lunedì 15 ottobre 2018

La chiesa dell'Isolotto compie 60 anni

Un simbolo del quartiere festeggia sessant'anni di vita. Storie e curiosità della Beata Vergine Maria Madre delle Grazie, che nel quartiere tutti chiamano semplicemente chiesa dell'Isolotto
Chiesa dell'Isolotto storia

Foto: Archivio Comunità di base dell'Isolotto

All’inizio era una chiesa solo per metà. “Seguivamo messa di fronte a un tendone, che ci separava dalla parte non finita: mancava ancora l’abside”, ricorda chi l’ha vista nascere dal nulla, quando ancora da queste parti le case erano una manciata e tutto intorno esistevano campi e poco più.

La chiesa dell’Isolotto, prima “cattedrale” in quel “deserto” alla periferia di Firenze, compie 60 anni il 22 dicembre e festeggia l’anniversario della consacrazione la stessa sera con un concerto-spettacolo dei vari gruppi che animano la parrocchia, dal teatro alla musica.

La storia della chiesa dell'Isolotto

La nascita della parrocchia del quartiere precedette l’edificio di culto: fu istituita nel 1955, un anno dopo la consegna dei primi alloggi popolari, e trovò una casa temporanea nell’oratorio della Madonna
delle Querce
, cappella quattrocentesca in via Palazzo dei Diavoli che presto si rivelò troppo piccola per la nascente comunità del rione.

I lavori per la nuova chiesa, intitolata alla Beata Vergine Maria Madre delle Grazie, erano già iniziati nel 1952 ma ci vollero cinque anni per vederne una parziale conclusione (qui qualche scatto dell'Isolotto sessant'anni fa). E a guardare bene, qualcosa manca tuttora: il campanile. Previsto nei disegni originali dell’architetto Guido Morozzi, non è stato mai costruito. Al suo posto attraverso grandi megafoni risuonano ancora oggi le campane virtuali dell’Isolotto.

Il "prete ribelle"

Ma la chiesa è diventata famosa anche per uno “scisma” in riva all’Arno, finendo sulle prime pagine dei giornali. La scintilla, che innescò una stagione di messe in piazza richiamando fedeli anche  all’estero e la nascita delle prime comunità cristiane di base indipendenti dal Vaticano, fu la cacciata nel 1968 del primo parroco, don Enzo Mazzi, in aperto contrasto con la Curia. Il “prete ribelle”, ben prima del Concilio Vaticano II, tradusse la liturgia dal latino all’italiano e iniziò a dir messa rivolto al popolo e non guardando l’altare, come era d’uso a quei tempi, dando il via a una “rivoluzione”.

20 dicembre 2017
articoli correlati

Le Scuole Nazionali d'Arte di Cuba in mostra alla Palazzina Reale

Un libro, un film documentario e una mostra fotografica per raccontare la storia delle Scuole Nazionali d'Arte di Cuba, attraverso le immagini dell'epoca e le parole dei tre architetti che dettero vita a quel sogno

Il mercato delle Cure va al Mandela. Le cose da sapere

Quando, come e dove. Tutte le informazioni utili: scatta il progetto per il rifacimento di piazza delle Cure e il mercato si sposta al Mandela Forum. Ci vorranno mesi di lavori per vedere la nuova piazza

Rivoluzione 9999: cosa ha a che fare l'architettura con la disco music? foto

Al Museo Novecento fino al 28 gennaio trova spazio la monografica dedicata al gruppo di architetti radicali 9999 organizzata insieme a Fondazione Architetti Firenze. 
quartieri di firenze
Primo piano

Simona Bonafè è la segretaria toscana del Pd

I risultati delle primarie del Partito Democratico in Toscana: l’europarlamentare Simona Bonafè è stata eletta segretaria regionale del Pd
news
1952
Inizia la costruzione
1955
Istituita la parrocchia
1957
Prima messa nella chiesa
Focus
Agenda
Arte
Scuola
Focus

Stop ai bus turistici in centro, da novembre arrivano i "bussini"

I grandi autobus rossi a due piani non potranno più circolare sulle strade della zona Unesco. Al loro posto ci saranno dei minibus elettrici simili a quelli già utilizzati dall’Ataf

Cinema d'essai: i festival di ottobre a Firenze

Con l'autunno si torna in sala alla ricerca del film d’essai con festival e proiezioni speciali dedicate al cinema francese, alle donne, all'arte e ai diritti LGBT

Lucca Comics 2018, le novità in programma

Gli ospiti, le mostre e tutto quello che si potrà trovare dal 31 ottobre al 4 novembre nel centro di Lucca

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina