sabato 15 dicembre 2018

In bici sul Bisenzio sulle orme di Bartali

Gli itinerari in mezzo al verde per conoscere la Val di Bisenzio su due ruote tra sentieri, piste ciclabili, dimore storiche e panorami mozzafiato
Dario Baldi
Val di Bisenzio

Campi Bisenzio ha un pregio, quello di essere parte della Val di Bisenzio, un’area geografica che si estende nella parte centro-settentrionale della provincia di Prato, insinuandosi fino ai rilievi dell’Appennino Tosco-Emiliano, toccando anche Vernio, Cantagallo, Vaiano, Prato, Signa e proprio la stessa Campi.

CINQUECENTO CHILOMETRI DI SENTIERI

Quando si parla di Val di Bisenzio si intende la parte superiore del corso d’acqua del fiume Bisenzio, fino allo sbocco in pianura dello stesso fiume.
Tante sono le attività possibili da svolgere per conoscere la Val di Bisenzio e ritrovare il legame tra uomo e natura. Sono infatti cinquecento i chilometri di sentieri attrezzati a cui si aggiungono i più di sessanta chilometri di piste ciclabili collegate. Per scoprire questa valle, un itinerario è quello che porta a visitare il massiccio della Calvana, con un percorso privo di fonti d’acqua ma con punti panoramici unici nel suo genere. Diverse tappe a partire dall’accesso a Vaiano, sulla SS325, fino ad arrivare a Valibona, luogo dove morì Lanciotto Ballerini, o a Prato stessa.

SULLA CALVANA A CACCIA DI DIMORE STORICHE

Altro sentiero tutto da scoprire, da fare in mountain bike, è quello che parte da Rio Buti ed arriva a Gonfienti, al confine fra Prato e Campi Bisenzio. Circa nove chilometri per una settantina di minuti di pedalata con il passaggio nel tracciato della Calvana e l’incontro con due dimore storiche come Villa Rucellai e Villa del Palco, casa del mercante Datini. Quando si giunge presso la Stazione Centrale di Prato, la pista si immette nel centro storico e, proprio a Gonfienti, si attraversa un’area di un antico insediamento.


Tutte le piste ciclabili che si snodano nella Val di Bisenzio hanno una particolarità, sono infatti tutte dedicate a grandi campioni del ciclismo come Bartali, Coppi o Girardengo.

17 luglio 2018
articoli correlati

Firenze Canapa, una fiera dedicata alla cannabis legale

Erba legale in tutte le sue varianti, dalle infiorescenze all’uso in cucina e in edilizia. 50 espositori, incontri e convegni: alla Fortezza da Basso di Firenze una 2 giorni sulla cannabis light

Picnic a Firenze, i parchi dove fare un pranzo sull'erba

In città o poco fuori, su grandi prati dove distendere la tovaglia sull'erba o in aree attrezzate con barbecue per le grigliate. La nostra mappa dei parchi di Firenze e dintorni dove fare un picnic

Il vero e falso del risparmio energetico (a casa)

Come risparmiare energia a casa in poche mosse? Ecco i consigli, i trucchi e i modi migliori per far 'dimagrire' la bolletta dell'elettricità e del gas. Ma attenzione ai falsi miti
quartieri di firenze
Primo piano

Non solo mercatini: cosa fare a Firenze nel weekend

Babbi Natale in moto, la Firenze del futuro, scuole aperte per i più giovani, mostre e spettacoli. Cosa fare a Firenze nel fine settimana del 15 e 16 dicembre
news
Focus
Agenda
Attualità
Dalla città
Focus

Natale nei musei di Firenze (con i bambini)

Le attività per le famiglie organizzate nei luoghi d'arte della città. Ecco i musei di Firenze che propongono visite speciali a misura di bambino durante le vacanze natalizie

Le scuole si presentano 2018: a Firenze ''open day'' per 38 istituti superiori

Licei, istituti tecnici e professionali. Nella palestra di viale Malta quasi 40 scuole superiori di Firenze si mettono in mostra per il salone di orientamento promosso dal Comune

Dodici giorni davanti al pubblico: nuova "re-performance" di Marina Abramovic

Vivere in isolamento e digiuno all'interno della mostra, senza pareti e sempre visibile ai visitatori. La performer Tiina Pauliina Lehtimäki esegue dal vivo "The House with the Ocean View" di Marina Abramovic fino al 16 dicembre

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina