domenica 19 agosto 2018

Street Clerks: 'Sanremo? Per ora lo guardiamo in tv'

Finora non hanno mai calcato il palco dell'Ariston, ma - ammettono - di averci pensato. Intervista ai fiorentini Street Clerks, impegnati in tv nel programma 'E poi c'è Cattelan'
Rocco Gurrieri
Fiorentini ancora mai saliti sul palco di Sanremo sono gli Street Clerks. Non che questo li abbia tenuti lontani dai riflettori, anzi. Ci parlo infatti fra una pausa e l’altra delle registrazioni della quinta stagione del programma Sky “E poi c’è Cattelan”.
 
Il palco dell’Ariston per voi descrive lo stato della musica italiana?
Non completamente. Il fatto che la canzone “sanremese” sia diventata una specie di genere musicale lascia intendere che artisti meno votati al “bel canto all’italiana” debbano sacrificare parte della propria originalità per parteciparvi. Ma non è un male, magari è nostalgia. Noi lo interpretiamo come un “omaggio” all’antica canzone italiana, tradizionale e pop.
 
Mai pensato di andarci?
Certo. Sarebbe una sfida magari un po’ buffa ma molto stimolante. In questi anni non abbiamo potuto pensarci concretamente per via del nostro impegno con Sky a “E poi c’è Cattelan”.
 
Nel singolo “Vitamina” si percepisce un sound più elettrico rispetto al vostro passato. Qualcosa è cambiato?
Nei nuovi pezzi la scommessa è stata provare a scrollarci di dosso qualsiasi tipo di etichetta, essere genuini. È stato un passo importante e necessario anche se il disco deve ancora uscire. Resta la passione per chitarre e voci ma come hai notato anche tu, si sono aggiunti nuovi elementi come le chitarre elettriche.
 
Da musicisti: esibirsi su un grande palco o in televisione sono due lavori distinti?
La tv e i grandi palchi sono cose diverse, a volte opposte. Sui palchi l’obbiettivo è pensare il meno possibile, dare tutto, entrare in empatia col pubblico. Lo show è calcolato, hai davanti più telecamere che persone, l’interazione è diversa. Fortunatamente però EPCC è molto “Live”, il pubblico risponde, di solito ci sono poche interruzioni e nel bene e nel male improvvisiamo parecchio! All’occorrenza recitiamo anche, come è capitato con Ben Stiller.
 
Una band o il/la cantante italiana di adesso che meglio incarna la vostra idea di qualità in musica.
Proviamo: l’ultimo Niccolò Fabi, Max Gazzè, the Giornalisti, l’ultimo Cremonini è bello e maturo e poi ci piace il nuovo underground... I Cani, Cosmo, Calcutta e molti altri.
 
8 febbraio 2018
articoli correlati

Il Maggio musicale in tour nei quartieri (gratis)

Si chiama Maggio Metropolitano ed è un viaggio in cui la musica della prestigiosa istituzione arriva nei quartieri della città, con esibizioni a ingresso libero. E il repertorio non sarà solo classico

Concerti e visite nell’ospedale di Santa Maria Nuova

Le note entrano nel più antico ospedale ancora attivo di Firenze. La Fondazione Santa Maria Nuova onlus organizza quattro ‘Concerti di primavera’a ingresso libero

I fiorentini che hanno fatto la storia di Sanremo

Anno per anno, da Narciso Parigi fino ai 'piccioni' di un fiorentino adottato, tutti i concittadini che ci hanno fatto sognare (e cantare) sul palco dell'Ariston
quartieri di firenze
Primo piano

Quali controlli sono stati fatti sui ponti di Firenze

Dopo il crollo di Genova, si accendono i riflettori sullo stato di salute di ponti, viadotti, passerelle e cavalcavia anche a Firenze. La domanda più frequente è una: ci sono manufatti pericolosi?
news
Estate
Da non perdere
On the road
Tempo Libero
Focus

Cinema all’aperto nel teatro romano di Fiesole

In programma i migliori film dell’Istituto Stensen su un grande schermo gonfiabile all’interno della suggestiva area archeologica. Due settimane di cinema a Fiesole e il biglietto è low cost

Concerti davanti Santo Spirito e viste guidate gratuite

Per tutto agosto, alla sera, musica sul sagrato della basilica di Santo Spirito. E la Fondazione Salvatore Romano apre le porte in notturna con visite guidate a ingresso libero

Gli artisti del Maggio sul "palcoscenico" del Museo Novecento

Al Museo Novecento prende vita la mostra dedicata a bozzetti e figurini dei più grandi artisti del XX secolo, che hanno prestato la loro opera per il Maggio Musicale Fiorentino. 

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina