mercoledì 15 agosto 2018

Banco Fiorentino, positivi i numeri del primo bilancio

Presentato il primo bilancio dell’istituto nato dalla fusione di tre BCC. Utile in aumento, conti in ordine e ottimismo per il futuro
Redazione

Utile in crescita, solidità patrimoniale certificata, sostegno economico alle famiglie e alle piccole e medie imprese del territorio: il Banco Fiorentino guarda con ottimismo al futuro, forte dei numeri del bilancio d’esercizio 2017, il primo chiuso dalla banca nata nell’estate 2016 dalla fusione di BCC Mugello, BCC Impruneta e BCC Signa. Il bilancio è stato presentato oggi e verrà sottoposto all’Assemblea dei soci per l’approvazione.

L’utile netto è di 3,827 milioni di euro, contro i 3,650 milioni complessivi del 2016. La raccolta da clientela si è attestata a 1.427 milioni di euro, gli impieghi a famiglie ed imprese a 924 milioni, con un aumento del 4,82%.

Il rapporto tra le masse di denaro raccolte dalla clientela e quelle impiegate finanziando imprese e privati è pari all’82,54%. L’efficienza operativa è pari all’1,78%: si definisce così il rapporto tra i costi operativi, comprendenti spese amministrative (a partire da quelle per il personale), accantonamenti netti ai fondi rischi, rettifiche e riprese di valore su attività materiali e immateriali e altri oneri di gestione, e il totale attivo.

Altri indicatori che fotografano la solidità patrimoniale: il Banco Fiorentino rispetta il sospirato CET1 ratio, l’indice patrimoniale pari al rapporto tra fondi propri e totale delle attività di rischio ponderate che si attesta al 17,72%. Il Liquidity Coverage Ratio (LCR), coefficiente di liquidità della banca calcolato secondo le disposizioni di Basilea 3, è pari al 151%. Il Net Stable Funding Ratio (NSFR), indicatore strutturale di liquidità a medio-lungo termine, è pari al 137%.

Migliora anche l’indice di qualità del credito: la copertura dei crediti deteriorati è passata infatti dal 51,91% del 2016 al 58,01% del 2017.

Tenendo fede alla sua natura di banca del territorio, il Banco Fiorentino ha sostenuto numerose iniziative culturali, sportive, di volontariato e di promozione della cooperazione per 700mila euro.

Oggi il Banco conta oltre 45mila clienti e più di 12mila soci su 56 comuni distribuiti in sette province, dall’alto Mugello alle colline del Chianti, da Firenze fino a Pisa passando per la Piana fiorentina, l’Empolese Valdelsa. Ha un patrimonio di 160 milioni di euro, 29 sportelli attivi e 237 dipendenti.

"Questi risultati – commenta il presidente Paolo Raffini – sono il frutto della operatività e fiducia accordata dai soci e dai clienti alla loro banca a cui va un grande ringraziamento unitamente alla professionalità di tutti i collaboratori. Questa è la vera forza della cooperazione e dell’essere una banca locale con i piedi per terra".

9 maggio 2018
articoli correlati

Vendesi castelli (da sogno) a Firenze foto

Ville di lusso o castelli storici, attici in pieno centro o dimore nella campagna vicino alla città. A Firenze gli immobili di pregio non sentono crisi. Ecco le richieste dei 'clienti deluxe'

Inflazione ferma a Firenze

Più cari i pacchetti vacanza, ma cala il costo del carrello della spesa e della benzina

''No ai supermercati aperti a Ferragosto’’, sciopero Cgil, Cisl e Uil

Le sigle di settore lanciano in Toscana la mobilitazione per l’intera giornata del 15 agosto 2016. ''Ribadiamo la contrarietà alle aperture degli esercizi commerciali nelle Festività'', dicono
quartieri di firenze
Primo piano

Ferragosto 2018 a Firenze: eventi, concerti e sagre per chi resta in città

Non c’è solo il mare. La nostra guida per scoprire tutto quello che c'è da fare in città il 15 agosto tra film, concerti e sagre
news
Estate
Da non perdere
On the road
Tempo Libero
Focus

Cinema all’aperto nel teatro romano di Fiesole

In programma i migliori film dell’Istituto Stensen su un grande schermo gonfiabile all’interno della suggestiva area archeologica. Due settimane di cinema a Fiesole e il biglietto è low cost

Concerti davanti Santo Spirito e viste guidate gratuite

Per tutto agosto, alla sera, musica sul sagrato della basilica di Santo Spirito. E la Fondazione Salvatore Romano apre le porte in notturna con visite guidate a ingresso libero

Gli artisti del Maggio sul "palcoscenico" del Museo Novecento

Al Museo Novecento prende vita la mostra dedicata a bozzetti e figurini dei più grandi artisti del XX secolo, che hanno prestato la loro opera per il Maggio Musicale Fiorentino. 

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina