mercoledì 26 settembre 2018

Perché il capodanno fiorentino si festeggia a marzo

A Firenze il capodanno ‘cade’ due volte: non solo il primo gennaio, ma anche il 25 marzo data che ci riporta indietro di secoli. Ecco come sarà festeggiato il Capodanno fiorentino 2018
Capodanno fiorentino 2018 perché si festeggia

Tre, due, uno. Buon anno, anche se siamo a marzo, perché dalle nostre parti festeggiamo due volte. La città del giglio ha un inizio anno tutto suo, che cade lontano da quello convenzionale: il 25 marzo, fin da tempi remoti, si celebra il Capodanno fiorentino, festa che sopravvive oggi grazie alla sfilata in costumi storici per il centro.

L'origine della festa

Facciamo un passo indietro. La questione sta tutta nel modo in cui viene calcolato il passare del tempo o meglio nella data scelta per l’inizio dell’anno. Ebbene, fin dal Medioevo il principio del calendario civile fiorentino era fissato il 25 marzo, giorno in cui la Chiesa ricorda l’annuncio dell’incarnazione ricevuto dalla Vergine Maria. Non a caso, la data cade nove mesi esatti prima di Natale.

A questa festa i nostri concittadini rimasero molto affezionati. Tanto che, quando nel 1582 entrò in vigore il calendario gregoriano (quello che seguiamo adesso), Firenze proseguì a contare gli anni alla sua maniera. Continuò fino al decreto del Granduca Francesco III di Lorena che nel 1749 decise di far partire l’anno il primo gennaio. Risolse così una volta per tutte la grande “confusione di date” che esisteva in Toscana, uniformandosi al sistema usato all’epoca in buona parte d’Europa.

In precedenza sia Firenze sia Pisa erano unite dal capodanno, festeggiato da entrambe il 25 marzo, ma divise da uno scarto di dodici mesi: in quella stessa data nella prima città l’anno iniziava, nella seconda volgeva al termine. Un bel rompicapo.

Il Capodanno fiorentino 2018: gli eventi in centro

Ai giorni nostri del “vecchio” capodanno rimane la tradizione più antica, rispolverata ufficialmente dal Comune di Firenze a partire dal 2000: anche quest’anno, il 25 marzo, il corteo storico della Repubblica fiorentina partirà alle 15.15 dal Palagio di Parte Guefa e attraverserà il cuore del centro storico (via Pellicceria, via Porta Rossa, via Calimala, piazza della Repubblica, via degli Speziali, via Calzaiuoli, piazza del Duomo, via dei Servi).

Infine arriverà intorno alle ore 16 alla Santissima Annunziata, principale santuario mariano della città, da cui poi ripartirà mezz'ora dopo. Il simbolo della festa è l’affresco che raffigura l’Annunciazione, custodito all’interno della basilica, dove un tempo si recavano in pellegrinaggio i contadini per rendere omaggio all’effige dell’Annunziata, sulla quale esiste una leggenda. L’opera sarebbe miracolosa: si narra che il pittore, un certo frate Bartolomeo, non riuscì a completare la scena perché non era in grado di ritrarre le fattezze del volto della Madonna. A terminare il capolavoro – sempre secondo il mito – sarebbe stata una mano prodigiosa, quella degli angeli.

E le iniziative a Porta San Frediano (con visite guidate)

Anche San Frediano festeggia il Capodanno Fiorentino 2018 con vari eventi. Porta San Frediano, recentemente sottoposta a restauro, sarà visitabile dalle 11 alle 12 grazie a tour guidati su prenotazione (quartiere4@comune.fi.it), a seguire l'inaugurazione ufficiale e la performance della Compagnia delle Seggiole.

Le iniziative continuano nel pomeriggio al Circolo Rondinella del Torrino, prima con gli stornelli fiorentini (ore 16), poi alle 18 con la presentazione del libro Si stava meglio quando si stava peggio di Andrea Muzzi e Bruno Santini.

23 marzo 2018
articoli correlati

Festa in piazza Gualfredotto

240 persone hanno partecipato alla cena sotto le stelle organizzata dal centro commerciale naturale Punti di Incontro. Grazie ai fondi raccolti nella piazza arriverà un defibrillatore automatico

A tu per tu con l'artista

Al Museo Novecento la conferenza dedicata all'opera di Eliseo Mattiacci, artista contemporaneo protagonista di una mostra in chiusura alla Galleria Poggiali.

Il Toscana Pride 2018 è a Siena

Annunciata la data e la nuova ‘tappa’ del corteo lgbtqia. Dopo Firenze e Arezzo, il pride arriva nella città del palio a metà giugno
quartieri di firenze
Primo piano

Tante recriminazione e la Viola perde con l’Inter

Allo stadio Giuseppe Meazza l’Inter batte la Fiorentina 2-1 grazie anche all’arbitro Mazzoleni che concede generosamente un rigore ai nerazzurri, poi trasformato da Icardi, poi non concede un tiro dagli undici metri per un atterramento di Chiesa (autore del momentaneo pareggio) e proprio sul rovesciamento di fronte la squadra di Spalletti sigla il gol vittoria con D’Ambrosio. Una serata da dimenticare per la squadra di Pioli
news
Focus
Agenda
Area metropolitana
Sui banchi
Focus

Linari a Madrid inseguendo il sogno del pallone

L'intervista alla giovane campionessa cresciuta a Firenze, difensore della Nazionale Italiana di calcio femminile, che è passata in estate dalla Fiorentina Women’s all’Atlético de Madrid Femenino

Un'altra hit dopo il tormentone della ''Fi-pi-li song''? video

Mai pensato di cantare la coda in superstrada? È stata l'idea del trio scandiccese che quest'estate ha impazzato su Youtube e in radio e ha in serbo altre sorprese per l'inverno  

Bistecca alla fiorentina patrimonio Unesco?

Da Firenze arriva la proposta di includere la celebre ‘fiorentina’ nell’elenco dei patrimoni mondiali dell’umanità

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina