domenica 23 settembre 2018

Le 3 mostre estive alle Gallerie degli Uffizi

In viaggio al museo, anche sotto il Solleone. 5 luoghi d'arte di Firenze (più una biblioteca) ospitano rassegne che dureranno fino agli inizi dell'autunno
Barbara Palla
Mostre Uffizi Firenze estate 2018

Le opere di Fritz Koenig nel giardino di Boboli

Tre mesi, tre mostre e sei musei in un'unica città. Per quest'estate le Gallerie degli Uffizi propongono un ricco e intenso programma espositivo grazie al quale è possibile compiere un vero e proprio giro del mondo nella storia dell'arte, senza varcare il confine di Firenze.

Fino alla prima metà di ottobre, gli Uffizi, il Museo Nazionale del Bargello, la Limonaia Grande di Boboli, lo stesso Giardino di Boboli e infine la Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze, faranno parte insieme di tre mostre collegate ma indipendenti.

Un percorso museale unico a Firenze per scoprire artisti di fama internazionale, interessanti reperti archeologici a lungo rimasti nei depositi, e l'Oriente antico, il suo fascino e i suoi contatti con la città di Firenze attraverso le collezioni delle sue più importanti famiglie. Un incentivo per tutti, grandi e piccini, per passeggiare attraverso la storia dell'arte e meravigliarsi di opere inedite e sicuramente in parte inaspettate.

Doppia location per "Fritz Koening 1924 – 2017 la Retrospettiva"

La prima mostra ad essere inaugurata è ospitata nel Giardino di Boboli e nelle Gallerie degli Uffizi, nei quali fino al 7 ottobre ha sede la prima grande retrospettiva, curata da Alexander Rudigier, Eike Schmidt e Stefanje Weinmayr, dedicata all'artista tedesco Fritz Koening.

Considerato da alcuni uno degli scultori più influenti del XX secolo, conosciuto per aver realizzato la Sfera Cariatide che occupava lo spazio davanti alle Torri Gemelle, oggi posta sul Ground Zero di New York, Koening fu molto restio, durante la sua vita, ad esporre le proprie opere o partecipare in modo attivo nelle fiere o ai mercato dell'arte. La mostra dunque per la prima volta, dopo la sua scomparsa avvenuta il 22 febraio 2017, accosta e raccoglie i suoi capolavori realizzati durante tutto l'arco della sua carriera iniziata negli anni '50.

L'esposizione si divide tra il Giardino di Boboli nel quale si possono ammirare le sculture monumentali in bronzo, pietra e corten collocate in modo dialettico con il panorama fiorentino. Agli Uffizi sono invece esposte le sculture di dimensioni ridotte, di piccolo e medio formato, così come i primi disegni realizzati per i monumenti dedicati allo sterminio di Mauthausen.

Fritz Koenig mostra Boboli Firenze

Il percorso espositivo, suddiviso in sezioni, ripercorre i temi più cari all'artista, dall'Olocausto, alla solitudine, passando per i movimenti di massa, fino ai cavalli. Proprio le sculture equine lo collegano in modo più o meno diretto alla città di Firenze ed in particolare all'artista Marino Marini. Koening  condivideva con Marini una grande amicizia ma anche una spontanea passione per l'equitazione. Non solo il fascino dell'animale muoveva gli artisti ma anche il particolare rapporto che lega il cavaliere e il cavallo, in una sorta di declinazione atavico-sessuale che si può infatti ritrova nelle piccole sculture contenute agli Uffizi. Ed è proprio il tema equestre che pone in relazione le opere della Retrospettiva con la seconda mostra del programma estivo.

Info: sul sito degli Uffizi nella sezione dedicata alla mostra "Fritz Koening 1924 – 2017"

Prezzi: la mostra è inclusa nel biglietto degli Uffizi (20€ intero, 10€ ridotto)  e nel biglietto del Giardino di Boboli, intero (10€, ridotto 5€, gratuito per i residenti nel Comune di Firenze).

La mostra di Palazzo Pitti: "A Cavallo del Tempo"

Solo qualche passo oltre le sculture monumentali di Koening, nella Settecentesca Limonaia Grande di Palazzo Pitti, fino al 14 ottobre si tiene  A Cavallo del Tempo. L'arte di cavalcare dall'Antichità al Medio Evo. Un percorso attraverso dei secoli alla scoperta dello stretto rapporto che lega l'uomo e il cavallo.

A Cavallo nel tempo mostra estate 2018 limonaia Palazzo Pitti estate 2018

Ultimo animale ad essere addomesticato, il cavallo diventa, dal IV millennio a.C. in poi, parte integrante delle attività dell'uomo, nel combattimento, nel lavoro,negli spostamenti o nei sacrifici rituali e religiosi. I reperti archeologici, i bassorilievi e le opere, selezionate dai curatori Lorenza Camin e Fabrizio Paolucci, spesso dimenticati nei depositi dei musei a vantaggio di altri più appariscenti, intendono raccontare l'evoluzione di questo particolare rapporto di simbiosi in un percorso articolato in cinque sezioni: preistoria, il mondo greco e magno greco, il mondo etrusco e venetico, l'epoca romana e il Medioevo.

Ad accompagnare la mostra, la multivisione “ A cavallo del tempo”, proiettata su oltre 300 metri quadri di parete e realizzata da Gianmarco D'Agostino, mette in relazione i reperti esposti con le immagini dal vivo di cavalli in corsa o impegnati in attività di lavoro agricolo. La colonna sonora costituita di nitriti e rumore di zoccoli al galoppo completano l'immersione sensoriale nel viaggio e nella mostra.

Info: sul sito degli Uffizi nella sezione dedicata alla mostra "A Cavallo del Tempo"

Prezzi: la mostra è inclusa nel biglietto del Giardino di Boboli ( 10€, ridotto 5€, gratuito per i residenti nel Comune di Firenze).

Uffizi e non solo: Islam e Firenze

Di tutt'altro calibro è la terza ed ultima mostra estiva degli Uffizi Islam e Firenze. Arte e collezionismo dai Medici al Novecento, curata da Giovanni Curatola, ospitata nelle stesse Galleria, nell'Aula Magliabechiana, al Museo Nazionale del Bargello e presso la Biblioteca Nazionale, fino al 23 settembre.

Ad accogliere gli spettatori è sempre un animale, una sontuosa giraffa impagliata e conservata al Museo de La Specola regalata dal Viceré d'Egitto al Granduca Leopoldo nel 1830 - che intende ricordare quella viva e più antica regalata dal Sultano d'Egitto nel 1487 alla corte dei Medici. Il percorso espositivo intende però celebrare il dialogo, le influenze, le contaminazioni e gli scambi commerciali, artistici, intellettuali e umani tra la città di Firenze e il mondo arabo-islamico.

Agli Uffizi sono infatti esposte le opere che testimoniano e raccontano questi scambi: dai bacili in metalli martellati e decorati finemente, passando per le ceramiche orientali con le loro tipiche decorazioni in bianco e blu, e uno splendido manoscritto di provenienza persiana il Libro dei Re o Shahnameh di Firdowrsi datato al 1217. Senza dimenticare l'ampia collezione di stoffe e tappeti, tra cui troneggia il magnifico tappeto di dieci metri di lunghezza, conservato e restaurato proprio a Firenze e risalente all'Egitto mamelucco di fine Quattrocento e inizio Cinquecento.

Islam Firenze mostra Uffizi estate 2018 - Gallerie Uffizi

Al Museo del Bargello sono invece esposti i pezzi appartenuti ai grandi collezionisti fiorentini come Frederick Stibbert, Stefano Bardini e Giulio Franchetti. Si possono quindi ammirare gli elmetti di soldati ottomani, alcune decorazioni in avorio preziosamente scolpite, così come alcuni cristalli di rocca e numerose stoffe broccate dallo splendido stile orientale.

Infine la Biblioteca Nazionale propone una selezione, curata da Alessandro Diana e Simona Mammana, di testi, relazioni e diari di viaggiatori, esploratori, artisti ed architetti nei quali si scopre un Oriente in apparenza lontano ma dal fascino magnetico. I libri proposti provengono sia dagli archivi della stessa Biblioteca, in particolare dalle collezioni lorenesi, sia dagli altri istituti archivistici dell'area fiorentina.

Questa ricchezza proveniente dal passato è stata pensata, esposta e offerta ai cittadini nell'intento di dimostrare la continuità delle influenze, dell'apertura, e soprattutto dell'amicizia con un mondo di cui oggi si vede in primo piano solo la sua parte più chiusa e violenta. L'arte e Firenze intendono con questa mostra proporre una visione diversa del passato, del presente per immaginare un nuovo e possibile futuro.

Info: sul sito degli Uffizi nella sezione dedicata alla mostra "Islam e Firenze"

Prezzi: il biglietto combinato  costa intero 29 €, ridotto 14.50 € , è valido per tre giorni consente di visitare gli Uffizi, il Bargello e il Museo Archeologico di Firenze.

Per prenotare la visita ad una delle tre mostre è possibile telefonare allo 055 29 03 83 o scrivere a firenzemusei@operalaboratori.com.
 

28 giugno 2018
articoli correlati

Le mostre da vedere a Firenze (prima che sia tardi)

I migliori eventi espositivi da visitare prima della fine dell’estate 2018, se ancora non l’avete fatto

Tutti i musei di Firenze aperti di sera d'estate

Dagli Uffizi all'Accademia, passando dall’Archeologico e dal Cenacolo di Andrea del Sarto. Le aperture serali dei musei fiorentini fino a settembre

Cinema all'aperto a Scandicci, c'è OpenCine 2018

Torna ad accendersi il proiettore dell’arena estiva del Teatro Aurora di Scandicci. Fino al 27 luglio, tre giorni a settimana, i migliori film della scorsa stagione
quartieri di firenze
Primo piano

Tris viola. Battuta la Spal

La Fiorentina torna alla vittoria, al Franchi, battendo la Spal 3-0. Primo gol per Pjaca, poi Milenkovic e Chiesa. I viola salgono a 10 punti confermandosi tra le squadre più in forma in questa prima parte di campionato
news
Focus
Agenda
Area metropolitana
Sui banchi
Focus

Un'altra hit dopo il tormentone della ''Fi-pi-li song''? video

Mai pensato di cantare la coda in superstrada? È stata l'idea del trio scandiccese che quest'estate ha impazzato su Youtube e in radio e ha in serbo altre sorprese per l'inverno  

Scuola, novità per gli studenti scandiccesi

Questo mese ha portato con sé tante novità a scuola a Scandicci, tra lavori di adeguamento, riqualificazione e ampliamento delle strutture, nuovi corsi scolastici e applicazioni per smartphone

Bistecca alla fiorentina patrimonio Unesco?

Da Firenze arriva la proposta di includere la celebre ‘fiorentina’ nell’elenco dei patrimoni mondiali dell’umanità

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina