mercoledì 18 luglio 2018

La nuova piazzetta del Giglio a Firenze

Nel cuore di Firenze rinasce la storica piazzetta grazie a un intervento di restauro urbano e diventa meta preferita dei fiorentini che sono alla ricerca di nuove prospettive artistiche, lontano dal trambusto
Barbara Palla
Piazzetta del Giglio

Nascosta tra via del Corso e via delle Oche, proprio nel cuore del centro di Firenze, c’è la piazzetta del Giglio a lungo dimenticata ma rinata grazie ad un intervento innovativo e partecipativo di restauro urbano.

L’iniziativa è stata portata avanti dai volontari della Fondazione Gli Angeli del Bello, creata nel 2010, dall’azienda di raccolta dei rifiuti, oggi Alia, e dall’Associazione Partners Palazzo Strozzi, per salvaguardare la bellezza di Firenze.

Gli Angeli del Bello si occupano quotidianamente di cancellare le scritte inappropriate sui muri, arrivando ad includere qualche volta le opere degli street artist fiorentini. Con l’accordo dei dipendenti del Comune inoltre, si occupano anche di sistemare le aree verdi e le piazze tralasciate della città. Seguendo l’esempio virtuoso del restauro della piazzetta dei Tre Re, gli Angeli del Bello hanno replicato l’intervento in piazzetta del Giglio.

Piazzetta del Giglio Firenze, bassorilievo

Il "restyling" della piazzetta del Giglio

Per ben due mesi, dopo anni di noncuranza, hanno rinfrescato l’intonaco degli edifici, riverniciato i cancelli, pulito i vetri delle finestre e dei tabernacoli e, infine, lucidato i due bassorilievi del Presidente americano John F. Kennedy e di Papa Giovanni XXIII (apposti durante un precedente tentativo di restauro avvenuto negli anni ‘60), di quella che era anticamente conosciuta come “Cella del Fico” per la presenza di un’antica mescita contraddistinta proprio dal frutto.

La piazza si è così trasformata in un giardinetto urbano e per tutto il mese di maggio è stata protagonista di numerosi eventi, è perfino diventando inoltre la sede temporanea di una galleria d’arte all’aria aperta realizzata dall’architetto Giulia Fanigliulo. Rinasce così un angolo unico e intimo, lontano dal trambusto, dedicato ai fiorentini che sono sempre alla ricerca di nuove prospettive urbane e artistiche.

12 luglio 2018
articoli correlati

Il progetto per l'ex caserma Lupi di Toscana

Da zona militare a social housing, ecco come si trasformerà l'ex caserma Gonzaga, al confine tra Firenze e Scandicci. Presentato il progetto vincitore del concorso di idee

Via Gioberti: maxi-marciapiedi e incroci a misura di pedone

La via dello shopping cambia volto: 800mila euro per il progetto di riqualificazione. Lavori entro l'anno

Dal giardino agli antiquari. Le ipotesi per i Ciompi video

Oltre 200 persone hanno partecipato alla maratona d’ascolto organizzata dal Comune di Firenze per parlare insieme ai cittadini del futuro di piazza dei Ciompi. Le immagini dell'incontro
quartieri di firenze
Primo piano

Rockin’1000 allo Stadio Artemio Franchi

La più grande rock band vivente (oltre 1000 musicisti) si incontra il 21 luglio allo stadio fiorentino per una grande "partita" giocata a suon di musica
news
Zoom
Agenda
Storie
Area metropolitana
Focus

Il Florence Folks Festival balla alla Manifattura Tabacchi

Per la prima volta la balera più movimentata di Firenze arriva nella Manifattura Tabacchi: 4 giorni di concerti e iniziative a ingresso libero per il festival che unisce tradizione e contemporaneità

Il tulipano bio nasce a Scandicci

Parte dal comune alle porte di Firenze lo studio per far crescere la prima coltivazione biologica di tulipani. Dopo i primi semi gettati durante l’iniziativa ''Wander and Pick'' sono in vista novità

Come cambiano i percorsi dei bus Ataf con le nuove linee della tramvia

Un bus viene soppresso, nascono 3 nuovi collegamenti mentre altri 9 cambieranno capolinea. Novità anche per le fermate dei pullman extraurbani. Linea per linea tutte le modifiche al servizio Ataf

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina