mercoledì 25 aprile 2018

La Fiorentina travolge l’Udinese

Ad un mese dalla morte di Davide Astori la Fiorentina ha recuperato proprio quella gara che fu sospesa per la morte del suo capitano. E la viola vincendo (2-0) contro l’Udinese prosegue la striscia vincente
Simone Spadaro

Nel nome e nel ricordo di Davide Astori. Il capitano è stato ricordato anche allo stadio Friuli di Udine al tredicesimo minuto con uno scrosciate applauso. Del resto Udinese-Fiorentina non fu giocata esattamente un mese fa proprio a causa dell’improvviso decesso del capitano viola. La Fiorentina ha ottenuto la quinta vittoria consecutiva dimostrando un nuovo carattere e grande compattezza. Alla Dacia Arena decidono Veretout e Simeone. Oddo, alla settima sconfitta consecutiva, conferma davanti a Bizzarri Stryger Larsen e capitan Danilo, mentre accanto a loro rientra Samir. Sulle fasce Widmer e Adnan. In attacco De Paul e Perica. Nella Fiorentina non gioca l’ex Thereau, fermato da guai fisici. Pioli ripropone Milenkovic in difesa accanto ai centrali Pezzella e Hugo e Biraghi, tornato dalla squalifica, sul lato opposto. Anche Benassi si rivede in mezzo dopo il turno di stop, assieme a Dabo e Veretout. Saponara sulla trequarti a rimorchio del tandem composto da Falcinelli e Chiesa.

Primo Tempo

L’Udinese parte bene ma la Fiorentina non è da meno. Al 6’ ci prova subito Chiesa ma la sfera termina a lato di poco. Al 18’ si vede l’Udinese con Perica che salta Pezzella e prova ad impensierire Sportiello che si rifugia in angolo. Al 28’ i viola passano in vantaggio. Giuseppe Pezzella dell’Udinese stende Chiesa servito in area da Falcinelli. Per l’arbitro Luca Banti è rigore che Veretout realizza per l’1-0. Al 36’ Falcinelli, a tu per tu con Bizzarri, non riesce a colpire il pallone e spreca il raddoppio. Si va al riposo con la Fiorentina avanti di un gol.

Secondo Tempo

L’Udinese più brillante ad inizio ripresa ance se ancora la Fiorentina, al 61’, ad andare vicino alla rete quando Pezzella colpisce di testa ostacolando Dabo e facendo finire la palla sul fondo. Pioli toglie Falcinelli ed inserisce Simeone che al 71’ segna. E’ Chiesa che si accentra dalla sinistra e serve l’argentino che riesce ad eludere le marcature di Samir e Danilo e, dopo un rimpallo, batte Bizzarri con un diagonale. Secondo gol consecutivo per il “Cholito”, nono in totale. Al 77’ è Lasagna, per l’Udinese, a cercare la rete ma la palla finisce alta. Finisce 2-0 per i viola che tornano in zona Europa League.

L’allenatore

Stefano Pioli è soddisfatto a fine gara. “Le cose importanti sono le prestazioni, i risultati arrivano perché giochiamo bene. Noi dovremo vincere più partite possibile e fare il massimo. Non era facile tornare a Udine, anche se Davide è con noi, i suoi insegnamenti ci accompagneranno sempre. I ragazzi sono forti, hanno carattere e personalità, sanno che dobbiamo dare il massimo ogni giorno che siamo insieme. Abbiamo sbagliato solo le gare con Sampdoria e Verona – conclude Pioli – ma  stiamo raccogliendo i frutti che abbiamo seminato dal 4 luglio”.

3 aprile 2018
quartieri di firenze
Primo piano

Cosa fare a Firenze tra il 25 aprile e il primo maggio

Doppio ponte, tante occasioni per passare la festa della Liberazione e la festa dei lavoratori in città: ci sono fiori da ammirare o appuntamenti per i patiti dello shopping
news
Con dolce forza - Mostra Bagno a Ripoli
Zoom
Agenda
Area metropolitana
Curiosità
Focus

Compleanno millenario per San Miniato

La Basilica di San Miniato si prepara a festeggiare 10 secoli di bellezza e di fede con un lungo programma di eventi

Cos’è il consorzio di Bonifica 3 Medio Valdarno

Sono in arrivo le nuove ‘bollette’ per il contributo di bonifica: saranno recapitate a 500mila cittadini tra Firenze, Prato e Pistoia

Meteo pazzo: quanto sono affidabili le previsioni del tempo?

Esistono previsioni che ci 'azzeccano' sempre? Quali sono le più attendibili e quanti giorni coprono? Non esistono più le mezze stagioni? Le risposte alle domande più comuni sul meteo

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina