lunedì 19 febbraio 2018

Omar Sosa e Gustavo Ovalles in concerto

Il jazz fa incontrare Cuba e Venezuela, piano e percussioni: nella Sala Vanni di piazza del Carmine il concerto di Omar Sosa e Gustavo Ovalles, all'interno del Black History Month Florence
Barbara Palla
Omar Sosa in concerto con Gustavo Ovalles

Un concerto all'insegna del dialogo interculturale è quello previsto per sabato 3 febbraio dalle 21.15 in Sala Vanni in piazza del Carmine. Omar Sosa e Gustavo Ovalles, due musicisti jazz, rispettivamente pianista e percussionista, uniscono musicalità e sonorità molto diverse tra loro in un linguaggio musicale universale dallo stile unico e libero.

Omar Sosa è un pianista di origini cubane, o meglio afrocubana, un'identità che risulta dalla diaspora africana verso le Americhe iniziata nel Seicento durante la tratta negriera. Dall'identità afrocubana nasce una particolare forma di jazz, che, a differenza di quello afroamericano nato nel sud degli Stati Uniti, risente molto delle influenze culturali ereditate dai ritmi sostenuti tipici delle musiche tradizionali dell'Africa centrale (leggi l'approfondimento su LaRivisitaCulturale.com).

La libertà musicale che lo contraddistingue lo ha portato a collaborare con numerosi artisti internazionali dal genere più vario. Non ultimo Gustavo Ovalles, percussionista del Venezuela, famoso per le sue ricerche sulle varie sonorità tradizionali che compongono l'orizzonte musicale venezuelano. Entrambi si esibiranno sul palco, molto meno esotico, della Sala Vanni ed è inserito nella programmazione del Black History Month di Firenze.

Palcoscenico speciale per Omar Sosa e Gustavo Ovalles

La Sala Vanni è parte integrante del complesso monumentale della Basilica di Santa Maria del Carmine che si trova in Piazza del Carmine. Lo spazio era originariamente del Comune, ed successivamente stato messo a disposizione della comunità, in particolare è stato concesso al progetto Musicus Concentus, che ha sede proprio nei locali. Grazie alla collaborazione tra quest'ultimo e l'altro progetto musicale fiorentino, Jazz Music Pool, la Sala Vanni si è trasformata in un auditorium innovativo dedicato alla musica jazz e a tutte le sue declinazioni e forme, dalle sonorità più pure a quelle più elettroniche.

Omar Sosa e Gustavo Ovalles in Sala Vanni Black History Month Florence

La Sala Vanni ha oggi una fama particolare tra gli appassionati di musica non solo di Firenze e dintorni, ma anche a livello internazionale, non tanto per i suoi affreschi del 1700 circa, quanto invece per i suoi raffinati e innovativi cartelloni e programmazioni musicali. Il concerto di sabato  è quindi una occasione insolita per scoprire entrambi. 

2 febbraio 2018
articoli correlati

Il musical Jersey Boys arriva a Firenze

Lo spettacolo pluripremiato arriva a Firenze per portare sul palco i grandi successi della band The Four Seasons, che ha venduto oltre 175 milioni di dischi in tutto il mondo

Gianmaria Vassallo, giovane menestrello che canta la Toscana video

Ha 22 anni, ma la sua carriera è iniziata a 10 in tv, accanto a Gerry Scotti. Intervista a Gianmaria Vassallo: attore che canta la 'toscanità'  e il più giovane interprete dantesco d'Italia

Firenze Rocks 2018: tutto quello che c’è da sapere sul programma

I nomi in cartellone, le date, i costi biglietti: dopo il successo dell’anno scorso torna il Firenze Rocks con big internazionali: dai Guns N’ Roses ai Foo fighters fino a Ozzy Osbourne
quartieri di firenze
Primo piano

Pari viola Bergamo

Reduce dalla sconfitta contro la Juve la Fiorentina è salita a Bergamo col chiaro intento di far punti. C’è riuscita contro un’Atalanta chiaramente distratta dall’Europa League dopo la sconfitta di misura subita a Dortmund e prima della sfida di ritorno contro il Borussia. Di Badelj e Petagna le reti. Rosso nel finale a Milenkovic
news
Newsletter il Reporter Firenze - iscriviti
Zoom
Agenda
L'intervista
La guida
Focus

Ninjaz: l'hip hop e il rap toscano targato Numa Crew

Un po' rapper, un po' writer (è suo il super murales vicino alla Fortezza da Basso): abbiamo incontrato Ninjaz, che ha appena esordito con il suo primo lavoro da solista, 'Showgun'

Palazzo Strozzi, le mostre del 2018

Dall’arte italiana di metà Novecento alle controverse performance di Marina Abramović, ecco gli eventi espositivi ci aspettano a Palazzo Strozzi nei prossimi mesi

Monet experience a Firenze: impressionisti a 360 gradi video

Quadri senza tele, proiettati su enormi schermi e sulle architetture di Santo Stefano al Ponte. Per la 'Monet experience' ci vuole anche naso, grazie a profumi naturali creati per l'esposizione digitale

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina