mercoledì 26 settembre 2018

Una Fiorentina cinica e bella “sbanca” l’Olimpico

Sesta vittoria consecutiva per viola a Roma contro i giallorossi. Simeone a segno ancora: tre gol nelle ultime tre gare. La Fiorentina dopo la scomparsa di Davide Astori non ha sbagliato una partita. Tre punti ineccepibili che alimentano i sogni di qualificazione in Europa League
Simone Spadaro

La serie d’oro della Fiorentina, nel ricordo di Davide Astori, prosegue. Sei vittorie di fila mancavano dal torneo 1959/1960 e la risalita in classifica, dal dodicesimo al settimo posto, ha dell’incredibile. E’ la terza vittoria per 2-0 consecutiva. Simeone ha segnato in tutte le ultime tre gare, la squadra di Stefano Pioli è diventata granitica ed ha trasformato il dolore in forza di volontà. Adesso l’opportunità di tornare a giocare l’Europa League è concreta. Erano sei anni che la Fiorentina non vinceva all’Olimpico contro i giallorossi. La Roma, ancora frastornata dalla sconfitta subita a Barcellona ha giocato bene ed è stata sfortunata ma non avrebbe potuto far niente contro una Fiorentina cinica ed ordinata. Di Francesco schiera Peres e Juan Jesus ai fianchi di Manolas e Fazio in difesa davanti ad Allison. Strootman, Gonalons e Nainngolan a centrocampo davanti al tridente formato da Dzeko, Defrel ed El Shaarawy. Pioli che non ha Federico Chiesa fermo per squalifica sceglie, davanti a Sportiello, Laurini, Pezzella, Vitor Hugo e Biraghi in difesa, Veretout, Dabo e Benassi in mediana, Eysseric e Saponara sulla trequarti alle spalle dell'unica punta Simeone.

Primo Tempo

Al primo affondo la Fiorentina va in vantaggio. E’ il 7’ quando Veretout crossa per Pezzella, che prolunga per Saponara. Il passaggio per Benassi si concretizza una rasoiata di sinistro che finisce alle spalle di Allison. La Roma riparte con grande cattiveria ed al 12’ Dzeko colpisce un palo. Ci mette ancora lo zampino Dzeko al 27’ quando si trova a tu per tu con Sportiello da posizione defilata, prima il portiere e poi Dabo respingono il suo tiro. Al 39’ arriva il raddoppio. Azione personale di Simeone che parte dalla trequarti, supera Manolas e Bruno Peres e batte Alisson di destro. Si va al riposo con i viola avanti di due lunghezze sui giallorossi.

Secondo Tempo

La ripresa è un lungo monologo giallorosso con la Fiorentina sempre molto attenta a difendere il vantaggio. Al 46’ occasionissima per Dzeko che si fa parare un gran tiro da Sportiello che toglie la palla dall’angolino alla destra. Al 55’ Nainggolan smarcato da Dzeko arriva davanti a Sportiello, ma calcia addosso al portiere da pochi passi. Schick, al 73’, prende la traversa di testa. Passa un minuto ed anche Fazio colpisce la traversa. La Fiorentina stringe i denti e si salva anche all’84’ sul tiro di El Shaarawy. Alla fine i viola conquistano tre punti che la rilanciano in zona Europa League.

L’allenatore

Stefano Pioli, a fine gara, si è soffermato sulla partita e sull’incredibile momento della Fiorentina. “Una partita giocata bene e con coraggio. Dal punto di vista tecnico non è stata la nostra miglior partita perché abbiamo sbagliato tanti tocchi e ripartenze, però è il momento che stiamo cavalcando che ci sta portando a vivere ed a compiere un qualcosa di straordinario. Davide è sempre nei nostri cuori e nella nostra testa, tutto ciò che facciamo lo facciamo anche e soprattutto per lui. Ho scoperto un gruppo di giocatori straordinari. Abbiamo dato tutto in campo ma adesso dobbiamo preparare le prossime gare. Dovremmo recuperare le energie e preparare gli incontri futuri. Siamo cresciuti molto, sia a livello di gruppo sia a livello di singoli. Stiamo costruendo un qualcosa di importante e ogni giocatore della mia rosa è migliorato tanto”.

7 aprile 2018
articoli correlati

Tris viola. Battuta la Spal

La Fiorentina torna alla vittoria, al Franchi, battendo la Spal 3-0. Primo gol per Pjaca, poi Milenkovic e Chiesa. I viola salgono a 10 punti confermandosi tra le squadre più in forma in questa prima parte di campionato

Si sblocca la Fiorentina. Successo a Bologna

Torna alla vittoria, dopo due sconfitte, la Fiorentina e lo fa nel derby dell’Appennino. 3 punti importanti che arrivano dopo l’inaspettata visita in ritiro dei fratelli Della Valle

Pareggio argentino tra Fiorentina e Inter

Mauro Icardi e Giovanni Simeone decidono atteso anticipo della prima giornata del girone di ritorno. La Fiorentina, passata in svantaggio ad inizio ripresa per un gol di Icardi recuperà al 91’ con una prodezza di Simeone. Decisive, dunque, le due punte argentine
quartieri di firenze
Primo piano

Tante recriminazione e la Viola perde con l’Inter

Allo stadio Giuseppe Meazza l’Inter batte la Fiorentina 2-1 grazie anche all’arbitro Mazzoleni che concede generosamente un rigore ai nerazzurri, poi trasformato da Icardi, poi non concede un tiro dagli undici metri per un atterramento di Chiesa (autore del momentaneo pareggio) e proprio sul rovesciamento di fronte la squadra di Spalletti sigla il gol vittoria con D’Ambrosio. Una serata da dimenticare per la squadra di Pioli
news
Focus
Agenda
Area metropolitana
Sui banchi
Focus

Linari a Madrid inseguendo il sogno del pallone

L'intervista alla giovane campionessa cresciuta a Firenze, difensore della Nazionale Italiana di calcio femminile, che è passata in estate dalla Fiorentina Women’s all’Atlético de Madrid Femenino

Un'altra hit dopo il tormentone della ''Fi-pi-li song''? video

Mai pensato di cantare la coda in superstrada? È stata l'idea del trio scandiccese che quest'estate ha impazzato su Youtube e in radio e ha in serbo altre sorprese per l'inverno  

Bistecca alla fiorentina patrimonio Unesco?

Da Firenze arriva la proposta di includere la celebre ‘fiorentina’ nell’elenco dei patrimoni mondiali dell’umanità

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina