domenica 16 dicembre 2018

Firenze si conferma destinazione preferita per il MICE tourism

I risultati 2017 presentati dal Firenze Convention Bureau: un impatto economico di 21 milioni di euro e oltre 20.000 delegati in città
Simone Spadaro

Sono 19 i congressi acquisiti nel 2017 dalla città che si svolgeranno nel triennio 2018/2020, con la partecipazione totale di oltre 20.000 delegati. L’impatto economico complessivo stimato è di 21 milioni di euro tra pernottamenti e servizi relativi all’organizzazione che coinvolgeranno molti operatori del settore, tra cui molti soci del Firenze Convention Bureau (*stima calcolata da FCB).
I risultati sono stati raggiunti grazie all’attività di candidatura portato avanti dal Firenze Convention Bureauinsieme ai partner e i più importanti player del territorio, oltre alla partnership ufficiale con il Comune di Firenze.
Un anno produttivo, che Leonardo Bassilichi, Presidente di Firenze Fiera, ha così commentato: “L’ottima performance registrata nel 2017 è un’ulteriore conferma dell’importanza dell’offerta del polo congressuale fiorentino per lo svolgimento dei più importanti congressi nazionali ed internazionali. Stiamo investendo tutti di più su una rinnovata cultura non soltanto concettuale ma anche operativa della meeting industry come asset strategico del nostro territorio, mettendo a disposizione know how specifici e dotazioni strutturali cioè spazi congressuali sempre più adeguati alle esigenze di mercato, all’avanguardia per dotazioni tecnologiche e altamente competitivi per l’unicità e la bellezza impareggiabile delle location, specie di quelle sale e ambienti che conquistano per l’alto valore storico ed emozionale, che non si possono ritrovare da nessuna altra parte d’Italia e del mondo”.

La sede di Firenze Fiera la più gettonata

Ancora una volta, la location preferita è stata Firenze Fiera, scelta da 14 di questi congressi. Inoltre, un ottimo segnale è stato il fatto che 5 di questi hanno riconfermato gli spazi della Fiera come sede per il loro evento, risultato dell’importante lavoro di fidelizzazione che Firenze Fiera ha portato avanti nel 2017.
I dati più rilevanti emersi sono che molti dei congressi acquisiti hanno scelto Firenze per la prima edizione italiana, coinvolgendo partecipanti provenienti da tutto il mondo. Si conferma quindi l’importanza del rapporto tra la destinazione e suoi operatori locali come i PCO (Professional Congress Organizer), che li vedono infatti coinvolti in un ruolo chiave nella maggior parte delle candidature. 
A sostegno di questo, il capoluogo toscano è riuscito ad aggiudicarsi il prossimo IAPCO EDGE, uno dei seminari più importanti a livello europeo e mondiale per tutto ciò che riguarda la formazione degli organizzatori professionali di eventi, che si svolgerà al Palazzo dei Congressi da lunedì 15 a mercoledì 17 gennaio.
Carlotta Ferrari, Direttrice del Firenze Convention Bureau ha affermato: “Il 2017 è stato un anno molto interessante per la nostra destinazione che ha prodotto ottimi risultati in termini di acquisizioni. Firenze è in costante crescita ed è infatti stata inserita tra le prime 5 destinazioni italiane richieste per congressi ed eventi corporate del 2017*. Tutto questo conferma che il turismo business è un incubatore di ricchezza per l’economia della destinazione.” (*dato OICE).
A favorire l’acquisizione di questi eventi è stato il piano incentivi del Firenze Convention Bureau messo a disposizione a supporto delle candidature, reso possibile grazie alla collaborazione sinergica tra il Comune di Firenze, il Firenze Convention Bureau ed alcuni dei suoi soci come Firenze Fiera(per gli spazi congressuali), Gerist (per i servizi di catering) e Tecnoconference TC Group e SSD Grafiche (per i servizi tecnici e gli allestimenti).
L’Assessora al turismo del Comune di Firenze Anna Paola Concia ha aggiunto: “L’incremento del turismo congressuale rappresenta uno dei nostro obiettivi principali. La sinergia fra pubblico e privato rappresenta un valore aggiunto per sviluppare sempre di più il turismo di qualità, destagionalizzare i flussi e prolungare la permanenza dei visitatori a Firenze”.
FCB può sicuramente confermare dati positivi anche per la gestione di richieste per eventi MICE: sono 313 le richieste gestite di cui 137 già confermate. Inoltre, per la prima volta la destinazione sta lavorando ad un piano incentivi dedicato interamente al mondo del corporate.

12 gennaio 2018
quartieri di firenze
Primo piano

Non solo mercatini: cosa fare a Firenze nel weekend

Babbi Natale in moto, la Firenze del futuro, scuole aperte per i più giovani, mostre e spettacoli. Cosa fare a Firenze nel fine settimana del 15 e 16 dicembre
news
Focus
Agenda
Attualità
Dalla città
Focus

Natale nei musei di Firenze (con i bambini)

Le attività per le famiglie organizzate nei luoghi d'arte della città. Ecco i musei di Firenze che propongono visite speciali a misura di bambino durante le vacanze natalizie

Le scuole si presentano 2018: a Firenze ''open day'' per 38 istituti superiori

Licei, istituti tecnici e professionali. Nella palestra di viale Malta quasi 40 scuole superiori di Firenze si mettono in mostra per il salone di orientamento promosso dal Comune

Dodici giorni davanti al pubblico: nuova "re-performance" di Marina Abramovic

Vivere in isolamento e digiuno all'interno della mostra, senza pareti e sempre visibile ai visitatori. La performer Tiina Pauliina Lehtimäki esegue dal vivo "The House with the Ocean View" di Marina Abramovic fino al 16 dicembre

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina