mercoledì 15 agosto 2018

San Michele, il gioiello nascosto di Castello

Una perla tra le ville medicee. Vi portiamo alla scoperta di un monumento poco conosciuto di Castello, la chiesa 'panoramica' di San Michele
Deborah Macchiavelli
chiesa di San Michele a Castello

La chiesa di San Michele vista dalla Villa della Petraia

Una chiesa panoramica, poco distante dalle Ville Medicee di Castello e della Petraia. È la Chiesa di San Michele a Castello, antico edificio situato nell’omonima via alle porte di Firenze. Di probabile fondazione longobarda, se ne hanno notizie già nell’XI secolo: il nome deriva dal latino “castellum”, e indica una struttura adibita a collettore delle acque. Proprio dalla zona di Castello, infatti, partiva l’acquedotto romano per Firenze.

A partire dal 1608 l’architetto granducale Gherardo Mechini progetta lo stradone tra la villa di Castello e la chiesa di Boldrone e, prevedendo un nuovo assetto del territorio limitrofo, la chiesa di San Michele diviene l’elemento centrale della scena del paesaggio che si sviluppa tra le ville di Castello e della Petraia. Sempre per l’interessamento della famiglia Medici, nel 1622 venne incaricato l’architetto Giulio Parigi della progettazione del nuovo campanile: l’elegante costruzione venne completata nel 1624.

La chiesa di San Michele a Castello

Consacrata nel 1617 e dichiarata prioria nel 1728, la chiesa continuò a essere favorita dalla famiglia granducale, che la ristrutturò nel 1783 e nel 1817. L’edificio è intitolato all’Arcangelo San Michele, come ci ricorda lo scenografico affresco eseguito nel 1636 dall’artista Baldassarre Franceschini, detto il Volterrano, che raffigura il Santo mentre sferra il colpo mortale a Lucifero.

Castello, Firenze - Chiesa di San Michele interno

All’interno è ancora conservato un Crocifisso ligneo del ‘600, una tavola trecentesca raffigurante la “Madonna in trono e i Santi Lorenzo e Stefano”, attribuita alla bottega del Maestro della Santa Cecilia  a Pacino di Bonaguida, e un organo di Agati e Paoli della seconda metà dell’Ottocento. Dietro la chiesa si trova un piccolo cimitero: per suo espresso desiderio, qui è sepolto il poeta Mario Luzi, originario di Castello, dove ha vissuto i primi anni della sua vita.

25 gennaio 2018
articoli correlati

Tram-tour per scoprire luoghi insoliti

Parte il primo tram-tour, un’escursione a bordo della tramvia T1 Leonardo accompagnati da approfondimenti storici, artistici e culturali

Firenze smart city: i vincitori del concorso fotografico

A Villa Arrivabene la premiazione dei vincitori del concorso fotografico organizzato da SILFIspa in collaborazione con il Gruppo Donatello in occasione della 48esima edizione della mostra d’arte all’aperto in piazzale Donatello.

Monnalisa Day: il Rinascimento diventa pop

Chi c'è dietro #whereisMonnalisa party, evento che anima l'Oltrarno fiorentino, tra performance, reading e dj set
quartieri di firenze
Primo piano

Ferragosto 2018 a Firenze: eventi, concerti e sagre per chi resta in città

Non c’è solo il mare. La nostra guida per scoprire tutto quello che c'è da fare in città il 15 agosto tra film, concerti e sagre
news
Estate
Da non perdere
On the road
Tempo Libero
Focus

Cinema all’aperto nel teatro romano di Fiesole

In programma i migliori film dell’Istituto Stensen su un grande schermo gonfiabile all’interno della suggestiva area archeologica. Due settimane di cinema a Fiesole e il biglietto è low cost

Concerti davanti Santo Spirito e viste guidate gratuite

Per tutto agosto, alla sera, musica sul sagrato della basilica di Santo Spirito. E la Fondazione Salvatore Romano apre le porte in notturna con visite guidate a ingresso libero

Gli artisti del Maggio sul "palcoscenico" del Museo Novecento

Al Museo Novecento prende vita la mostra dedicata a bozzetti e figurini dei più grandi artisti del XX secolo, che hanno prestato la loro opera per il Maggio Musicale Fiorentino. 

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina