giovedì 19 aprile 2018

Black Italians, la storia degli Africani d'Italia

La sede fiorentina della New York University ospita due appuntamenti da non perdere all'interno del Black History Month per approfondire la cultura 'afroitaliana'
Barbara Palla
Black Italians

Il contatto culturale tra l'Italia e l'Africa non è sicuramente recente, il Mediterraneo è spesso stato attraversato sia in una direzione che nell'altra. Da molti anni vivono in Italia comunità africane, arrivate sia per eredità coloniale, sia per spontanea migrazione. Dall'incontro tra africani e italiani sono nati i cosiddetti “meticci”, i giovani italiani dalla pelle scura la cui identità culturale è poco conosciuta.

Per approfondire la questione la New York university di Firenze organizza, insieme al Black History Month, presso la sua sede in Villa Sassetti, due incontri con la collaborazione di professori e esperti sul tema dei Black Italians o Italiani Neri.

Black Italians: a Story That Still Needs to Be Written
mercoledì 14 febbraio 2018, alle ore 18:00

Il primo appuntamento prevede l'intervento di Mauro Valeri, sociologo e collaboratore del Dipartimento per le Pari Opportunità presso l'Ufficio della Presidenza del Consiglio. L'intervento permetterà di fare luce su un argomento spesso dimenticato o ignorato, la multiculturalità di lunga data che caratterizza la società italiana.

Dopo la fine del periodo coloniale, i meticci non vennero riconosciuti ma essi sono parte integrante di una cultura “afroitaliana” presente e che deve essere esplorata. Un'occasione per approfondire un argomento di ultimissima attualità, prima di uscire e festeggiare San Valentino.

L'Italia non è un paese meticcio
lunedì 26 febbraio 2018 alle 19:15

Il secondo incontro ": Citizenship, Racism and Belonging in Contemporary Italian Political Discourse"  sarà a cura di Angelica Pesarini. La serata intende rimettere in prospettiva il discorso politico attuale con quello del periodo coloniale in Africa Orientale in tema di identità e di cittadinanza degli italiani ma soprattutto dei meticci. Un approfondimento sulla costruzione dell'identità italiana pensata come monolitica ma in realtà multisfaccettata (per altri appuntamenti sullo stesso tema, leggi LaRivistaCulturale.com).

Oltre a questi due appuntamenti, nel contesto dei La Pietra Dialogues, un ciclo di conferenze e lezioni organizzate ogni anno dall'Università Americana, sono previsti quattro interventi tra marzo e aprile 2018 dal titolo “Black Italia” sul tema della migrazione e immigrazione in Italia visto dagli occhi di alcuni registi di cui saranno presentati e proiettati i film.

Gli eventi avranno sede presso Villa Sassetti (Via Bolognese, 120). La prenotazione  è obbligatoria (lapietra.dialogues@nyu.edu o tel. 055 500 7219).

12 febbraio 2018
articoli correlati

Compleanno millenario per San Miniato

La Basilica di San Miniato si prepara a festeggiare 10 secoli di bellezza e di fede con un lungo programma di eventi

Villa Vogel premia la cultura foto

Terza edizione per il riconoscimento istituito dal Consiglio di Quartiere 4 e dedicato ad associazioni e personalità che operano nel campo culturale. Tra i premiati Virgilio Sieni e Andrea Muzzi

Guida alla Firenze meno conosciuta foto

Piccoli musei, angoli nascosti, chicche da vedere, ville storiche fuori dal centro. Vi portiamo nella Firenze non turistica, fatta di luoghi da visitare, anche in periferia
quartieri di firenze
Primo piano

Biglietti del Maggio Musicale anche in edicola

Va avanti con successo il nuovo servizio per acquistare i biglietti del Maggio Musicale Fiorentino nelle edicole della città. E dietro il bancone è arrivato anche il sovrintendente Chiarot
news
Zoom
Agenda
Area metropolitana
Curiosità
Focus

Cos’è il consorzio di Bonifica 3 Medio Valdarno

Sono in arrivo le nuove ‘bollette’ per il contributo di bonifica: saranno recapitate a 500mila cittadini tra Firenze, Prato e Pistoia

Meteo pazzo: quanto sono affidabili le previsioni del tempo?

Esistono previsioni che ci 'azzeccano' sempre? Quali sono le più attendibili e quanti giorni coprono? Non esistono più le mezze stagioni? Le risposte alle domande più comuni sul meteo

Casa Guidi, dimora-museo per vacanze d'altri tempi

3 stanze sono aperte al pubblico 8 mesi l’anno, il resto della dimora storica può essere affittato per una vacanza d’altri tempi. Viaggio dentro Casa Guidi, piccolo gioiello dell’Oltrarno fiorentino

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina