toscana Pride 2018 è a Siena

Annunciata la data e la nuova ‘tappa’ del corteo lgbtqia. Dopo Firenze e Arezzo, il pride arriva nella città del palio a metà giugno

Palazzo Strozzi, le mostre del 2018

Dall’arte italiana di metà Novecento alle controverse performance di Marina Abramović, ecco gli eventi espositivi ci aspettano a Palazzo Strozzi nei prossimi mesi

Monet experience a Firenze: impressionisti a 360 gradi video

Quadri senza tele, proiettati su enormi schermi e sulle architetture di Santo Stefano al Ponte. Per la 'Monet experience' ci vuole anche naso, grazie a profumi naturali creati per l'esposizione digitale

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina