mercoledì 26 settembre 2018

Come cambia Scandicci: intervista al sindaco Fallani

Dal centro pedonalizzato, all’estensione della tramvia, passando dal nuovo bypass tra Villa Costanza, la zona industriale e l’area Socet, che sarà inaugurata presto
Gianni Carpini
Sindaco di Scandicci Sandro Fallani

La lista delle sfide strutturali per Scandicci è lunga, ne abbiamo parlato in un'intervista con il sindaco Sandro Fallani, per scoprire come sta cambiando Scandicci.

Quali sono gli obiettivi?

Stiamo affrontando con impegno progetti strategici a breve e medio termine, cito il nuovo svincolo dell’A1 a servizio soprattutto dei tanti lavoratori e delle tante imprese di Scandicci, il prolungamento della tramvia verso Casellina e Pontignale, la nuova viabilità a Torregalli per alleviare il traffico a San Giusto e velocizzare l’accesso all’ospedale, la riqualificazione di largo Spontini e il proseguimento del corso semipedonalizzato da piazza del Mercato a piazza Matteotti.

In contemporanea la Città Metropolitana sta per appaltare la passerella di Badia a Settimo e ha già affidato i lavori per la variante di San Vincenzo al via a primavera. Poi c’è un obiettivo sul quale siamo concentrati, a cui tengo anche personalmente: la costruzione di una nuova scuola, tra l’area Turri e la fermata Aldo Moro.

Intanto si pensa al nuovo regolamento urbanistico, come cambierà la città?

Sempre più a favore del lavoro, della scuola, della qualità della vita, della mobilità dei cittadini. Dopo una fase di ascolto capillare, con diciassette assemblee nei sei quartieri e un evento finale a cui stiamo lavorando, le linee guida si stanno definendo. Lo sviluppo sarà concentrato lungo la tramvia, dalla Greve a Villa Costanza. Porteremo lavoro, servizi, abitazioni, scuole dove c’è la tramvia, e la tramvia dove c’è lavoro, servizi, abitazioni, scuole.

Con un occhio attento a chi lavora e crea lavoro, a chi investe in un tessuto produttivo che si rinnova e si rigenera continuamente come il nostro: in questo a guidarci è l’articolo 1 della Costituzione.

E l’area ex Cnr?

C’è un futuro prossimo di sviluppo urbano, armonizzato con quello che sarà il secondo parco metropolitano dopo le Cascine: andiamo a progettare uno spazio di ambiente cittadino 3.0 con varie funzioni di alta qualità, con al centro le persone di tutte le età.

E c’è un presente in cui ci facciamo carico di un’area centrale per la città che per ora non è nostra, ma che se avessimo lasciato senza alcuna gestione avrebbe rappresentato un problema ingovernabile per Scandicci. All’ex Cnr organizziamo tutto ciò che di bello è possibile – invito tutti a vedere la coltivazione di tulipani – e interveniamo per il massimo controllo in tutti i modi che ci sono concessi.

Infine come sta il tessuto produttivo?

Abbiamo l’invidiabile situazione di una zona produttiva che è un’eccellenza europea dell’alta moda e del lusso. Gucci assume novecento giovani in un contesto in forte espansione, grazie alla combinazione di importanti infrastrutture con una posizione che è centrale nel Paese e accanto alla città simbolo della bellezza nella storia. Nel caso di crisi aziendali che fisiologicamente e purtroppo inevitabilmente avvengono, parlo di Braccialini, fortunatamente subentrano nuovi investitori a tutelare il lavoro, le conoscenze e il marchio.

22 marzo 2018
articoli correlati

Una vasca da premio alla Palazzina Reale: i risultati del concorso di Architetti e Berni srl foto

Si è tenuta nella sede della Fondazione Architetti Firenze la cerimonia di premiazione della seconda edizione del bando “A-Factor – interior design contest”, rivolto ai professionisti di tutta la Toscana

Firenze smart city: i vincitori del concorso fotografico

A Villa Arrivabene la premiazione dei vincitori del concorso fotografico organizzato da SILFIspa in collaborazione con il Gruppo Donatello in occasione della 48esima edizione della mostra d’arte all’aperto in piazzale Donatello.

Innovazione: la ricerca universitaria applicata alla cooperazione di lavoro

A Pisa un corridoio delle competenze tra Scuola Superiore Sant’Anna e imprese di Legacoop Produzione e Servizi
quartieri di firenze
Primo piano

Tante recriminazione e la Viola perde con l’Inter

Allo stadio Giuseppe Meazza l’Inter batte la Fiorentina 2-1 grazie anche all’arbitro Mazzoleni che concede generosamente un rigore ai nerazzurri, poi trasformato da Icardi, poi non concede un tiro dagli undici metri per un atterramento di Chiesa (autore del momentaneo pareggio) e proprio sul rovesciamento di fronte la squadra di Spalletti sigla il gol vittoria con D’Ambrosio. Una serata da dimenticare per la squadra di Pioli
news
Focus
Agenda
Area metropolitana
Sui banchi
Focus

Linari a Madrid inseguendo il sogno del pallone

L'intervista alla giovane campionessa cresciuta a Firenze, difensore della Nazionale Italiana di calcio femminile, che è passata in estate dalla Fiorentina Women’s all’Atlético de Madrid Femenino

Un'altra hit dopo il tormentone della ''Fi-pi-li song''? video

Mai pensato di cantare la coda in superstrada? È stata l'idea del trio scandiccese che quest'estate ha impazzato su Youtube e in radio e ha in serbo altre sorprese per l'inverno  

Bistecca alla fiorentina patrimonio Unesco?

Da Firenze arriva la proposta di includere la celebre ‘fiorentina’ nell’elenco dei patrimoni mondiali dell’umanità

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina