lunedì 19 febbraio 2018

Al museo con la Coop, entri in 2 e paghi 1

Al via il progetto ‘Insieme al museo’: a febbraio e marzo in 101 musei di Firenze e della Toscana la domenica l’ingresso per due costa la metà, se sei socio di Unicoop Firenze
Redazione
Musei soci Coop - Unicoop Firenze Insieme al Museo

Biglietto con prezzo "dimezzato" per chi entra in coppia al museo, la domenica. Basta essere socio di Unicoop Firenze per andare alla scoperta dei tesori del nostro territorio, da febbraio in poi: 101 tra abazie, gallerie d’arte, parchi archeologici, oratori e tanti musei poco conosciuti, ma ricchi di capolavori.

Musei con lo “sconto” Coop, 2x1

La Regione Toscana e Unicoop Firenze hanno lanciato il progetto “Insieme al museo” che consente visite domenicali "scontate": due biglietti al prezzo di un intero, per i soci della cooperativa di consumo. Basta presentare la carta socio Coop alla cassa. Si parte a febbraio con i 37 musei che aderiscono all’iniziativa tra Firenze, Prato e Pistoia.

Tra questi ci sono realtà fiorentine come la Sinagoga, il Museo Horne, quello di Storia Naturale e il Museo Galileo,  ma troviamo interessanti proposte anche fuori porta, ad esempio il museo archeologico di Fiesole, il convento degli agostiniani di Certaldo, il Museo d’arte contemporanea di Pistoia, il Museo Pretorio di Prato e quello di Scienze Planetarie di via Galcianese.

A marzo si replica l’iniziativa 2x1 con i musei di Arezzo, Pisa e Siena, per proseguire ad aprile con Grosseto, Livorno, Lucca e Massa Carrara. Oltre al biglietto "dimezzato" molti musei offriranno anche visite guidate, omaggi e sconti nei negozi interni. Sul sito di Unicoop Firenze la lista completa dei musei convenzionati per i soci Coop e il dettaglio delle attività.

Insieme al Museo Unicoop Firenze 2x1 sconti musei Toscana soci Coop

Non solo "Insieme al Museo": dalla carta cinema Coop al teatro under 30

Non è il primo progetto che vede la collaborazione tra Unicoop Firenze della Regione. Tra i più recenti c'è la Carta Grande Cinema, che offre la possibilità di entrare in sala il giovedì e la domenica a prezzo ridotto; c'è il progetto "Under 30", con spettacoli e concerti a prezzi vantaggiosi e ci sono i "Campus al museo", per offrire a bambini e ragazzi divertimento e tanti spunti culturali nei periodi in cui la scuola è chiusa. Tra le collaborazioni ormai assodate c'è anche Bibliocoop, oltre 30 biblioteche attive negli spazi soci Coop e animate da presentazioni di libri e iniziative in collaborazione con le biblioteche pubbliche locali.

31 gennaio 2018
articoli correlati

Opificio delle Pietre Dure: visite anche in notturna

Più di un mese di aperture straordinarie per il Museo dell’Opificio delle Pietre Dure di Firenze, un piccolo gioiello spesso snobbato dal turismo di massa

L’architettura toscana da “Oscar” foto

Alla Palazzina Reale di Firenze la mostra del Premio di Architettura della Toscana, che per la prima volta ha incoronato i progetti migliori realizzati nella regione negli ultimi 5 anni

Street art e supereroi: i tour guidati più insoliti

Non solo David e Uffizi. Le agenzie che si occupano di tour guidati a Firenze hanno pensato a itinerari diversi, sulle tracce della street art o dei supereroi del passato
quartieri di firenze
Primo piano

Pari viola Bergamo

Reduce dalla sconfitta contro la Juve la Fiorentina è salita a Bergamo col chiaro intento di far punti. C’è riuscita contro un’Atalanta chiaramente distratta dall’Europa League
news
Newsletter il Reporter Firenze - iscriviti
Zoom
Agenda
L'intervista
La guida
Focus

Ninjaz: l'hip hop e il rap toscano targato Numa Crew

Un po' rapper, un po' writer (è suo il super murales vicino alla Fortezza da Basso): abbiamo incontrato Ninjaz, che ha appena esordito con il suo primo lavoro da solista, 'Showgun'

Palazzo Strozzi, le mostre del 2018

Dall’arte italiana di metà Novecento alle controverse performance di Marina Abramović, ecco gli eventi espositivi ci aspettano a Palazzo Strozzi nei prossimi mesi

Monet experience a Firenze: impressionisti a 360 gradi video

Quadri senza tele, proiettati su enormi schermi e sulle architetture di Santo Stefano al Ponte. Per la 'Monet experience' ci vuole anche naso, grazie a profumi naturali creati per l'esposizione digitale

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina