lunedì 19 febbraio 2018

Tra ristoranti e aperitivi, viaggio in Borgo La Croce

Tutto in una via: meno di 400 metri di strada ma tante attività, tra negozi e locali dove mangiare. Siamo andati a curiosare tra i nuovi arrivi di Borgo La Croce
Valentina Veneziano
Borgo La Croce Firenze ristoranti aperitivo

È impossibile non amare o non avere un debole per Borgo La Croce. Questa piccola via di Firenze, che fa da tramite a piazza Sant’Ambrogio e piazza Beccaria, è un piccolo mondo in cui si può comprare e fare di tutto.

Tutto in un borgo

In Borgo La Croce possiamo comprare una camicia, farci i capelli, portare il tacco di un paio di décolleté a sistemare, trovare il pigiama dei sogni, duplicare un mazzo di chiavi e innamorarci di una cornice che starebbe benissimo nella nostra casa. Senza dimenticarci che, proprio qui, possiamo assaporare piatti diversi grazie alla presenza di locali che soddisfano gusti e voglie differenti.

È una di quelle vie in cui si respira la quotidianità fiorentina più pura che non perde di autenticità neppure attraverso il cambiamento e la nascita di nuovi ristoranti e punti di ritrovo. Sì perché Borgo La Croce, negli ultimi mesi, si è arricchita di nuove presenze tutte da provare.

Gli ultimi arrivi in Borgo La Croce

Incuriosisce, al numero 32/r, Ararat. In un ambiente curato avviene l’incontro tra la cucina armena, ricca di carne, e quella georgiana basata soprattutto sulle verdure. Tra le specialità troviamo: la grigliata Ararat, gli involtini di carne speziata in foglie di vite, le polpettine di carne e grano speziato accompagnate da bulgur (frumento integrale), i paté e i saccottini ripieni dalla tradizione georgiana. Inoltre i piatti serviti a pranzo sono realizzati per coloro che amano mangiare leggero e hanno poco tempo a disposizione.

A pochi passi di distanza c’è il nuovissimo Borgo la Croce con i prodotti delle fattorie, il vino e la birra agricola, i piatti di carne Chianina e la porchetta di cinta senese, il punto forte. Il suo motto è “mangia, bevi e compra”. Apertura meno recente per Le Delizie del Borgo al numero 21/r. Informale e con i tavoli di legno sulla strada, per chi desidera mangiare all’aperto, offre pizza, taglieri di formaggi, salumi e verdure accompagnati da covaccini.

Dopo la location in via del Ponte alle Riffe, Dolci Pensieri ha aperto il suo secondo locale al numero
26/r di Borgo La Croce. Merita una sosta non solo per una colazione e per una dolce merenda ma per la “Cena a Caffellatte” del venerdì e per le serate vegane del giovedì.

22 gennaio 2018
articoli correlati

Brindare... in periferia: le ''altre'' enoteche di Firenze

Non solo centro storico. Esistono ottimi wine shop anche fuori dalla cerchia delle mura. Il nostro ''tour guidato'' tra 4 enoteche di Firenze

Oltrarno, dove la movida non è solo per giovanissimi

Tra wine bar, speakeasy e caffetterie l’arte della mixology conquista anche gli over 50. La nostra mini guida all'Oltrarno da bere 

Tour tra i ristoranti etnici di Firenze Nord

Dal Thai al Giapponese arrivando fino al greco. Abbiamo fatto un viaggio tra alcuni dei migliori ristoranti etnici di Firenze Nord, tra Novoli e Rifredi
quartieri di firenze
Primo piano

Pari viola Bergamo

Reduce dalla sconfitta contro la Juve la Fiorentina è salita a Bergamo col chiaro intento di far punti. C’è riuscita contro un’Atalanta chiaramente distratta dall’Europa League dopo la sconfitta di misura subita a Dortmund e prima della sfida di ritorno contro il Borussia. Di Badelj e Petagna le reti. Rosso nel finale a Milenkovic
news
Newsletter il Reporter Firenze - iscriviti
Zoom
Agenda
L'intervista
La guida
Focus

Ninjaz: l'hip hop e il rap toscano targato Numa Crew

Un po' rapper, un po' writer (è suo il super murales vicino alla Fortezza da Basso): abbiamo incontrato Ninjaz, che ha appena esordito con il suo primo lavoro da solista, 'Showgun'

Palazzo Strozzi, le mostre del 2018

Dall’arte italiana di metà Novecento alle controverse performance di Marina Abramović, ecco gli eventi espositivi ci aspettano a Palazzo Strozzi nei prossimi mesi

Monet experience a Firenze: impressionisti a 360 gradi video

Quadri senza tele, proiettati su enormi schermi e sulle architetture di Santo Stefano al Ponte. Per la 'Monet experience' ci vuole anche naso, grazie a profumi naturali creati per l'esposizione digitale

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina