lunedì 19 febbraio 2018

Leonardo Gori, l'ultima scelta del farmacista noir

Farmacista di giorno, scrittore nel tempo libero. Abbiamo intervistato il fiorentino Leonardo Gori, classe 1957, che di recente ha pubblicato il nuovo libro dedicato al colonnello Arcieri 'L'ultima scelta'
Costanza Marrapese
Leonardo Gori, ultima scelta - Bruno Arcieri

Foto: Gianmarco D'Agostino

Leonardo Gori per molti anni si è interessato al fumetto e al disegno animato sia da studioso che da collezionista. Nel 2000 ha esordito con il primo romanzo Nero di maggio. Il romanzo L’angelo del fango del 2005 ha vinto due prestigiosi premi: il Premio Scerbanenco e il Premio Fedeli. L’ultima scelta è il nuovo romanzo inedito del ciclo, edito da TEA, dedicato al colonnello Arcieri, in libreria dall’8 febbraio.

L'ultima scelta di Leonardo Gori

È il quinto capito della piccola saga di Bruno Arcieri, colonnello dei servizi segreti in pensione, costretto a rivivere pagine inquietanti della storia d’Italia fra il 1966 e il 1970. L’Ultima scelta è l’ultimo episodio della serie e si svolge a gennaio del 1970, sullo scenario della Strage di piazza Fontana. Abbiamo scambiato quattro chiacchiere con Leonardo Gori.
 
Come nasce la sua vita da scrittore?
Ha presente le vocazioni tardive? Quando scopri in età matura quello che vorresti realmente fare? A me è successo con la scrittura, che pian piano ha preso
un’importanza preponderante e adesso occupa gran parte della mia vita. A 40 anni mi sono messo in gioco dopo le varie esperienze di critica provando a scrivere qualcosa di mio. La cosa ha funzionato e non era per niente scontato.
 
Leonardo Gori - L'ultima scelta Arcieri
 
Un incontro che l’ha segnata? 
Sicuramente, lavorativamente parlando, quello con Francesco Chiacchio, giovane pittore, illustratore e disegnatore straordinario che ha dato un carattere al mio personaggio, che forse prima non aveva, attraverso le copertine. Posso definirlo quasi un co-autore.
 
Ritroviamo il Quartiere 2 di Firenze in qualche storia?
Sì nel primo romanzo del colonnello Arcieri, ambientato negli Anni ‘30 del Novecento, quando il protagonista è molto giovane. Comincia proprio lungo l’Affrico. Questo racconto sarà presentato nel mio libro che uscirà a settembre alla Fiera del Libro alla Fortezza da Basso.
 
Una curiosità che vuole lasciarci?
Il sodalizio con Marco Vichi e il Commissario Bordelli che appare sempre nei miei romanzi come Bruno Arcieri appare in quelli di Vichi. Dei piccoli camei reciproci. Avverrà anche ne L’Ultima Scelta.
12 febbraio 2018
articoli correlati

Bambini sui social, istruzioni per l’uso

I rischi, gli 'effetti collaterali' e l'analisi delle piattaforme pensate per bambini e ragazzi. A Firenze la presentazione del libro di Simone Cosimi e Alberto Rossetti ‘Nasci, cresci e posta'

Ventidue volte ''Leggere per non dimenticare''

Via alla nuova stagione dell'iniziativa, incentrata sul ''valore del libro''. Ecco alcuni degli appuntamenti in programma

Alla scoperta degli affreschi della Cupola del Duomo

Le curiosità e i significati simbolici degli affreschi sono stati raccolti nel volume ''Gli Affreschi della Cupola di Santa Maria del Fiore La Cristianità, i suoi simboli, il Giudizio Universale''
quartieri di firenze
Primo piano

Pari viola Bergamo

Reduce dalla sconfitta contro la Juve la Fiorentina è salita a Bergamo col chiaro intento di far punti. C’è riuscita contro un’Atalanta chiaramente distratta dall’Europa League
news
Newsletter il Reporter Firenze - iscriviti
Zoom
Agenda
L'intervista
La guida
Focus

Ninjaz: l'hip hop e il rap toscano targato Numa Crew

Un po' rapper, un po' writer (è suo il super murales vicino alla Fortezza da Basso): abbiamo incontrato Ninjaz, che ha appena esordito con il suo primo lavoro da solista, 'Showgun'

Palazzo Strozzi, le mostre del 2018

Dall’arte italiana di metà Novecento alle controverse performance di Marina Abramović, ecco gli eventi espositivi ci aspettano a Palazzo Strozzi nei prossimi mesi

Monet experience a Firenze: impressionisti a 360 gradi video

Quadri senza tele, proiettati su enormi schermi e sulle architetture di Santo Stefano al Ponte. Per la 'Monet experience' ci vuole anche naso, grazie a profumi naturali creati per l'esposizione digitale

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina