mercoledì 15 agosto 2018

Fotografia sonora di una città della Nigeria

Una mappa sonora e un sound artist africano, Emeka Ogboh: a Firenze per il Black History Mounth arriva la'installazione Lagos Soundscapes, che cattura i rumori della popolosa città della Nigeria
Barbara Palla
Emeka Ogboh Firenze Lagos Black History Mounth

Emeka Ogboh 

Una città grande e in pieno cambiamento infrastrutturale produce quotidianamente molti suoni, da quelli assordanti dei cantieri, al trambusto del traffico fino ai richiami dei passanti e commercianti. Non tutti però li chiamerebbero solo rumori: tra questi c'è Emeka Ogboh, video e sound artist della Nigeria, che da anni registra i suoni della città di Lagos una delle principali città della costa nigeriana nell'idea di riprodurne la mappa sonora.

La sua opere dal titolo Lagos Soundscapes sarà presentata nel contesto del Black History Month di Firenze, in collaborazione con Radio Papesse, in Via Panicale venerdì 2 febbraio 2018 a partire dalle 17.00. L'artista ha deciso di registrare i suoni della città di Lagos (leggi l'articolo de La Rivista Culturale su Emeka Ogboh) in quanto cuore pulsante della vita economica e commerciale del Nigeria e una delle città più grandi dell'Africa occidentale. La città è da sempre in evoluzione, in espansione, infatti l'artista mira a riprodurne, con il suo  sound landscape o soundscape (orizzonte sonoro), sia la dimensione geografica che storica.

L'installazione di Emeka Ogboh

La sua installazione propone un viaggio tra i quartieri, seguendo i rumori di ferraglia delle vecchie corriere per poi passare ai ronzii più sordi dei nuovi autobus, dal richiamo dei commercianti al mercato si passa invece alle trasmissioni radiofoniche dei bar e al brusio domestico. Grazie all'integrazione di alcune registrazioni trovate negli archivi Ogboh riproduce anche un viaggio temporale sovrapponendo i suoni di epoche diverse.

Lagos Soundscapes Emeka Ogboh

Tutte le registrazioni di Lagos sono accomunate da un suono costante, quello del clacson dei tipici taxi gialli che sfrecciano da una parte all'altra della città, proprio come  a New York, un suono che secondo Ogboh caratterizza la città e la rende subito riconoscibile.

Proprio per queste sue caratteristiche, l'installazione Lagos Soundscapes sarà posta proprio nel centro di Firenze, presso il Galaxy Market di Via Panicale in San Lorenzo. Una scelta cha ha la duplice intenzione di  valorizzare un quartiere che da anni ormai ospita numerose attività commerciali e abitanti di origine africana e creare un parallelo tra la musicalità di Lagos e quella del Mercato Centrale, anch'esso scandito quotidianamente dai rumori e i traffici dei commercianti.  Chissà quale sarebbe secondo Ogboh il suono caratteristico di Firenze?

31 gennaio 2018
articoli correlati

Che c’è di nuovo alla Palazzina dell’Indiano

Alla ‘fine’ delle Cascine nasce uno spazio espositivo e un luogo dedicato alle le arti performative, con una caffetteria e un angolo libri. Ci sono anche tante attività gratuite per tutta l’estate

Sette artisti "scomodi" alla scoperta di Parigi

Venerdì 11 Rachele Ferrario presenta il suo libro “Les Italiens. Sette artisti alla conquista di Parigi” al Museo Novecento insieme al direttore Sergio Risaliti

Compleanno millenario per San Miniato

La Basilica di San Miniato si prepara a festeggiare 10 secoli di bellezza e di fede con un lungo programma di eventi
quartieri di firenze
Primo piano

Ferragosto 2018 a Firenze: eventi, concerti e sagre per chi resta in città

Non c’è solo il mare. La nostra guida per scoprire tutto quello che c'è da fare in città il 15 agosto tra film, concerti e sagre
news
Estate
Da non perdere
On the road
Tempo Libero
Focus

Cinema all’aperto nel teatro romano di Fiesole

In programma i migliori film dell’Istituto Stensen su un grande schermo gonfiabile all’interno della suggestiva area archeologica. Due settimane di cinema a Fiesole e il biglietto è low cost

Concerti davanti Santo Spirito e viste guidate gratuite

Per tutto agosto, alla sera, musica sul sagrato della basilica di Santo Spirito. E la Fondazione Salvatore Romano apre le porte in notturna con visite guidate a ingresso libero

Gli artisti del Maggio sul "palcoscenico" del Museo Novecento

Al Museo Novecento prende vita la mostra dedicata a bozzetti e figurini dei più grandi artisti del XX secolo, che hanno prestato la loro opera per il Maggio Musicale Fiorentino. 

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina