mercoledì 18 luglio 2018

Foto: il Reporter (GC)

Passerella dell’Isolotto: 4 domande sulla riapertura

Riaperta dopo 6 mesi di lavori (con un ritardo di tre), la passerella dell’Isolotto continua a far discutere. Intervista al presidente del Q4 Mirko Dormentoni, che annuncia gli ultimi, piccoli, lavori

Per la passerella dell’Isolotto, dopo la riapertura in pompa magna lo scorso 9 gennaio, mancano solo gli ultimi ritocchi, ma questa volta rimarrà chiusa al massimo per pochi giorni a febbraio, per permettere l’installazione ai due lati della campata centrale delle “cerniere” di metallo (in gergo tecnico si chiamano giunti dilatatori) che consentiranno alla struttura di adattarsi alle variazioni di temperatura. Sempre a febbraio la passerella avrà una nuova illuminazione lungo i corrimano.

Tonerà poi la telecamera di videosorveglianza lato Cascine e ne sarà installata una nuova dalla parte dell'Isolotto. “Nei mesi successivi sarà realizzata anche una nuova accessibilità dedicata alle carrozzine per disabili più ingombranti”, annuncia il presidente del Quartiere 4 Mirko Dormentoni nella video-intervista de il Reporter: i tecnici stanno studiando varie soluzioni per permettere a questi mezzi di passare dai tornelli. Il "ponticino" dell'Isolotto è infatti off limits per i motorini: via libera solo ai pedoni e alle bici condotte a mano.

Perché la passerella dell'Isolotto è stata riaperta dopo così tanto tempo?

Intanto continuano le discussioni sui lunghi tempi che sono stati necessari per concludere i cantieri iniziati lo scorso 26 giugno: la durata prevista inizialmente era di circa 3 mesi, ma i tempi sono poi lievitati fino a 6 mesi. “Ci scusiamo e soprattutto ringraziamo i cittadini per la pazienza. Ci sono stati degli imprevisti in fase di lavorazione, evidentemente mal gestiti dalla ditta appaltatrice e c’è stato poi un conseguente comportamento scorretto da parte della ditta, che dall’inizio di novembre ha rallentato pesantemente i ritmi di lavorazione”, spiega Dormentoni. Tutti i dettagli nel nostro video.

17 gennaio 2018
articoli correlati

Bus Ataf: cosa cambia con la chiusura Alamanni-Guido Monaco video

Le video-mappe: 11 linee Ataf subiranno modifiche al percorso con i cantieri della tramvia a partire da lunedì 4 luglio. E presto i pullman extraurbani fermeranno alla Leopolda anziché alla Stazione.

Via Guido Monaco chiude per i lavori della tramvia video

Dal 4 luglio via Guido Monaco off limts, una settimana dopo stop anche in via Alamanni. Per arrivare alla Stazione c'è via Jacopo da Diacceto. Cosa cambia con i cantieri della linea 2

Tramvia a Novoli e nuove asfaltature: cantieri (e divieti) in città

Lavori della linea 2 in un tratto di via di Novoli, interventi agli alberi in via Panciatichi e piazza Mattei e molto altro ancora: ecco gli interventi previsti sulle strade questa settimana
quartieri di firenze
Primo piano

Rockin’1000 allo Stadio Artemio Franchi

La più grande rock band vivente (oltre 1000 musicisti) si incontra il 21 luglio allo stadio fiorentino per una grande "partita" giocata a suon di musica
news
Zoom
Agenda
Storie
Area metropolitana
Focus

Il Florence Folks Festival balla alla Manifattura Tabacchi

Per la prima volta la balera più movimentata di Firenze arriva nella Manifattura Tabacchi: 4 giorni di concerti e iniziative a ingresso libero per il festival che unisce tradizione e contemporaneità

Il tulipano bio nasce a Scandicci

Parte dal comune alle porte di Firenze lo studio per far crescere la prima coltivazione biologica di tulipani. Dopo i primi semi gettati durante l’iniziativa ''Wander and Pick'' sono in vista novità

Come cambiano i percorsi dei bus Ataf con le nuove linee della tramvia

Un bus viene soppresso, nascono 3 nuovi collegamenti mentre altri 9 cambieranno capolinea. Novità anche per le fermate dei pullman extraurbani. Linea per linea tutte le modifiche al servizio Ataf

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina