sabato 23 marzo 2019

Nel paradiso delle rose che fanno impallidire Chanel n.5

Alle spalle del cimitero di Soffiano ci sono 6000 mq completamente ricoperti da vasi di rose "speciali". Scopriamo questo luogo magico e profumatissimo di rose da collezione
Laura Piccioli

Erano nati come vivaisti negli anni ’80, fino a quando la passione per le rose li ha talmente assorbiti da farne diventare una loro specializzazione. Così la famiglia Cavina, composta da Roberto, Grazia Maria e Nicola ha deciso di dedicarsi completamente alla cura di questi fiori, aprendo un’azienda specializzata nella coltivazione di rose, ma non le classiche che si trovano con semplicità in commercio, bensì quelle da collezione, antiche, dai colori più disparati e dai profumi più inebrianti.

Alle porte di Firenze, infatti, proprio alle spalle del cimitero di Soffiano, il colpo d’occhio è pazzesco: 6000 mq completamente ricoperti da vasi di rose.

“Quando porto alle narici un bocciolo di rosa – ci racconta Nicola - il suo profumo suscita in me una leggera nostalgia che mi catapulta in un mondo fantastico. Subendo questo fascino, abbiamo deciso di trasformare quella che era una passione in una vera e propria attività produttiva in cui mettiamo tutto il nostro amore per queste piante.”

All’interno del vivaio sono presenti quasi 400 varietà diverse di questi fiori che vengono selezionati accuratamente, come ci ha spiegato Grazia Maria “Studiamo moltissimo, per essere sempre aggiornati su quelle che sono le ultime novità e le mode del momento. Cerchiamo tipologie provenienti da tutto il mondo, che ovviamente possano sopravvivere anche nel nostro territorio, prediligendo i fiori più profumati e più belli.”

 

LA COLLEZIONE

La collezione in vendita va dalle rose americane a quelle inglesi, da quelle antiche alle più moderne, degli ibridi di Hulthemia persica, tipica di paesi come l’Iran, l’Afganistan e il Turkmenistan a quelle invece inventate proprio dal signor Roberto che mette la sua passione anche nella creazione di nuovi fiori. Come ad esempio la Denise/Tempesta, il cui nome ricorda un’amica di famiglia dal forte temperamento che si caratterizza per un color malva violaceo velato da una sfumatura grigia con un profumo quasi incredibilmente speziato, con una forte componente di chiodi di garofano.

 

DALLE ROSE PIÙ "COMMERCIALI" A QUELLE PIÙ PREGIATE

Tra le più vendute, sicuramente la rosa blu, anche se Nicola ci tiene a precisare “la vera rosa blu non esiste ancora...Non sono infatti riusciti a crearla. Quelle che vediamo in commercio sono colorate artificialmente. Due rose invece che meriterebbero a nostro avviso attenzione per la loro particolarità sono la Stainless steel e la Jude the Obsure: la prima per il suo colore che richiama l’acciaio, la seconda per la sua eleganza ed il suo profumo da fare invidia anche a Chanel numero 5”.

 

 

21 maggio 2018
articoli correlati

Wander and pick: riapre il parco dei tulipani a Scandicci

A fine marzo inaugurazione del campo di tulipani nel parco dell’ex Cnr di Scandicci: per tutta la fioritura sarà possibile la raccolta. In programma visite guidate, degustazioni e concerti

Innovazioni per il biologico toscano, un convegno per presentare i risultati

L'11 settembre l'evento finale del progetto “Tecno innovazioni per la valorizzazione sostenibile del bio toscano – 4 Bio”, con l'assessore regionale all'agricoltura Marco Remaschi e Sara Guidelli di Legacoop Toscana

Com’è la nuova piazza dei Ciompi

Festa per la nuova piazza-giardino, realizzata dopo un progetto di recupero che ha trasformato la zona del mercato delle pulci in un’area verde con spazi per fiere settimanali e mensili
quartieri di firenze
Primo piano

Cosa fare a Firenze per il primo weekend di primavera

I migliori eventi in programma a Firenze durante il primo fine settimana di primavera, tra musei (gratis), parchi che riaprono e mercatini vintage
news
Focus
Agenda
Attualità
Dalla città
Focus

Tanti auguri Batigol: compleanno in piazza della Signoria per il Re Leone

Gabriel Batistuta compie 50 anni e festeggia nella "sua" Firenze. Il 31 marzo la grande festa pubblica in piazza della Signoria

Viaggio per immagini nella cultura coreana al Florence Korea Film Fest

Il ritorno di Kim Ki-duk, l'ospite speciale Jung Woo-Sung e 45 titoli tra corto e lungometraggi. Una settimana dedicata al cinema coreano, dal 21 al 28 marzo, a La Compagnia

Linea 2 della tramvia, qual è il percorso e dove sono le fermate video

Finiti i lavori si avvicina l’inaugurazione della linea 2 della tramvia. Ecco la mappa del nuovo tracciato e di tutte le fermate per non farsi trovare impreparati quando partirà la T2

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina