lunedì 19 febbraio 2018

Il gatto Gandhi, la mascotte delle Cure

Un gattone che è diventato 'cittadino ad honorem' del quartiere. Vi raccontiamo la storia di Gandhi, il micione che tutti alle Cure conoscono (e coccolano)
Costanza Marrapese
Gatto Gandhi Firenze Ponte alle Riffe

Il gatto Gandhi (foto: il Reporter)

Una mascotte del rione. Lo chiamano Gandhi: è il grosso gattone divenuto cittadino “ad honorem” del quartiere. Trascorre le sue giornate al sole lungo il marciapiede di via Ponte alle Riffe, alle Cure. C’è chi racconta di vederlo da molti anni. Attraversa guardingo la strada guardando sia a destra che a sinistra per avvicinarsi al massimo ai suoi amici del forno. 

Il "babbo" del gatto Gandhi

Abbiamo fatto due chiacchiere con il suo “babbo” Nicola Fornaciari che abita al piano terra di un palazzo in via Ponte alla Riffe dove quotidianamente è facile imbattersi nel tenero micione. Nicola ha insegnato a Gandhi ad essere libero. Non un classico animale da appartamento che non vede la luce del sole, Gandhi è stato accompagnato fin da piccolo nella giungla di cemento da Nicola che gli ha insegnato le regole della strada.

“Gandhi mangia solo crocchette - ci racconta Nicola - gli piace riflettere e star fermo in un angolo della casa. Il suo nome è venuto nel periodo in cui praticavo meditazione: anche a lui piaceva meditare sulle mie ginocchia e stava immobile anche per un’ora. Ora siamo due adulti che convivono. Ultimamente presenta un po’ di acciacchi dell’età e mi dispiace dover passare da babbo a figlio che accudirà l’anziano”.

E i tanti "zii" del micione: gli abitanti del quartiere

Tutti nel rione lo conoscono e lo accarezzano. Durante i mesi estivi Gandhi staziona sul balcone di Nicola che per il caldo lascia la finestra aperta ed è lì che i passanti si prodigano in complimenti e coccole. “È divertente per me - continua Nicola - vedere quanto affetto attira verso di sé questo micione".

"Un episodio particolare fu la volta in cui fui svegliato da una mia ex fidanzata che in lacrime mi comunicava che era dal veterinario perché Gandhi era stato investito ed era morto. In lacrime mi precipitai e constatai che il mio amico era davvero morto. Un vero incubo. Mandai una email a tutti gli amici per avvisarli e stavo anche per affiggere dei cartelli in strada per informare il quartiere. Mi stavo apprestando a preparargli un funerale in casa, un ultimo saluto insieme a chi gli voleva bene, quando improvvisamente mia madre nell’altra stanza urlò: 'Nicola, Gandhi è vivo!' e con la coda dell’occhio vidi Gandhi vivo e vegeto. Si è trattato di uno scambio perché quel povero gatto deceduto era identico al nostro Gandhi”.

24 gennaio 2018
articoli correlati

Festa del gatto a Firenze: 3 iniziative

Il 17 febbraio, come tradizione, si celebra la festa nazionale del gatto. A Firenze presentazioni di libri, concorsi fotografici e pomeriggi tra yoga e iniziative per i più piccoli

Un cinghiale di 80 chili a Careggi

Operazione della polizia provinciale all’interno del complesso. L'animale è in buone condizioni

Cani e padroni fianco a fianco, torna la ''Passeggiata a 6 zampe''

Nuovo appuntamento con l’iniziativa rivolta agli amici a 4 zampe e ai loro proprietari. Il percorso si snoderà lungo il centro e i lungarni
quartieri di firenze
Primo piano

Pari viola Bergamo

Reduce dalla sconfitta contro la Juve la Fiorentina è salita a Bergamo col chiaro intento di far punti. C’è riuscita contro un’Atalanta chiaramente distratta dall’Europa League
news
Newsletter il Reporter Firenze - iscriviti
Zoom
Agenda
L'intervista
La guida
Focus

Ninjaz: l'hip hop e il rap toscano targato Numa Crew

Un po' rapper, un po' writer (è suo il super murales vicino alla Fortezza da Basso): abbiamo incontrato Ninjaz, che ha appena esordito con il suo primo lavoro da solista, 'Showgun'

Palazzo Strozzi, le mostre del 2018

Dall’arte italiana di metà Novecento alle controverse performance di Marina Abramović, ecco gli eventi espositivi ci aspettano a Palazzo Strozzi nei prossimi mesi

Monet experience a Firenze: impressionisti a 360 gradi video

Quadri senza tele, proiettati su enormi schermi e sulle architetture di Santo Stefano al Ponte. Per la 'Monet experience' ci vuole anche naso, grazie a profumi naturali creati per l'esposizione digitale

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina